21Luglio2019

 

  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Personale da altra graduatoria: 'Scelta inaccettabile'. C'è una incompatibilità del consigliere Gatto?

Non conoscendo quale sia per l’Amministrazione Comunale di Pisticci un modo consono per poter esprimere la propria libertà di parola, in quanto, se vengono posti striscioni sulle strade si viene multati in base a articoli del Codice della Strada, se si mettono locandine in piazza le stesse vengono strappate e buttate, se si scrive in maniera riservata e ufficiale agli Uffici Competenti si viene diffidati presso la stazione dei Carabinieri. Non mi resta a questo punto che provare con un articolo giornalistico.
Mi trovo a commentare un grave atto di arroganza commesso dalla Giunta Verri, la quale ha deliberato parere positivo alla stipula di una convenzione da farsi tra il Comune di Bernalda e il Comune di Pisticci, avente per oggetto … il reclutamento del personale da graduatorie in corso in quel Comune.
Praticamente, visto che nel Comune di Bernalda ci sono in corso 3 concorsi per l’assunzione di: 2 istruttori di vigilanza – 2 istruttori tecnici e 2 istruttori contabili, il comune di Pisticci decide di attingere dalle graduatorie che nasceranno da questi tre concorsi le figure necessarie a coprire le necessità di personale da assumere per soddisfare le esigenze del fabbisogno della propria pianta organica da qui a tre anni.
Ritengo davvero inaccettabile una scelta del genere per diversi motivi, ovvero:
La convenzione viene stipulata con tre concorsi in corso di definizione ma a bandi di iscrizione scaduti, vale a dire che se un candidato non era interessato a partecipare al bando di assunzione del Comune di Bernalda, oggi si ritrova fuori anche da una graduatoria che interessa in maniera diretta il Comune di Pisticci;
La convenzione non può essere valida per la graduatoria degli istruttori tecnici, in quanto, il comune di Pisticci ha una propria graduatoria, ancora in corso di pubblicazione sull’Albo Pretorio valida per tre anni.
Sul Bando del Comune di Bernalda viene chiaramente specificato che …..la graduatoria è valida esclusivamente per la copertura del posto messo a bando….. e che ai fini del trattamento dei dati personali … ogni candidato ha autorizzato il comune di Bernalda a trattare i propri dati esclusivamente ai fini della gestione della procedura in oggetto e che i dati potranno essere diffusi solo ed esclusivamente per le finalità del procedimento sopra indicato….
Viene manifestata una incompatibilità palese tra un membro della Commissione Giudicatrice in merito agli istruttori tecnici e un Candidato, l’unico del territorio Pisticcese presente in graduatoria, l’Ing. Gatto Antonio, in quanto lo stesso ricopre la carica di Consigliere Comunale del Comune di Pisticci mentre il membro della Commissione, è un dipendente dell’Amministrazione Verri avente diverse funzioni all’interno dello stesso, quindi si auspica che lo stesso o rinunci alla partecipazione al concorso in Atto, oppure rinunci a ricoprire la carica di Consigliere comunale per via della Palesata incompatibilità.
Per quanto espressamente detto chiedo pubblicamente l’annullamento della Deliberazione Verb. 72 Prot. 86 del 05/04/2018 con consequenziale Annullamento della Convenzione, anche perché, tralasciando gli aspetti tecnici della cosa, è un Atto inaspettato da un Amministrazione giovane che nega agli stessi giovani della sua Comunità una delle pochissime possibilità di impiego stabile nella propria Terra.

Un'ultima considerazione, nella mia nota non ho voluto mettere in discussione il diritto di un cittadino di partecipare a concorsi pubblici, ma  l'inopportunità di una delibera che approvava lo schema di convenzione fra i comuni di Pisticci e Bernalda, dopo che si è reso palese che al concorso bandito dal comune di Bernalda, partecipava un consigliere comunale di Pisticci con la segretaria comunale componente della commissione. Chiedevo pertanto l’annullamento di quella delibera.

Mario Petracca