Il Consiglio comunale approva la gestione finanziaria 2016. Delibere anche su gioco d'azzardo, associazioni e Gal Start

Si è concluso con l'approvazione dei sette punti all'ordine del giorno il Consiglio Comunale di Pisticci.
L'assise comunale, tenutasi a Marconia, ha aperto i lavori con un minuto di silenzio in memoria di Matteo Barbalinardo, giovane pisticcese tragicamente ucciso negli scorsi giorni a Marconia. Dopo l'approvazione dei verbali della seduta precedente, si è aperta la discussione sull'approvazione del rendiconto della gestione finanziaria 2016: "Si tratta di un documento molto importante per la gestione contabile dell'Amministrazione – ha spiegato l'Assessore al Bilancio Giuseppe Rocco Lettini – Le preoccupazioni della campagna elettorale sulla situazione finanziaria dell'ente erano fondate, viste le difficoltà riscontrate in questi mesi per una serie di anomalie nella concezione stessa della finanza pubblica. I revisori dei conti hanno dato il parere favorevole al rendiconto, riscontrando alcune criticità da affrontare, ovvero monitorare costantemente la spesa per il personale, i residui attivi e passivi, procedere al recupero di crediti attivi e continuare a perseguire l'equilibrio di bilancio. Il rendiconto del 2015 indicava un disavanzo di un milione e mezzo di euro: grazie alle attività svolte in questi mesi siamo riusciti a chiudere con un avanzo di circa novecentomila euro, prevedendo in bilancio un fondo di accantonamento per il contenzioso, autentica novità rispetto ai precedenti bilanci, e il fondo di fine mandato per il Sindaco, obbligatorio per legge, ma mai previsto nei precedenti bilanci comunali ". 
Approvato il rendiconto, i lavori si sono concentrati sull'adesione dell'ente pisticcese al GAL START 2020, società consortile a responsabilità limitata che si fonda sul programma di sviluppo rurale Basilicata 2014/2020. “Il GAL avrà un capitale sociale ripartito per il 51% da privati e per il restante 49% tra diciotto Comuni lucani – ha spiegato il vice Sindaco Maria Grazia Ricchiuti - Pisticci sottoscriverà una quota pari al 3% del capitale sociale: si tratta di un'importante occasione di promozione territoriale. La neonata società consortile, infatti, avrà come obiettivi principali lo sviluppo economico attraverso fondi strutturali in ambito turistico, artigianale e agricolo, per un rilancio dell'imprenditorialità lucana”. L'adesione al GAL START 2020 è stata approvata all'unanimità dai consiglieri che, nel punto successivo, hanno confermato la sdemanializzazione di un tratto stradale “Degli Aranci”: “Si tratta di circa cinquecento metri di strada ad esclusivo utilizzo dell'azienda agricola – ha spiegato l'Assessore De Angelis - Fatti salvi i diritti di terzi, si procede alla sdemanializzazione e si demandano gli Uffici competenti alla relativa procedura di alienazione”.
Altro punto all'ordine del giorno ha riguardato l'approvazione del Regolamento dell'Albo Comunale delle Associazioni di promozione culturale, sociale, sportive e organizzazione di volontariato che sostituisce il precedente, risalente al 2013: “Le modifiche principali riguardano la previsione di tre finestre temporali per la presentazione al Comune di Pisticci dei progetti di interesse pubblico da finanziare: l'integrazione nasce dall'esigenza di migliorare l'organizzazione di eventi e manifestazioni con termini puntuali e inderogabili. L'art 15 prevede i criteri di valutazione dei progetti, in modo da premiare quelle idee che siano effettivamente meritevoli per l'interesse pubblico. Infine, è istituita la consulta delle associazioni, proprio per favorire e promuovere un associazionismo partecipato e consapevole da parte dei principali attori sociali del territorio”.
L'assise comunale ha anche approvato l'atto di indirizzo per disciplinare gli interventi di contrasto alla diffusione del gioco d'azzardo patologico (G.A.P): “Si tratta di una piaga sociale che sta prendendo sempre più piede nella nostra comunità: in Basilicata il gioco d'azzardo muove circa 456 milioni di euro annui – ha relazionato l’Assessore Francesco Radesca - La Regione, nel 2014, ha approvato una legge che pone alcuni obiettivi per limitare questo triste fenomeno sociale. Dal canto suo, il Sindaco può emettere un'ordinanza che fissi dei limiti negli orari di gioco, su indicazione del SERT e sentiti i gestori delle attività di gioco. L'obiettivo è quello di contrastare il GAP nella nostra comunità, vista l'incidenza che il gioco ha sui minori e sulle fasce di popolazione più deboli”.
In chiusura, sono state istituite all'unanimità le commissioni consiliari: quattro saranno quelle ordinarie, mentre quella speciale si occuperà della revisione dello Statuto Comunale e dei Regolamenti.

comments

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione ed inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su "Policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.