10Dicembre2018

 

Sei qui: Home Cronaca Scompare Nicola Dolce. Più volte consigliere comunale, il suo nome legato alla storia della Coldiretti
  • image
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Scompare Nicola Dolce. Più volte consigliere comunale, il suo nome legato alla storia della Coldiretti

E’ stato uno degli uomini che ha contribuito a fare la storia sindacale e politica della nostra città nel dopo guerra. E’ deceduto nel primo pomeriggio di oggi nella sua casa di via Europa, dove viveva con la sua famiglia, Nicola Dolce, lo storico segretario della sezione della Coltivatori Diretti della nostra città.
Nato il 1 novembre del 1933 a Irsina, nei primi anni '60 si era trasferito a Pisticci dove poi ha vissuto fino all’altro ieri. Appena giunto nel nostro centro, aveva preso in mano e portata avanti la sezione pisticcese della Coltivatori, quando questa era ancora ubicata al centro del Corso Margherita. Decenni di forte impegno e notevole attività a favore delle centinaia di coltivatori diretti e degli agricoltori del nostro vasto territorio, con il superamento di notevoli problemi legati alla categoria.
Entrato in politica, fu eletto consigliere comunale nelle file della Democrazia Cristiana nelle consultazioni amministrative del 1964. Lo stesso fu riconfermato nelle comunali del giugno 1970, e poi in quelle del 1975, 1980, 1985 e 1990 quando si presentò per l’ultima volta.
Nicola Dolce, in due consiliature ha ricoperto l’incarico di assessore comunale, dall’8 luglio 1970 al 24 agosto 1975, sindaco Rocco Grieco e dal 16 luglio 1982 al 18 luglio 1985, sindaco Gaetano Michetti. Nonostante diversi problemi legati ad acciacchi di salute, negli ultimi anni si è distinto per l’attività di consigliere svolta all’interno del Centro Anziani di Piazza Umberto I a Pisticci. Lascia la moglie Serafina e le figlie Agnese e Licia. I funerali si svolgeranno domani pomeriggio (7 agosto) nella chiesa Madre di Pisticci.

Michele Selvaggi