22Settembre2017

 

Sei qui: Home Cronaca Pisticci ancora senz'acqua. Domani (12 gennaio) scuole chiuse a Pisticci centro e Scalo. Si torna in classe a Marconia
  • image
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Pisticci ancora senz'acqua. Domani (12 gennaio) scuole chiuse a Pisticci centro e Scalo. Si torna in classe a Marconia

ore 21.41 - Saranno due i punti rifornimento di acqua potabile nella giornata di domani, 12 gennaio, a Pisticci centro.
Un’autobotte sarà presente in piazza dei Caduti, l’altra in piazza Plebiscito. Entrambe saranno disponibili dalle ore 9.00 alle ore 14.00. Tutti coloro che hanno bisogno di rifornirsi possono recarsi in queste due zone.
La comunità è rimasta a secco dopo il guasto verificatosi lungo l’adduttore del Frida. La criticità si è presentata nel pomeriggio del 10 gennaio, ad un giorno di distanza Acquedotto Lucano ha reso note le difficoltà di individuare e raggiungere la zona della rottura, avvenuta in un bosco impervio ed al momento innevato.
In serata l’acqua è arrivata a Tinchi, dove in questi giorni si sono verificati problemi di altra natura, connessi alla pressione, essendo la frazione pisticcese servita dalla linea del Pertusillo, che pure aveva patito un guasto nel corso dell’emergenza neve. Per gli stessi problemi sono rimaste a secco anche alcune contrade.

ore 18:15 - Da ieri sera quattro squadre di tecnici di Acquedotto Lucano sono al lavoro in un tratto di bosco e rovi ricadenti nel Parco Nazionale del Pollino per individuare il guasto alla condotta del Frida, che sta causando gravi disagi a 20 comuni della provincia di Matera.
"Si tratta di un territorio - spiegano da AL - particolarmente impervio, difficile da raggiungere con qualsiasi mezzo a motore, in quanto non esistono né strade né sentieri, e la zona è ricoperta da un manto di neve e ghiaccio alto circa un metro; le temperature sono parecchi gradi al di sotto dello zero. I tecnici sono riusciti a circoscrivere il tracciato da esplorare in un tratto di 12 chilometri, compresi nei territori di Castelluccio Inferiore e San Severino Lucano.
Le ricerche proseguiranno anche domattina, con l'ausilio di un elicottero che, grazie all'intervento della Prefettura di Matera, è stato messo a disposizione dai vigili del fuoco e che si eleverà dall'eliporto dell'ospedale Madonna delle Grazie di Matera alle ore 10 di domani. Naturalmente, una volta individuato il punto esatto del guasto, sarà necessario stabilire l'entità del problema e provvedere alla riparazione.
Nel frattempo, Acquedotto Lucano sta mettendo in atto ogni azione utile a ridurre i disagi alle popolazioni, assicurando il servizio - ove possibile ed anche se solo per alcune ore della giornata – con le riserve dei serbatoi, oppure garantendo il servizio sostitutivo con la distribuzione di sacche di acqua; le autobotti, invece, sono state destinate a garantire i servizi primari.
Tutta l'attività, come è evidente, è particolarmente complessa e potrebbero essere necessari anche alcuni giorni per il ritorno alla normalità".
I comuni interessati sono: Valsinni, Colobraro, Accettura, Calciano, Cirigliano, Craco, Ferrandina, Garaguso, Gorgoglione, Grassano, Grottole, Miglionico, Pomarico, Montalbano, Montescaglioso, Oliveto Lucano, Pisticci, San Mauro Forte, Salandra e Stigliano.

