23Novembre2017

 

Sei qui: Home Politica Sala consiliare di Pisticci intitolata a Nicola Cataldo
  • image
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Sala consiliare di Pisticci intitolata a Nicola Cataldo

“Insigne giurista, strenuo difensore della legalità e dei diritti umani, dedicò la sua vita  alla politica  e all’avvocatura contribuendo alla salvaguardia dei diritti dei lavoratori e dei più deboli”. Così la dedica  che ha accompagnato la solenne cerimonia  per intitolare al nostro illustre concittadino, l’avvocato Nicola Cataldo, plurisindaco di Pisticci e Parlamentare  dal 63 al 76  -  la sala consiliare di Pisticci centro, con lo scoprimento di un bassorilievo opera dell’artista  Marisa Gullotta.  Quella sala consiliare che lo ha visto per anni  protagonista da sindaco e da consigliere comunale, l’altra sera era gremita di gente che non ha voluto mancare ad un evento reso possibile dall’apprezzata iniziativa del Comune  di concerto con la famiglia Cataldo, “per un giusto tributo della comunità pisticcese  ad onorare un uomo – come ha sottolineato il sindaco Viviana Verri – che ha saputo operare lasciando un grande ricordo come politico e amministratore per tanti anni,  nel nostro territorio”.
Tanti gli interventi – moderati dal giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Piero Miolla – per ricordare attraverso testimonianze, le gestualità di uomo, di legale e di politico  di  Cataldo a cominciare da quello dell’avvocato Riccardo Laviola Presidente la Camera Penale di Matera, secondo cui: “Nicola Cataldo era e resterà un patrimonio dell’avvocatura del foro materano, il cui insegnamento che ci ha lasciato, non sarà mai dimenticato”. “ Un uomo amante della sfida per la giustizia per una  vita spesa tra Tribunali, Corte di Appello e Cassazione. Uomini come lui non dovrebbero lasciarci mai” come invece ha ricordato l’avvocato Nicola Rocco Presidente dell’Ordine degli avvocati di Matera, commosso quando ha citato l’amicizia tra suo padre Michele, anche lui avvocato e politico e Nicola Cataldo. “Plaudo e condivido l’iniziativa dell’Amministrazione comunale, di intitolare la sala consiliare di Pisticci.
Una scelta di merito, ma anche un messaggio per le pubbliche amministrazioni” – ha sottolineato l’avvocato Rocco Grieco anche lui plurisindaco di Pisticci che con Nicola aveva in comune il rione di nascita, il papà artigiano,  ma non l’appartenenza politica che li aveva divisi in tante battaglie appassionate. ”Io lo ricordo come grande e instancabile  lavoratore – ha aggiunto – e voglio sperare che soprattutto i giovani  che si aggirano nel palazzo di città, di fronte al suo nome , si adoperino a praticare le sue doti colorate di tante virtù.”. Tanti anni passati insieme per cercare di  migliorare la vita dei lavoratori, quelli ricordati dall’ex senatore Angelo Ziccardi, legato a Nicola da profonda amicizia e ospite della sua casa per diversi mesi per espresso volere del padre Leonardo.  Da parte dello storico pisticcese, il prof. Giuseppe Coniglio, il ricordo del suo lungo rapporto amichevole e confidenziale con Nicola, sottolineandone alcuni significativi episodi, ma anche  il suo forte impegno per la difesa dell’ambiente e del Tribunale di Pisticci. Non poteva mancare il contributo di altri ex sindaci come Vito Di Trani che ha ricordato Nicola come protagonista della vita politica nazionale, regionale e locale “quando la politica era impegno quotidiano al di fuori della ribalta mediatica”  e quando lui giovane della FIGC, seguiva e faceva tesoro dei suoi insegnamenti ”, quello di Giovanni D’Onofrio secondo cui “ questa sera, in questa storica sala,  c’è una riappacificazione della politica e questo perché  Nicola l’ ha saputa interpretare al meglio a favore della  nostra comunità “.
D’onofrio ha poi avuto occasione di ricordare l’appalto della Galleria S.Rocco da parte dell’allora  sindaco Cataldo, ma  anche l’amichevole   monito del suo collega avvocato: “ Giovanni, se continuerai a fare politica, non abbandonare mai la professione”. Infine la testimonianza di Michele Leone che ha sottolineato il rapporto con Cataldo, col ricordo della tragedia della frana del 1976 che cambiò la geografia ma anche la storia del rione Croci. Rione e zone circostanti, che, in poco tempo  ritornarono a vivere ( Villa comunale, campi di tennis, circonvallazione per il rione dirupo, consolidamento ecc. ) grazie all’impegno e alla fattività  dell’allora sindaco Nicola Cataldo e a quello suo, allora dirigente tecnico regionale. Nessuno lo ha fatto e vogliamo farlo noi.
A proposito della frana che colpì, una notte fredda e piovosa del novembre 76, il rione Croci, ricordiamo che fino a poco  prima   del disastro, parecchie famiglie si erano rifiutate di abbandonare le proprie case. Il pericolo era grave e imminente. Nicola Cataldo - coadiuvato dall’allora capo dell’Ufficio Tecnico il Geom. Michele Motta e il Capitano del VV.UU. Rocco Silletti -  forte della  sua personalità  ma anche amico di tutte quelle persone,  soprattutto anziani, che lo avevano visto nascere e crescere, li supplicò,  e alla fine riuscì a  convincerli  ad abbandonare in tempo le abitazioni.  Passarono infatti solo pochi minuti  e  il rione Croci scomparve inghiottito da un  grande frana. Per fortuna senza vittime. E questo anche grazie  al diretto intervento dell’allora sindaco Nicola Cataldo.

Michele Selvaggi

   

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione ed inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su "Policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.