13Novembre2019

 

  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Il 28 ottobre 1945 il delitto Santamaria a Pisticci: forse il primo processo politico del dopoguerra

Proprio di questi giorni, un episodio di 74 anni fa, finito tragicamente con la morte del giovane Andrea Santamaria. Teatro del delitto, la piazza S. Rocco dove era in attesa di partire verso Roma con la sua famiglia, l’Avvocato Alessandro Bruni, esponente repubblicano già sindaco di Pisticci dove aveva appena concluso il mandato di Commissario Prefettizio. Episodio drammatico e doloroso, legato ai momenti politici dell’epoca con risvolti penali, che dettero via libera ad un processo che fece epoca e che – come ci ricorda lo storico Giuseppe Coniglio autore di un libro sull’avvenimento (Il processo Bruni) – “calamitò” l’attenzione di studiosi, docenti universitari, stampa regionale e nazionale.
Avvenimento di grande rilevanza, il primo processo incentrato sul concetto di delitto politico sul quale si cimentarono i più illustri civilisti e penalisti dell’epoca – Sotgiu, Ungaro, Cerabona, Capalbo, Pistolesi, Alfredo De Marsico il principe del foro di Napoli, e poi Santoianni, Botti, Morlino e Limoncelli, seguito con attenzione dal Comitato centrale del Partito Repubblicano che considerava Alessandro Bruni, uno dei principali sostenitori e animatori della Lucania.
Un processo che si avvalse anche della testimonianza dell'on. Pacciardi, allora segretario nazionale del Partito Repubblicano e dell'on. Spataro, Sottosegretario agli Interni”. I fatti: tutto avvenne nel pomeriggio di domenica 28 ottobre 1945 in piazza Plebiscito, dove appunto, l’Avv. Bruni era in attesa di partire. Il tutto si consumò in poco tempo, in seguito ad una rissa in cui rimase gravemente ferito il giovane Santamaria che, prima di spirare all'Ospedale di Matera, fece i nomi di coloro che avrebbero preso parte ai disordini, senza precisare chi lo avesse materialmente colpito con coltello.
Dopo rapide indagini vennero arrestati 7 esponenti repubblicano pisticcesi, in qualità di partecipanti e l'avvocato Bruni, responsabile del Circolo Repubblicano “G.Bovio”, quale mandante. Il processo di primo grado si svolse alla Corte d'Assise di Potenza, che emise sentenza di colpevolezza per tutti gli imputati, che ricorsero in Cassazione che a sua volta annullò il provvedimento, rinviando il processo alla Corte d’Assise di Napoli. Prima udienza,14 novembre 1947 che subito scatenò polemiche per le motivazioni e i risvolti di natura sociale/politica.
Una eventuale sconfitta di Bruni, avrebbe decretato il suo definitivo ritiro dalla scena politica. I suoi avversari non aspettavano altro che la sua condanna per disfarsi di un avversario scomodo. Tutti gli imputati – ricorda Coniglio - dichiararono la propria innocenza asserendo che la loro presenza in piazza era solo quella di radunarsi li, per salutare Bruni in partenza per Roma. Bruni, nel corso del suo lungo interrogatorio, rievocò la sua lunga attività politica e i principali obiettivi della sua amministrazione intese a migliorare le disagiate condizioni dei lavoratori, azione - secondo lo stesso -  ostacolata da alcuni agrari del posto. La sentenza uscì l'11 dicembre 1949 che confermò quanto già emesso a Potenza. Tutti gli imputati condannati ad anni 6 e mesi 8 di reclusione, con 3 anni condonati. Successivamente, la Cassazione accolse in pieno il ricorso con la tesi difensiva del prof. De Marsico, annullando la sentenza di Napoli, riconoscendo il movente politico del delitto, applicando l'amnistia e ordinando la scarcerazione dei detenuti.
”Il lavoro del prof. Coniglio – spiegava l’On. Nicola Cataldo – nella presentazione dell’opera – merita apprezzamento per l’ approfondita  analisi dei fatti e per la ricostruzione storica  degli stessi”.
Analizzando poi il momento politico del dopoguerra, in particolare quello della preparazione alle comunali del 1952, Cataldo precisava che “fu Bruni ad autoescludersi dalla vita politica pisticcese, con un manifesto, poi, simpatico tutto sommato, che riconosce la funzione della nuova dirigenza comunista, quando scrive “Torna a scuola piccolo Colino”.
Ovviamente, il riferimento era proprio al giovane Nicola Cataldo, all’epoca, astro nascente del PCI locale.
Alessandro Bruni, nato il 1.12.1876, era stato sindaco di Pisticci dal 1914 al 1915, dal 1920 al 1922 e dal 9.5.48 al 30.11.49, ricoprendo anche la carica di Commissario Prefettizio dal 19.5.45 al 30.9.45.

Michele Selvaggi

"""""""""""""""""""""""""""""