02Aprile2020

 

Sei qui: Home Politica La chiusura dell'ufficio postale di Pisticci diventa una interrogazione ministeriale
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

La chiusura dell'ufficio postale di Pisticci diventa una interrogazione ministeriale

La chiusura prolungata dell’ufficio postale di Pisticci diventa oggetto di interrogazione al Ministro dello Sviluppo Economico. 
A presentarla l’onorevole Giovanni Burtone che fa una serie di premesse: “da lunedì 13 marzo u.s. l’ufficio postale di Pisticci è chiuso per lavori di ammodernamento; si tratta sicuramente di una buona notizia anche perchè in diverse occasioni con atti di sindacato ispettivo depositati e di cui sono stato firmatario avevo posto in evidenza la necessità di interventi che ne migliorassero il funzionamento e la sicurezza per operatori ed utenza e pur tuttavia si segnalano disagi e criticità che si sarebbero potuti evitare da parte di Poste Italiane; il periodo di chiusura si protrarrà fino al prossimo 30 marzo e questo sta determinando notevoli disagi all’utenza del territorio; sono state inviate correttamente informazioni sugli uffici postali più vicini ma è evidente che siamo in presenza di una criticità che interessa prevalentemente la popolazione anziana che è molto rilevante a Pisticci centro che ha notevoli difficoltà a raggiungere gli uffici di Marconia, tra l’altro già oberati di lavoro, o di Bernalda; va aggiunto che nell’azione di razionalizzazione a volte irrazionale adottata da Poste Italiane l’ufficio postale di Pisticci Scalo, a 6 km di distanza dal centro abitato di Pisticci, è stato chiuso da un anno e con un immobile di proprietà di Poste Italiane che è lì ormai in preda all’incuria e che oggi avrebbe fatto comodo a molti cittadini per la facile raggiungibilità; si sarebbe potuta ipotizzare per tempo la riapertura temporanea dell’ufficio di Pisticci Scalo per ovviare ai disagi di questa chiusura; si segnalano inoltre da parte dei cittadini ritardi nella consegna della posta con la nuova formula di recapito della corrispondenza adottata dall’azienda”.
Nell’interrogazione “si chiede di sapere se il Ministro, in considerazione di quanto esposto in premessa, non intenda verificare, in relazione alle competenze attribuite dal contratto di servizio in essere, l’incidenza di tali disagi per la popolazione di Pisticci centro e se non intenda valutare l’opportunità di riaprire l’ufficio postale di Pisticci Scalo nonché anche intervenendo al fine di migliorare complessivamente il servizio sotto il profilo del recapito della corrispondenza”.