La Puglia avrà quattro aeroporti. Zero in Basilicata

"Con il "certificato di aeroporto", rilasciato in questi giorni dall’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile) sulla base del recente regolamento europeo 139/2014, agli aeroporti di Bari, Brindisi e Taranto-Grottaglie e la gara di appalto di lavori (14 milioni di euro) per l’aeroporto di Foggia,  la Puglia avrà quattro aeroporti. Un caso indicato come “best practice” dagli organismi dell’Unione Europea che insistono sulla mobilità aerea quale fattore di sviluppo e di superamento d’arretratezza che al tempo stesso dovrebbe far arrossire i nostri amministratori locali". Lo rende noto Winfly, gestore dell'aviosuperficie Mattei, che non lesina posizioni critiche rispetto alla a quanto accade in Basilicata.
"Da noi - ricordano da Winfly - la situazione è ferma da anni sui progetti dell’aeroporto Salerno-Costa d’Amalfi e Pisticci senza però che nessun lucano possa prendere un aereo nei due scali. Accade invece che la Regione Puglia amplia notevolmente l’offerta aprendo anche gli scali di Foggia e Grottaglie alle compagnie aeree low cost, sul modello di quanto già fatto dal 2009 sugli aeroporti di Bari e Brindisi attraverso un contratto di marketing con Ryanair, mentre da noi l’unica novità di quest’anno è il Frecciarossa. E sempre la Puglia si prepara ad un nuovo bando per attirare altre compagnie low cost e liberare il settore aeroportuale pugliese dalla prigione dorata dell'accordo con Ryanair. La compagnia irlandese infatti riceve 12 milioni di euro l'anno per garantire agli scali di Bari e Brindisi collegamenti con le principali città italiane ed europee".
Il gestore, in particolare, richiama ancora una volta l'attenzione sulla situazione di Pisticci scalo: "Da noi si continua a sottovalutare che a differenza della Matera-Ferrandina “pronta” per il 2021-2022 per collegare Matera a Roma in 3 ore e 40 minuti, lo scalo della Valbasento può diventare operativo con una decina di milioni di euro e in pochissimo tempo per collegare Matera a Roma in poco più di un’ora (30 minuti solo di volo) con tariffe decisamente concorrenziali al servizio Frecciarossa. Quanto all’aeroporto di Pontecagnano di cui la Regione Basilicata è socia investendo nel capitale della società di gestione i tempi previsti per la sua operatività non sono ancora definiti e comunque tra il 2018 e il 2019. Con gli stessi soldi spesi a Pontecagnano sarebbe stato possibile trasportare in tre anni circa 120mila persone con voli a 50-60 euro a tratta. Senza contare le ricadute in termini occupazionali e di sviluppo quantificabili in circa 35-40 milioni di euro, 50 posti di lavoro diretti e almeno 3.500 posti di lavoro indiretti tra turismo, attività produttive e servizi".
Winfly, infine, ricorda che "la Pista Mattei ha già l'autorizzazione al trasporto pubblico passeggeri fino a 9 posti, e pende la richiesta di trasformazione in aeroporto presso Enac dal 1 luglio 2015  puntando alla promozione ad aeroporto generale in modo da consentire atterraggio e decollo di velivoli da 50 posti e avviare, in una prima fase, due voli quotidiani a rotazione per Roma e per Milano. L’unico elemento nuovo: la Regione sta lavorando ad un nuovo bando di affidamento in gestione con il prolungamento di anni come richiesto dall’Enac. Che si sia imboccata finalmente la strada giusta? Certo la questione tempi ha il suo peso e la Regione ha dimostrato di saperci fare con il progetto di elisuperficie per collegare attraverso elicottero Matera a Maratea. Un progetto questo dai tempi decisamente più veloci".

comments

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione ed inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su "Policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.