ore 18.00 - A proposito dei problemi alla rete idrica che durante l'emergenza neve hanno interessato tutta la Basilicata e che in molti Comuni risultano ancora irrisolti, l'Acquedotto Lucano fa sapere che "si è attivato per ripristinare il servizio in tutte le abitazioni nel più breve tempo possibile e comunque nell'arco di pochi giorni".
I problemi principali hanno riguardato i contatori idrici: in base ad una prima stima, quelli rotti a causa del gelo sarebbero 9.500, un migliaio dei quali sono già stati sostituiti.
"Nella consapevolezza che i soli dipendenti della società non possono, da soli, far fronte a questa straordinaria emergenza, Acquedotto Lucano ha mobilitato numerose imprese qualificate, in possesso di professionalità e mezzi, per ridurre al massimo i tempi di intervento ed assicurare che ogni ripristino venga fatto secondo i criteri e i requisiti indispensabili di sicurezza e igiene. Anche per questa ragione, sono assolutamente vietati gli interventi di privati cittadini, a meno che non si tratti di operazioni che si svolgono oltre il punto di consegna del servizio: il contatore o il limite di proprietà privata.
Per tutti gli interventi messi in atto da Acquedotto Lucano - si precisa - nessuna somma di denaro dovrà essere corrisposta dai cittadini.
Oltre al call center, per inoltrare le segnalazioni è attivo l'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .
In considerazione del perdurare delle basse temperature, gli utenti sono invitati a mantenere o prendere alcune semplici precauzioni: è consigliabile lasciare che da un rubinetto fuoriesca un filo d'acqua in modo che la stessa sia sempre circolante nell'impianto; le nicchie poste all'esterno dei fabbricati devono comunque essere opportunamente coibentate con materiali isolanti, come ad esempio polistirolo o poliuretano espanso; avvolgere le tubature dell'acqua e il misuratore con lana di vetro o stracci; se l'impianto non è utilizzato (seconde case, per esempio) dopo aver chiuso la valvola, provvedere, se possibile, allo svuotamento delle tubazioni a valle del contatore e, quindi, dell'impianto interno". 

ore 15.30 - Una task-force attiva 24 ore su 24 per fronteggiare l’emergenza neve è stata istituita da Acquedotto Lucano sin da giovedì scorso, 5 gennaio. Sono stati mobilitati tutti gli addetti al servizio idrico, i tecnici e i 32 operatori del call center, oltre al personale delle altre direzioni che sta svolgendo attività di supporto. 

Da venerdì 6 gennaio a ieri sono pervenuti al call center 11.449 contatti telefonici da parte degli utenti, 7.212 dei quali (il 63 per cento) sono stati gestiti dagli operatori di Acquedotto Lucano. Le segnalazioni - spiega una nota dell'ufficio stampa di Acquedotto Lucano - sono in gran parte riferite al congelamento delle derivazioni idriche sia su suolo pubblico che su proprietà privata o alla rottura – a causa del gelo - dei contatori: in base ad una prima stima, sarebbero più di 9.500 i contatori da sostituire, un migliaio dei quali già sostituiti. 
E’ stato, inoltre, attivato un nuovo indirizzo di posta elettronica (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ) a disposizione delle utenze ed anche i canali dei social network sono stati utilizzati al fine di raccogliere ed evadere altre centinaia di segnalazioni. 
La task-force sta impegnando tutti gli addetti al servizio idrico integrato e tutti i tecnici dei centri operativi e della sede centrale di Potenza - complessivamente, 110 persone - che da giovedì stanno lavorando ininterrottamente sul territorio con tutte le difficoltà legate alle basse temperature, agli spostamenti, alla percorribilità delle strade ed alla logistica. 
Sono state inoltre attivate tutte le squadre delle ditte affidatarie della manutenzione di pronto intervento. Tuttavia, poiché tale sforzo non è stato ritenuto sufficiente a dare una risposta immediata al ripristino del servizio idrico, la fontaneria è stata supportata con il coinvolgimento di ditte esterne qualificate, in possesso dei mezzi e delle competenze necessarie, per un numero di altre 10 imprese. 
Accanto a questi problemi, - prosegue la nota - Acquedotto Lucano sta fronteggiando quelli dovuti alla riduzione della disponibilità di acqua potabile: le temperature, ben oltre sotto lo zero, hanno notevolmente ridotto gli apporti idrici delle sorgenti in quota già in fase di magra, sebbene la produzione degli impianti di potabilizzazione sia stata spinta al massimo. Questa situazione viene fronteggiata con ulteriori prelievi dal pozzo del consorzio di bonifica Alta Val D’Agri per integrare gli apporti sorgentizi sullo schema Agri-Basento Camastra; sono stati disposti ulteriori incrementi di portata dall’impianto di sollevamento Pietraiasso di Castelluccio Inferiore per integrare gli apporti sorgentizi dello schema idrico del Frida. 
Problemi anche ai serbatoi, in quanto a seguito degli scoppi in corrispondenza delle derivazioni idriche e dei contatori è stato riscontrato un incremento delle portate. Per consentire il recupero dei livelli dei serbatoi in diversi casi è stato necessario procedere alla interruzione del servizio idrico ed alla limitazione delle portate a servizio degli acquedotti rurali, con ulteriori disagi alle utenze. 
L’Amministratore Unico di Acquedotto Lucano, nel corso dell’intervento di questa mattina all’Assemblea degli azionisti, ha voluto ringraziare i dipendenti della società. “Purtroppo – ha detto Vita -, l’immaginario collettivo spesso identifica i lavoratori del pubblico, compresi quelli dei servizi pubblici, come una categoria di privilegiati e basta. Invece, l’impegno, l’abnegazione, lo sforzo di queste persone, prodotto praticamente in maniera ininterrotta oramai da diversi giorni, merita l’apprezzamento, non soltanto di Acquedotto Lucano, ma di tutti i lucani, anche di quelli che non abbiamo potuto supportare nella maniera tempestiva in cui avremmo voluto”.

