14Novembre2019

 

Sei qui: Home Politica False le notizie sul trasferimento degli uffici di Polizia locale
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

False le notizie sul trasferimento degli uffici di Polizia locale

E' doveroso da parte mia precisare alcune notizie infondate che non meglio precisate "fonti vicine alla Polizia Locale" (citate da chi accusa l'Amministrazione di poca trasparenza!!!) avrebbero diffuso circa un presunto spostamento dell' "ufficio multe" (?) da Pisticci a Marconia, frutto di un criminoso progetto di depotenziamento di Pisticci Centro ordito dall'Amministrazione comunale: a parte citare le fonti, chi scrive dovrebbe rendere noto chi e quando, recandosi al Comando di Polizia Locale di via Cantisano a Pisticci avrebbe trovato un cartello recante le parole "Chiuso per trasferimento a Marconia", che infatti non esiste!
Sin dal nostro insediamento abbiamo preso coscienza dell'impellente necessità di riorganizzare una macchina comunale allo sbando, disomogenea nell'erogazione dei servizi nei due centri abitati. Lo abbiamo fatto ridisegnando la pianta organica, riducendo i settori da 6 a 4, conseguendo risparmi di spesa che ci hanno consentito di fare nuove assunzioni per potenziare uffici nevralgici e trascurati da troppo tempo, primo di tutti il settore Polizia Locale, prima con l'assunzione di 6 unità stagionali nel periodo estivo, che nei prossimi mesi riprenderanno servizio, poi con l'assunzione di un nuovo tenente a supporto del personale, sempre più esiguo a causa dei pensionamenti che anche quest'anno non sono mancati. L'attenzione è massima su Pisticci centro, dove è in atto una riorganizzazione del piano traffico, dopo la creazione dell'area pedonale e l'intensificarsi del controllo sulla sosta selvaggia e non abbiamo nessuna intenzione di privarla dei servizi di Polizia Locale. Semplicemente anche l'Ufficio Polizia Locale di Marconia è stato dotato dei mezzi informatici necessari a gestire il ciclo delle contravvenzioni, necessità che si è palesata soprattutto per l'avvicinarsi della stagione estiva e la necessità di un maggior presidio sulle zone costiere. E' stata una scelta puramente organizzativa che non cambierà nulla in termini di servizi al cittadino, che potrà tranquillamente continuare a recarsi al Comando di via Cantisano come ha sempre fatto in questi anni, ma è dovere di un'Amministrazione compiere scelte che siano razionali e funzionali alle esigenze di tutto il territorio. Marconia conta una popolazione di circa 10000 abitanti ai quali ci sforziamo di offrire servizi adeguati, nonostante le enormi carenze di personale che ci affliggono come tutti i comuni, con l'ulteriore condizione che noi siamo un comune "doppio" con le risorse per gestirne uno solo. Non ci aspettiamo certo di essere apprezzati da chi è in cerca di "scoop" giornalistici, nè da chi adesso siede all'opposizione, ma quantomeno bisognerebbe compiere lo sforzo di comprendere e verificare adeguatamente le notizie provenienti da oscure fonti, prima di alimentare ulteriormente l'eterno dualismo Pisticci-Marconia, da tutti stigmatizzato ad ogni piè sospinto, ma sempreverde argomento di critica per ogni Amministrazione!
Relativamente al Servizio Attività Produttive (SUAP) mi preme , infine, precisare che l'attuale responsabile, dott. Rocco Melissa, insieme al funzionario dott.ssa Adele Esposito, ha attualmente preso in carico ulteriori servizi, fino a qualche mese fa espletati da un funzionario ora in pensione, quali i servizi scolastici e la parte amministrativa del settore sociale, la maggior parte dei quali ubicati a Marconia, per cui si è reso necessario rendere funzionali anche presso la delegazione questi uffici, garantendo comunque la copertura su quelli di Pisticci centro. Attualmente la riorganizzazione è ancora in corso, per cui se qualche disservizio c'è stato, è dovuto esclusivamente alla naturale fase di riassetto degli uffici.
Non ci faremo trascinare nella miope e futile guerra tra comunità, che è diventata pura cecità quando, negli scorsi anni, questo paese ha perso servizi importanti quali il Tribunale, l'Ospedale, quando qualche mese fa questa Amministrazione ha chiamato all'appello tutta la cittadinanza e le forze politiche in cerca di soluzioni per scongiurare il rischio che l'I.C. "Padre Pio da Pietrelcina" di Pisticci perdesse la Dirigenza e gli uffici amministrativi. Dove erano allora questi irreprensibili difensori del campanile? Non è tra noi che dobbiamo combatterci, ma dobbiamo essere un paese unito contro chi vorrebbe depredare di servizi non Pisticci, non Marconia, ma il nostro paese intero!
A questo punto lancio una provocazione: ormai più di venti anni fa si decise di costruire una delegazione comunale a Marconia, perché la popolosa frazione fosse dotata di servizi ai cittadini. Fu una scelta giusta, sbagliata, chi lo sa? Di certo adesso la delegazione di Marconia è una realtà che non si può ignorare né ridurre a mera appendice di Pisticci centro che, lo ricordo, è e resterà la sede degli uffici nevralgici quali la Segreteria Generale, l'Ufficio Ragioneria, l'Ufficio Tecnico, l'Ufficio del Giudice di Pace, la Polizia Locale, gli Uffici Demografici. Chiedo dunque ai cittadini se questa Amministrazione dovrebbe adoperarsi per rendere il più possibile funzionale la delegazione comunale di Marconia oppure dovrebbe chiuderla riportando tutti gli uffici a Pisticci centro.
Ai cittadini l'ardua sentenza, ma nel frattempo rivolgo a tutti un accorato appello: basta alimentare la divisione e l'astio tra le comunità perché è il veleno che sta distruggendo questo territorio e l'antidoto è solo dentro di noi.

Viviana Verri
Sindaco di Pisticci