15Luglio2020

 

Sei qui: Home Cronaca Coronavirus, c'è un secondo caso nel territorio di Pisticci
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Coronavirus, c'è un secondo caso nel territorio di Pisticci

Secondo caso di paziente affetto da coronavirus nel territorio di Pisticci.

La notizia era circolata con insistenza già ieri sera ed è stata confermata pochi minuti fa dal sindaco di Pisticci, Viviana Verri, in un video messaggio su facebook.
Si tratta di un anziano residente nella frazione di Tinchi, la cui positività al Covid – 19 è stata comunicata oggi dalla Regione Basilicata.
L'uomo è ricoverato presso l'ospedale "Madonna delle Grazie di Matera". Le sue condizioni sono strettamente monitorate dai sanitari. La sua famiglia ha adottato i protocolli sanitari prescritti. L'esito del tampone è stato comunicato solo in giornata, non senza difficoltà per riceverlo (Verri ha dichiarato che ha dovuto personalmente insistere presso la task force regionale), nonostante fosse noto ai sanitari già da ieri.

Verri ha poi informato la cittadinanza circa le condizioni di salute del paziente numero uno del nostro territorio. L'uomo di Marconia, ricoverato anch'egli presso il nosocomio di Matera, sta meglio, è sfebbrato e resta sempre strettamente monitorato. Per quanto riguarda i suoi familiari, al momento non ci sono esiti positivi circa i test effettuati.
Verri ha tenuto a rimarcare l'importanza ed il ruolo centrale rivestiti dai sindaci anche nel fornire informazioni del genere alla cittadinanza facendo riferimento alla lettera del presidente della Regione, Vito Bardi, che, in nome del diritto alla privacy, invita i sindaci a non fornire informazioni: "Noi siamo l'autorità sanitaria del territorio - ha rimarcato il sindaco di Pisticci - possiamo avere una valenza importante nel gestire l'emergenza, pertanto non riteniamo assolutamente che la nostra voce debba essere silenziata. Continueremo sempre ad informare la nostra cittadinanza, sulla scorta di certezze".