 ore 13.30 - Alle 13 circa un'autobotte​ sarà in Piazza dei Caduti. 
Alle ore 14:30 l'autobotte della Protezione Civile stazionerà presso il piazzale retrostante la torre dell'ex Acquedotto (Piazza Castello) per rifornire i residenti del Rione Terravecchia.
Alle ore 15 si sposterà in via Vespucci (di fianco alla pensilina autobus).
Alle ore 17 l'autobotte si sposterà in Via Risorgimento nei pressi della fontana per rifornire i residenti del Rione Dirupo.
Per i cittadini del Rione Cammarelle, di via Farini, di Marco Scerra e di Rione Loreto un'altra autobotte stazionerà presso Piazza San Rocco a partire dalle ore 16 circa.

ore 12.45 - Vista la situazione di incertezza venuta a determinarsi a Pisticci per via dei problemi di rifornimento idrico causati dalla sospensione del servizio, il sindaco di Pisticci ha disposto la chiusura, anche per domani 12 gennaio, delle scuole, relativamente solo a Pisticci centro e Pisticci Scalo. Si torna in aula, invece, negli istituti di Marconia. Di seguito la comunicazione del primo cittadino. "A seguito dell'emergenza idrica che sta interessando l'abitato di Pisticci a causa della rottura della condotta Frida e delle temperature rigide che stanno provocando il congelamento di numerose condotte idriche, il Sindaco di Pisticci ordina la sospensione delle attività didattiche e non per il giorno 12 gennaio 2017 solo per le scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado ricadenti nell'abitato di Pisticci Centro e Pisticci Scalo.
Le attività didattiche e non didattiche delle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado ricadenti nell'abitato di Marconia riprenderanno regolarmente".

ore 12.03 - Acquedotto Lucano comunica che da questa mattina fornisce acqua (seppur con probabili cali di pressioni e/o momentanee sospensioni) ai comuni di Tursi,  Colobraro, San Giorgio, Valsinni, Rotondella, Nova Siri paese e Montalbano. 

L'erogazione è comunque subordinata alla disponibilità della risorsa nei serbatoi. Restano invece senza acqua ancora gli abitati di Pisticci e Craco i cui serbatoi, collocati ad altezze più elevante, non si sono riempiti a sufficienza.
Questo in attesa che venga completamente ripristinata la funzionalità dell'adduttore del Frida gravemente compromesso dalle avverse condizioni atmosferiche di questi giorni. Notevoli sono infatti le difficoltà riscontate dai tecnici a raggiungere la condotta lunga 25 Km molti dei quali ricadenti nel bosco di Castelluccio. Seguiranno altre comunicazioni

   

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione ed inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su "Policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.