A Centro Agricolo apre il primo asilo nido del Metapontino

Apre finalmente l’Asilo Nido di Centro Agricolo. Una struttura il cui progetto dell’importo di circa 300 mila euro, per un moderno asilo nido a servizio della comunità del nostro territorio. Una idea dell'Amministrazione Comunale – che ha coinvolto tre amministrazioni comunali: iniziato dal sindaco Michele Leone e proseguito da Vito Di Trani con la trasformazione dell’esistente plesso scolastico di Centro Agricolo da ex scuola elementare in Asilo nido, e che ora si sta concretizzando con la prossima apertura annunciata dall’Amministrazione comunale guidata da Viviana Verri.
Sono aperte infatti le iscrizioni per ospitare bambini da 3 mesi a 3 anni. Un servizio importante e veramente unico da queste parti, forse il primo del metapontino, a vantaggio delle numerose famiglie in cui i genitori lavorano e non possono permettersi di dedicarsi e accudire i neonati e i piccoli di tenera età.
“Il rilancio della struttura – spiega una nota del primo cittadini Verri – rappresenta un altro importante risultato per l’Amministrazione comunale che, partecipando al Bando Regionale “Start UP Asilo Nido” ha conseguito nei mesi scorsi un cospicuo finanziamento per attivare un servizio che rappresenta una bella novità per la nostra comunità”.

L'iniziativa, stando alle notizie che abbiamo raccolto, potrebbe accogliere inizialmente oltre una ventina di bimbi nel moderno e attrezzato spazio a disposizione.
L’obiettivo del Comune è quello di assicurare professionalità e competenza nella erogazione del servizio, con personale adeguatamente formato a prendersi cura dei bambini in tenera età.
Per quel che concerne le notizie circa le attività educative in programma e oltre ogni ulteriore informazione, è possibile recarsi presso l’Ufficio Scuola della Delegazione comunale di Marconia dal lunedì al venerdi dalle ore 10:00, mentre nella prossima settimana sarà possibile visitare la struttura di Centro Agricolo che sarà comunque inaugurata il prossimo 31 ottobre per l’avvio dell’anno educativo.

Michele Selvaggi

"""""
comments