20Novembre2018

 

Sei qui: Home Cronaca Uova al Fipronil vendute anche a Pisticci
  • image
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Uova al Fipronil vendute anche a Pisticci

Circa 18 chili di uova liquide contaminate dall’insetticida Fipronil sono state vendute da un grossista calabrese in Basilicata. Le partite contraffatte sono state cedute e consumate a Pisticci, in un villaggio turistico e in un agriturismo per circa 15 chili, e a Maratea, in una struttura ricettiva per i restanti 3. Si tratta di uova non destinate a supermercati e, dunque, alla tavola dei privati, ma imballate e commercializzate da una ditta di Cesena per essere vendute a villaggi, strutture ricettive e all’industria dolciaria.
La notizia è stata confermata da Gerardo Salvatore, responsabile dell’Ufficio Veterinario ed Igiene Alimenti della Regione Basilicata. “Abbiamo ricevuto dalla Regione Calabria – ha spiegato Salvatore – una segnalazione relativa a una partita di uova risultate positive ai controlli sulla contaminazione da Fipronil: provenivano da Cesena sono state vendute in Basilicata da un grossista calabrese. Ricevuta la segnalazione, alle 13 circa di venerdì 25 agosto, abbiamo diramato l’allerta ai servizi veterinari delle due Azienda Sanitarie lucane che hanno poi effettuato un sopralluogo”. Avete sequestrato partite di uova? “No perché erano state già consumate tutte: la scadenza del prodotto, peraltro, era proprio il 24 agosto e, avendo ricevuto la segnalazione nel giorno della scadenza, era oggettivamente difficile, se non proprio impossibile, riuscire a sequestrarle”.
E’ subito partita la macchina dell’allerta. “Assolutamente sì – ha confermato il responsabile dell’Ufficio Veterinario ed Igiene Alimenti di via Anzio – e questo credo che sia l’elemento più importante perché tutto quello che è in nostro potere è, appunto, l’allerta per agire sul campo e verificare se la segnalazione viene poi confermata da dati oggettivi. In questo caso siamo riusciti a verificare che le uova erano quelle indicate e contaminate. Purtroppo erano già state consumate”.
Quali rischi corrono chi le ha consumate? “Sostanzialmente nessuno: quelle uova sono state utilizzate per preparare dolci o affini e, quindi, essendo stato il prodotto finito consumato in villaggi o strutture ricettive difficilmente chi le ha mangiate potrà averne ingurgitato quantità tali da risultarne intossicato. Quelle uova non sono quelle che noi troviamo nei supermercati e, dunque, non finiscono sulle nostre tavole”. Del Fipronil, però, non dovrebbe esserci traccia nelle uova. “E’ assolutamente vero, e questo non può essere sottaciuto. Credo però di poter tranquillizzare i lucani, sia per quanto già detto in merito alle uova vendute a Pisticci e Maratea, ma soprattutto per ciò che concerne il nostro sistema: la Basilicata, infatti, non ha grandi centri di distribuzione di uova”.
Le vostre prossime mosse? “Le direttive sono chiare: non possiamo fare controlli a campione, e non avrebbe neanche senso farli. Il nostro compito è farci trovare pronti per l’allerta, come accaduto l’altro ieri, nella speranza che la segnalazione non ci arrivi con il prodotto prossimo alla scadenza e, soprattutto, già consumato”.

Piero Miolla
pubblicato su La Gazzetta del Mezzogiorno