09Dicembre2019

 

  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Pisticci e Marconia presenti alla 36esima Firenze Marathon

Domenica 24 novembre si è svolta a Firenze la 36esima Firenze Marathon che dopo quella di Roma, è la gara di fondo più importante d’Italia. Con i suoi circa 9000 iscritti provenienti da tutto il mondo, la gara si è svolta all’insegna dell’agonismo, ma anche della semplice voglia di partecipare. Per la serie l’importante non è vincere, ma partecipare per ricordare le parole del barone Pierre de Coubertin.
Presenti nei circa 9000 iscritti alla partenza anche nostri concittadini di Pisticci e Marconia.
I fondisti locali, che hanno gareggiato per l’ASD Lucani Free Runners, associazione di Policoro del presidente Ugo Caporusso anch’egli presente alla maratona, bene si sono comportati nell’intero percorso di 42,195 km.
Luigi Iannuzziello, Genesio Fanuzzi, Rocco Iannuzziello, Paolo Sabato, Brigida Guglielmo, Vincenzo Gallo, Vito Antonio Sabato, Lorena Marra, Antonio Montesano, Leonora Destasi, questi i nomi dei fondisti che non si sono risparmiati e hanno dato il massimo lungo tutto il percorso.
Al traguardo sono arrivati in 7000 circa e tra questi tutti i nostri porta colori che hanno voluto onorare al massimo la manifestazione sportiva.
Un plauso a tutti per l’impegno e la determinazione. Anche perché va sottolineato che gli iscritti all’asd Lucani Free Runners non sono nuovi a questo tipo di appuntamenti. Gente a cui lo sport e il sacrificio non fa paura, anzi stimola a dare sempre di più.
Per la cronaca la maratona è stata vinta in campo maschile dell’etiope Migu Bekele in 2h10'14'' ed in campo femminile dalla britannica, all’esordio nella maratona di Firenze, Jess Piasecki in 2h25'29''.
Ovviamente nessuno dei nostri runners ha ottenuto tempi simili a quelli dei grandi professionisti, ma l’essere presenti a manifestazioni di tale importanza non può far altro che impreziosire l’esperienza dei corridori ed inorgoglire tutti noi.