19Settembre2018

 

Sei qui: Home Politica La pista Mattei è stata abbandonata
  • image
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

La pista Mattei è stata abbandonata

In pochi giorni, da parte della Regione Basilicata, è stata manifestata la volontà politica, con fatti e non solo a parole, che fa luce sul destino della Pista Mattei.
Si è iniziato con la sospensione di qualsiasi attività in attesa del nuovo bando per la gestione dell’aviosuperficie e si è cacciata la Winfly senza altra proroga temporanea.
Eppure, a un certo punto, sembrava che tutte le istituzioni fossero in accordo per dare un futuro roseo a questa struttura.
L’assessore Nicola Benedetto ad agosto dichiarò che il bando di gestione ventennale sarebbe stato pronto entro ottobre 2017, anche perché lo richiedeva l’ENAC. Tra l’altro prometteva in tempi brevi la bonifica dell’area in seguito alla caratterizzazione già fatta.
Certo denunciava anche un palese ostruzionismo da parte degli uffici regionali segno di un boicottaggio in atto. Ma, oramai, con la sua entrata in Giunta i giochi erano fatti!
A settembre, durante una querelle mediatica tra due Assessori regionali, Braia e Benedetto, spunta di nuovo la pista Mattei come priorità ma si lasciano scappare che ancora non c’è stata caratterizzazione propedeutica alla bonifica (quindi di nuovo un passo indietro).
Insomma tempo di campagna elettorale. E che campagna!
Perché scende in campo anche l’Amministrazione Comunale di Pisticci che dichiara che la collaborazione tra Comune, Regione e Consorzio di Sviluppo, è proficua e auspica “il salto di qualità” tanto atteso.
Liquida con un laconico ringraziamento la Winfly che fino a pochi giorni fa ha tenuto in vita la speranza di chi crede in quella struttura e si allinea a quanto certamente disposto dalla Regione.
Ma fa di più chiedendo (il Comune non la Regione!) che mai nessuno faccia strumentalizzazioni sulla questione. Perché ci sono loro a vegliare e a disegnare un futuro roseo per il volo in Basilicata.
Insomma siamo in buone mani. Tutti gli enti a lavorare insieme e in accordo e zitti tutti per non disturbare!
Peccato che il 19 Dicembre tutta questa brava gente è sbugiardata da una notizia dell’Ansa che, riprendendo un comunicato dell’ufficio stampa del Consiglio della Regione Basilicata (cioè loro stessi, quelli che dicono che stanno lavorando per la Pista Mattei!) informa che Il dirigente generale del dipartimento di Programmazione e bilancio della Regione Basilicata, Elio Manti, durante un’audizione della terza commissione consiliare, dichiara che stanno lavorando, insieme al gestore degli aeroporti di Napoli, Salerno-Pontecagnano e alla Gesac, a un polo interregionale con l’utilizzo della pista di Pontecagnano.
Avete capito cari concittadini? Pontecagnano no Pista Mattei!
Pochi giorni fa infine, il Governo chiede conto al Presidente della Regione del perché della mancata bonifica dei siti SIN di Tito e della Valbasento malgrado la disponibilità da tanti anni di circa quarantacinque milioni di euro. La risposta è disarmante. Si ammette semplicemente che ci sono stati dei ritardi.
Noi crediamo che in realtà i ruoli siano stati assegnati: la Regione progetta, l’Assessore attua, il Comune si occupa delle pubbliche relazioni e della comunicazione e il Consorzio di Sviluppo Industriale agisce secondo proprie volontà non ancora chiare.
Se facciamo due più due, i giochi sembrano a questo punto fatti: bloccate le attività, bonifica del sito non eseguita, interesse per la Pontecagnano con cospicui finanziamenti già dati, Pista Mattei abbandonata!
Il tentativo poi di ammutolire le giuste reazioni di chi, come la Lista dei Cittadini, tiene a cuore le sorti del metapontino (territorio abbandonato da tutti), è comico e beffardo.
Noi non ci facciamo intimorire e denunciamo il disegno nefasto di fare del nostro territorio il distretto dell’immondizia!
Piuttosto dica l’Amministrazione una volta per tutte da che parte sta!
A noi sembra che stia nella terra di mezzo, tormentata (ma non troppo) tra il dovere di rappresentare questo territorio e il desiderio di assicurarsi i favori della Regione.
Il metapontino non può affidarsi a questi rappresentanti, non ne sono degni!

Lista dei Cittadini