Galleria e strada da statalizzare: la proposta arriva al Ministro delle Infrastrutture

Una interrogazione a risposta in Commissione è stata psta al Ministro delle Infrastrutture dagli onorevoli Burtone, Battaglia e Cuomo in merito alla chiusura della strada provinciale che collega Pisticci al versante Basentano avvenuta in concomitanza con la chiusura della galleria San Rocco, che permette di raggiungere la stessa zona.
"Premesso che - scrive Burtone - il Comune di Pisticci ha comunicato la chiusura al traffico della Galleria “San Rocco” lungo la strada Pisticci-Pozzitello; il provvedimento è stato adottato  per consentire una serie di interventi urgenti e improcrastinabili riguardanti l’impianto di illuminazione della galleria che la rendevano oggettivamente insicura; la chiusura avverrà dalle ore  8 del giorno 23 settembre e proseguirà per tutta la giornata del 24 settembre; la questione è che la strada alternativa alla galleria  è in condizioni disastrose ed è a altissimo rischio per chi la dovesse percorrere tant’è che la Provincia di Matera a meno di 48 ore dall’avvio dei lavori ha provveduto a disporne la chiusura; purtroppo la vecchia strada provinciale a partire dal 2002, anno di apertura della galleria, non è mai stata oggetto di interventi di messa in sicurezza; tradotto la doppia contestuale chiusura dei due tracciati isola completamente Pisticci centro sul versante basentano costringendo i cittadini che devono recarsi a Pisticci Scalo, Ferrandina, Matera, Potenza a collegarsi con la Basentana attraverso il bivio di Bernalda; già in altre occasioni, sempre a causa di brevi, fortunatamente, periodi di chiusura della stessa galleria, si erano registrati gli stessi disagi che ora si sono accentuati per via dell’ulteriore periodo di tempo che è trascorso; è vero che nel week end il traffico è ridotto e che opportunamente è stata scelta questa opzione da parte della Amministrazione Comunale per ridurre i disagi e i rischi ma è altrettanto indiscutibile che va posto rimedio ad una simile criticità che ha assunto profili strutturali; si tratta di un segmento di viabilità molto importante che riguarda una delle comunità più popolose dell’intera Basilicata; le criticità emerse con il semplice annuncio di chiusura, per due giorni, della suddetta galleria evidenziano la necessità di un intervento non più rinviabile di reale ripristino, in sicurezza, anche del vecchio tracciato, urgenza, tra l’altro, segnalata già da tempo considerate le condizioni in cui versava la vecchia strada; di fronte alle legittime lamentele degli utenti e dei cittadini che stanno crescendo anche attraverso i social  vi sarà un richiamo ad una assunzione di responsabilità da parte delle diverse amministrazioni a partire da quella provinciale che ha competenza sul vecchio tracciato; si porrà ovviamente la questione delle risorse per effettuare interventi rilevanti fattore su cui ha sicuramente inciso l’incuria legata  al tempo trascorso; il  Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha avviato procedure per la revisione della rete stradale di interesse nazionale; la stessa galleria considerata la sua rilevanza strategica infrastrutturale per il territorio non può continuare ad essere di competenza comunale; sia il vecchio tracciato e soprattutto il nuovo compresa la galleria potrebbero benissimo rientrare in tale processo di “statalizzazione”.
"Si chiede pertanto di sapere se il Ministro una volta verificato quanto riportato in premessa ritenga di valutare l’opportunità di convocare con tempestività un tavolo interistituzionale con la presenza di Anas al fine di avviare un processo di statalizzazione dei citati segmenti di viabilità considerata la rilevanza strategica sia della galleria che del vecchio tracciato superando le evidenti criticità emerse per un intervento di manutenzione e assicurando alla comunità in riferimento collegamenti in sicurezza".

comments

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione ed inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su "Policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.