In crescita infortuni e morti sul lavoro. Iannuzziello (Anmil): 'Occorrono politiche di controllo più adeguate'

All’insegna dello slogan “Cambiamo la storia”, l’Anmil intende promuovere la prossima celebrazione della 67esima giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro, fissata per domenica 8 ottobre. Lo annuncia l’Anmil materano presieduto dal Geom. Mario P. Iannuzziello di Pisticci, che rende noto il programma della manifestazione che, tra l’altro, prevede  la celebrazione di una Messa officiata dal Vescovo di Matera Monsignor Giuseppe  Caiazzo  e  la deposizione di una corona di  alloro al Monumento ai Caduti di  piazza Vittorio Veneto.
Appena dopo è prevista  la cerimonia civile  nella sala Carlo Levi del Palazzo Lanfranchi di via  Ridola col saluto e il discorso celebrativo da parte del Presidente, alla presenza di iscritti,  politici, autorità religiose, civili e militari. Al termine della cerimonia saranno consegnati  brevetti e distintivi di onore ai nuovi grandi invalidi e agli invalidi minori, oltre ad attestati  di benemerenza. Dalla nota uficiale Anmil si rileva che secondo gli ultimi dati  Inail,  la situazione nazionale resta allarmante  con  un andamento  altalenante  relativamente alle denunce, sia per quelle che riguardano gli infortuni, che delle malattie professionali e di quelle con esito mortale. 
Le cifre  dei primi sette mesi dell’anno, in termini di infortuni e di morti sul lavoro, sono cresciuti dell’1,3 e del 5,2 rispetto allo stesso periodo 2016. La crescita degli infortuni sul lavoro risulta più consistente tra quelli  cosiddetti  “in occasioni di lavoro”. Ancora più preoccupanti risultano le cifre  relative alle  denunce  degli infortuni mortali. “Questi dati – spiega il presidente Iannuzziello  – sul cui  andamento a livello locale si discuterà durante i lavori della cerimonia civile, come punto di partenza per riflettere con le istituzioni, pur se  ancora provvisori, destano  forte preoccupazione, atteso che prospettano una quasi certa e inaspettata  inversione del trend storico del nostro Paese e nel nostro  stesso territori. 
Sarà quindi importante – ha concluso Iannuzziello - in occasione della giornata,  poter avere un confronto con le istituzioni locali di cui auspichiamo la massima partecipazione per individuare politiche di prevenzione più efficaci insieme ad azioni di controllo più adeguate”.

Michele Selvaggi

comments

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione ed inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su "Policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.