20Luglio2019

 

  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Nuove ali per l'angelo di piazza dei Caduti

Il Monumento ai Caduti ritorna alla sua storia e al suo splendore. Non ricordiamo da quando l’ala destra della statua dell’angelo che fronteggia quella di un milite del Monumento ai Caduti della Prima Guerra Mondiale sia rimasta spezzata e mai ricucita. Sicuramente sono trascorsi diversi lustri e  nessuna delle Amministrazioni che hanno guidato il comune si era preoccupata di far rimettere l’arto al suo posto.
Lo scorso ottobre il primo segnale con la comunicazione del sindaco Viviana Verri che aveva ringraziato anche a nome della cittadinanza l’impresa del posto Mario Morano e Paolo Leone che avevano prestato in modo completamente gratuito la propria opere di rimessa a nuovo del Monumento ai Caduti con la  totale pulizia della struttura in occasione della  celebrazione del 4 novembre.
Nella giornata di sabato appena trascorso, l’intervento più importante, protagonista sempre l’Impresa Morano, evidentemente con il placet dell’Amministrazione comunale,  con il coinvolgimento dell’artista locale Franco Rheo autore della straordinaria preparazione di un paio di belle ali  riattaccate sulla schiena dell’angelo (foto Gabriele Lopatriello).
Quindi non solo l’arto spezzato ma anche l’altro tutto nuovo, che ora fanno bella figura nella piazza dedicata ai caduti.
E’ doveroso a questo punto citare l’impegno dell’Associazione Agata – Volontari contro il Cancro – che attraverso una nota  informa di un episodio con protagonista Lucia Viggiano scomparsa lo scorso novembre.
Da qui l’impegno dell'artista Rheo che si è messo all’opera ed ha preparato le due ali ora ricollocate dall'impresa Morano in modo gratuito. Una storia da Libro Cuore, che ha contribuito ad eliminare una specie di vergogna per la nostra città, con protagonisti a cui va il grazie, non solo dell’Amministrazione che ha favorito l’intervento, ma di tutta la popolazione pisticcese che così si vede restituito uno simbolo importante.

Michele Selvaggi