20Settembre2018

 

Sei qui: Home Politica Visita ministro Costa, minoranze deluse perché non coinvolte. Verri: 'Non mi faccio trascinare nell'ennesima polemica sterile'
  • image
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Visita ministro Costa, minoranze deluse perché non coinvolte. Verri: 'Non mi faccio trascinare nell'ennesima polemica sterile'

Stupore e contrarietà per il mancato coinvolgimento in occasione dell’incontro che il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha avuto a Pisticci. L’hanno manifestata i gruppi consiliari di minoranza del centro basentano, che praticamente in simbiosi hanno stigmatizzato il comportamento del sindaco, Viviana Verri, e della sua maggioranza, rei di non aver comunicato ufficialmente e, quindi, per via istituzionale, la visita del ministro. Se era un incontro istituzionale, è il pensiero unanime delle minoranze, perché non siamo stati convocati?
“Apprendo dai post di Facebook della presenza a Pisticci del ministro dell’Ambiente Sergio Costa – ha scritto sul suo profilo ufficiale Facebook, l’ex sindaco di Pisticci, Vito Di Trani -. Dovete sapere che il cambiamento ha introdotto il fatto nuovo e sorprendente che, come in ogni dittatura che si rispetti, l’opposizione non va tenuta in nessun conto, intendendosi per istituzioni a Pisticci il solo gruppo di maggioranza. Incredulo ho contattato il consigliere Gioia, perché una svista ci può stare, ma neanche lui, basito, ne sapeva ufficialmente nulla. Questo a tutto vantaggio della comunità, viste le battaglie in fatto di ambiente condotte dalla mia Amministrazione, che mi hanno portato al cospetto della Commissione Bicamerale per le Ecomafie. Tanto a sottolineare quanto leale, trasparente, corretta e disponibile possa essere un’amministrazione pentastellata. Vergogna”.
I consiglieri del Pd, Andrea Badursi e Tommaso Gioia, si sono detti “sorpresi e dispiaciuti perché, su un tema importante come quello dell’ambiente, abbiamo nostro malgrado dovuto riscontrare tale comportamento. Eppure, su questi temi da parte nostra non sono state fatte battaglie o speculazioni politiche: ci siamo dissociati da un sit-in che non ritenevamo opportuno, ma per il resto abbiamo approvato delibere all’unanimità e fatto Consigli comunali aperti. Non riusciamo a capire perché siamo stati esclusi: il ministro rappresenta il Governo e andava coinvolto tutto il Consiglio comunale. Ci aspettiamo risultati concreti sul tema ambiente a brevissimo”.
L’altro ex sindaco, Michele Leone: “Le minoranze servono a collaborare all’esecuzione dei programmi del Comune: se la Verri ritiene che l’opposizione non debba essere coinvolta in confronti come quello di sabato, vuol dire che ha una visione della politica monocratica e distorta anche perché noi in Consiglio, che lei lo voglia o meno, comunque ci siamo”.

LA REPLICA DEL SINDACO
“Il sindaco non si farà trascinare nell’ennesima sterile polemica”. Così la segreteria del primo cittadino di Pisticci ci ha comunicato che, in merito alle proteste dei consiglieri di minoranza per il loro mancato coinvolgimento in occasione della visita del ministro, Sergio Costa, Viviana Verri non avrebbe replicato. Dopo l’incontro, frattanto, in paese e nell’intero Metapontino è cresciuta la speranza che i tanti dossier consegnati e le questioni poste a Costa possano finalmente trovare soluzioni o, comunque, possano essere affrontate con maggiore determinazione.
Costa, infatti, pur non promettendo nulla e schivando, in tal modo, il pericolo di passare per il classico politico che promette e non mantiene, si è comunque dichiarato pronto a fare la sua parte, se non altro per capire dove e perché le varie questioni ambientali sono arenate o, comunque, non trovano adeguata soluzione.

Piero Miolla