20Maggio2019

 

Sei qui: Home Politica Piano di Protezione Civile: atti corposi, quelle stampe sono necessarie
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Piano di Protezione Civile: atti corposi, quelle stampe sono necessarie

L’Amministrazione Comunale di Pisticci manifesta stupore nel leggere i contenuti del comunicato stampa di Italia in Comune relativo alle spese sostenute dall’Ufficio Tecnico per la stampa del Piano di Protezione Civile, per un importo di circa 6000€.
Non crediamo sia una colpa aver innanzitutto sbloccato la situazione relativa al Piano di Protezione Civile, approvato in Consiglio Comunale lo scorso dicembre dopo mesi di interlocuzioni e grossolani errori amministrativi perpetrati negli anni passati sul tema. Come più volte sottolineato, si tratta di un atto propedeutico al Regolamento Urbanistico ed è fondamentale per la gestione del territorio in caso di emergenze e calamità. Il Piano si compone di una serie di corpose mappe tecniche e carteggi chilometrici che necessitano di stampe, viste le indicazioni normative che dispongono una facile consultazione in caso di disastri calamitosi. Per questi motivi si è reso necessario affidarsi ad una ditta esterna per la stampa di una mole di atti non indifferente a cui il plotter comunale non avrebbe potuto far fronte. Né tantomeno i nostri tecnici qualificati dell’Ufficio Tecnico, avrebbero potuto far fronte alla stampa di centinaia di metri di disegni tecnici e mappe.
Va sottolineato inoltre che il Piano di Protezione Civile è stato adeguato al PAI dai progettisti, con costi che avrebbero avuto ben altri importi, senza alcuna ulteriore spesa per le casse comunali, nonostante l’aggiornamento abbia richiesto un ulteriore importante impegno per i professionisti incaricati.
Fermo restando che è necessario provvedere alla riparazione del plotter dell’Ufficio Tecnico, anche se a tutt’oggi la firma digitale dei progetti (come tutti i tecnici dovrebbero sapere) snellisce le procedure, la stampa del Piano di Protezione Civile, oltre a rispettare le indicazioni di legge, rientra nell’operazione che l’Amministrazione Comunale sta portando avanti per una gestione e programmazione del territorio che sia moderna e innovativa: anticipiamo che in futuro potrebbero essere spese altre somme per la stampa del Regolamento Urbanistico, visto che ci apprestiamo a convocare la Conferenza di Pianificazione e concludere un iter in cui tante altre Amministrazioni Comunali hanno fallito.
Il successivo passaggio sarà il Piano Strutturale Comunale, ulteriore step che assicurerà una programmazione efficace dello sviluppo del territorio, un tema che in questi anni ha fortemente ostacolato la crescita del nostro Comune.
Pertanto, nell’ottica di un’azione amministrativa che sta finalmente raccogliendo i frutti di quanto seminato in questa prima parte di mandato, respingiamo l’idea che la spesa sostenuta per la stampa del Piano di Protezione Civile sia stata inutile e invitiamo la cittadinanza a seguire le prossime novità che riguarderanno il Regolamento Urbanistico, provvedimento atteso da sedici anni e ora concretamente vicino all’approvazione.

L’Amministrazione Comunale di Pisticci