19Ottobre2017

 

Sei qui: Home Cronaca Un anno dalla scomparsa di Nunzio Santorsola. Restano i dubbi sulla morte dell'imprenditore appassionato di pesca
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Un anno dalla scomparsa di Nunzio Santorsola. Restano i dubbi sulla morte dell'imprenditore appassionato di pesca

È trascorso un anno dalla tragica scomparsa di Nunzio Santorsola, l'imprenditore agricolo con l’hobby della pesca sportiva disperso il 10 ottobre 2016 nelle acque del mar Jonio lucano che era solito frequentare alla ricerca di grandi prede. Solo una porzione del suo corpo, una parte del cranio, venne ritrovata a marzo da un peschereccio calabrese, il Nicola Andrea, che solca acque a cavallo fra la sua regione di appartenenza e la Basilicata. Fu necessario svolgere il test del dna per avere conferma dell’identità di Nunzio. La prova venne prodotta dalla procura di Castrovillari competente territorialmente in relazione al porto di scalo del peschereccio. L’esito dell'esame fu poi comunicato a luglio scorso alla famiglia che ebbe così modo di svolgere una cerimonia funebre riservata potendo così dare degna sepoltura al suo congiunto dopo mesi di incertezze e dubbi.
Quelli che restano vanno fugati dalla procura di Matera che risulta compete per l'indagine sulla scomparsa di Santorsola anche sulla scorta delle denunce della famiglia che di recente aveva mostrato una certa preoccupazione per le mancate risposte su alcuni specifici aspetti inseriti nelle richieste e nelle denunce effettuate già nel 2016 con particolare riguardo all’esito dell’ispezione sulla barca ed ai tabulati telefonici.
La barca di Nunzio, un natante nuovo di 5,5 metri, venne ritrovata la stessa notte della scomparsa, al largo di Policoro. Trasportata al Porto della cittadina jonica, si trova ancora lì sotto sequestro. A dicembre venne portata nella sede dei Carabinieri di Policoro, per una serie di rilievi alla ricerca di tracce ematiche. Per l’esito della perizia effettuata dalla Polizia scientifica si attendono i riscontri dei Ris da Roma. Da allora ad oggi tuttavia non sono pervenute informazioni. Seppur in maniera pacata e rispettosa del lavoro degli inquirenti, i familiari hanno sempre insistito sulla necessità di far piena luce sulla vicenda indagando oltre l'ipotesi più probabile, o quantomeno quella circolata con maggiore insistenza, ovvero che Nunzio, in quel pomeriggio di ottobre, con un mare impegnativo, sia caduto dalla sua barca magari mentre era in combattimento con una grossa preda. Oltre che per le condizioni di mare, quel giorno fu particolare anche per l'incidente occorso al telefono di Nunzio, bagnato in via accidentale e fuori uso nel primo pomeriggio, riattivato alcune ore dopo e nuovamente spento intorno alle 19.00, orario nel quale si presume si siano verificate le circostanze che portarono alla sua scomparsa avvenuta assieme allo stesso telefono ed a due canne da pesca. Tutti elementi su cui occorre ancora far luce se davvero si vogliono fare dei passi decisivi verso la verità di questa brutta storia.
Il prossimo 17 ottobre Nunzio Santorsola avrebbe compiuto 39 anni. La famiglia ha deciso di far celebrare una santa messa per il giorno 18 ottobre alle ore 18.30 presso la chiesa Santi Medici a Bernalda.

Roberto D'Alessandro

   

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione ed inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su "Policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.