22Maggio2018

 

  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Terre civiche, Tavolo Verde chiede conferenza di servizio

Vi scriviamo innanzitutto come cittadini portatori di diritti e di doveri e come dirigenti di Tavolo Verde Puglia e Basilicata per sottoporre alla Vostra sensibilità istituzionale l’annosa questione delle terre civiche nell’agro di Pisticci per le quali sono interessati circa 350 cittadini. La lettera aperta è stata inviata da Tavolo Verde al Presidente del Consiglio Regionale di Basilicata, al Presidente della Giunta Regionale, al Sindaco del Comune di Pisticci ed al Prefetto di  Matera.
Nel territorio di Pisticci - viene spiegato - insistono circa 2500 Ha di terreno la cui natura giuridica conclamata è “demanio terre civiche”. Circa 1100  di questi sono posseduti da oltre 300 cittadini. A partire dal lontano 1946 l’intera superfice è stata trasformata da pascolo cespugliato in produttive aziende agricole ben delimitate e rilevate dalla superfice media di Ha 4.  In queste sono stati eseguiti impegnativi e profondi miglioramenti fondiari a carico dei cittadini. Un’opera di tre generazioni di donne e uomini che ha cambiato il volto del territorio: si è passato dal latifondo pascolo – cespugliato ad un’agricoltura prevalentemente intensiva con risvolti positivi sullo sviluppo oltre che sull’occupazione. Tante piccole e medie aziende rese tali da chi le ha possedute e le possiede nonostante che il “capitale terra” giuridicamente non fosse ritenuto “proprietà”; infatti non vi è titolo di proprietà o patrimonio ne pubblico ne privato (L. 1766/27 e L.R. Basilicata 57/2000). In ogni caso sono creature cresciute e fatte grandi da una parte della comunità di Pisticci. In forza delle vigenti leggi i cittadini interessati possono rivendicare il “diritto di legittimazione” cosi come più volte è stato fatto (nel 1962 circa 800 Ha, sempre del comune di Pisticci, furono legittimati ed affrancati da 141 cittadini: il centro abitato di Marconia e la periferia originariamente erano terreni ad uso civico).
Il Movimento Tavolo Verde più volte ha sollevato la questione investendo l’amministrazione comunale e la Regione Basilicata rivendicando democraticamente il riconoscimento del “diritto in parola; tant’è che il 4 di Ottobre del  2014 il consiglio comunale di Pisticci prendendo atto della nomina del Perito demaniale Gaetano Perciante già designato dalla Regione Basilicata affidava a questi  il lavoro di “ACCERTAMENTI, VERIFICHE E STIMA DELLE TERRE CIVICHE IN AGRO DI PISTICCI”. Il 3 di Luglio 2017 il perito  consegnava all’ufficio Usi Civici della Regione Basilicata la relazione del lavoro affidatogli.  A distanza di circa un anno né l’amministrazione comunale, né la Regione Basilicata hanno reso noto lo “stato dell’arte”.
A fronte di tali colpevoli silenzi ed omissioni e  anche a fronte di atti che dimostrano “palesi violazioni di legge in materia di usi civici,” e non solo, Tavolo Verde Puglia e Basilicata proclamava lo stato di agitazione degli aventi diritto e, di conseguenza, allestiva un presidio permanente in Via Quattro Caselli a Marconia di Pisticci con manifesti e bandiere su terreni demaniali civici coltivati da dirigenti di Tavolo Verde Puglia e Basilicata-sono noti a tutti i risvolti di natura politico-istituzionale e giuridico-legale del confronto in atto fra l’ente locale e i dirigenti di Tavolo Verde Basilicata-.
Il perdurare di tale stato di fatto non solo va ad indebolire il necessario rapporto fra cittadini ed istituzioni e per certi versi potrebbe influire sul tessuto democratico e sulla coscienza del diritto, ma anche sul principio dell’equità sociale. Per non parlare poi della situazione di svantaggio degli agricoltori che detengono e coltivano i terreni demaniali rispetto all’accesso ai fondi europei e regionali finalizzati allo sviluppo agricolo-territoriale. Situazione questa che noi riteniamo non più sostenibile perché va ad esasperare ulteriormente gli animi dei cittadini e di tutti coloro i quali sono legati a diverso titolo all’agricoltura. E’ doveroso ricordare che i lavoratori della terra in questo ultimo ventennio sono stati colpiti più di altri da una profonda crisi economica e da una serie di eventi calamitosi che di fatto hanno messo in ginocchio l’intero settore con conseguenze disastrose sull’economia e sull’occupazione.
Da qui l’invito,  a chi in indirizzo, e ad ognuno per le proprie competenze, ad attivarsi per indire una CONFERENZA DI SERVIZIO FRA AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PISTICCI, MASSIMI RAPPRESENTANTI DELLA REGIONE BASILICATA PREFETTO DI MATERA E DIRIGENTI DI TAVOLO VERDE  PER PORRE FINE IN TEMPI STRETTI ALL’ANNOSA E PER CERTI VERSI VERGOGNOSA QUESTIONE DELLE TERRE CIVICHE.
 I DIRIGENTI DI TAVOLO VERDE SONO CONVINTI CHE LE ISTITUZIONI SAPRANNO RISPONDERE ALL’INVITO CON LA COSCIENZA DEL DIRITTO, CON LA FORZA DELLA GIUSTIZIA EQUA NEL RISPETTO DEI PRINCIPI FONDAMENTALI DELLA COSTITUZIONE ITALIANA SENZA LE QUALI LA LIBERTA, L’UGUAGLIANZA CIVILE  E LA DEMOCRAZIA SONO ASTRATTE DETERMINAZIONI SENZA CONTENUTO.

I dirigenti di Tavolo Verde Puglia e Basilicata

 

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione ed inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su "Policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.