Martedì, 17 Maggio 2022

La scomparsa del Prof. Nicola Cataldo, ex politico e ammirato calciatore pisticcese degli anni 60 - 70

Giovedì, 07 Aprile 2022

Il decesso è avvenuto nella mattinata di mercoledì 6 aprile nell’Ospedale SS. Annunziata di Matera, dove era ricoverato da un paio di settimane. Una ferale notizia che colpisce come amici fraterni da sempre, ma anche per averlo conosciuto da ragazzo - alunno, tanti anni fa, presso l’Istituto Tecnico Agrario di Marconia dove si diplomò a pieni voti. Si diede subito all’insegnamento di materie tecniche, cosa che a lui piaceva tantissimo. Tra le prime sedi scolastiche, quella della Scuola Media di Motta di Valenza in provincia di Treviso, dove subito si fece voler bene non solo dagli alunni di quella città, ma anche da associazioni sportive del posto che gli riservarono la presenza come atleta, nei vari campionati calcistici della zona, come lui spesso ricordava. Successivamente, ritornando nella sua terra di origine, prestò servizio per diversi anni presso la Scuola Media di Marconia, centro dove poi ha sempre vissuto, senza mai dimenticare la sua Pisticci che spessissimo frequentava. Proveniente da una famiglia di democristiani, con il suo papà Filippo impegnato anche nelle ACLI di quei tempi e fratello Ciccio, consigliere comunale della DC nel 1970 con sindaco Rocco Grieco. Il prof. Nicola, dopo la parentesi democristiana, tra l’altro, aveva aderito al Gruppo Politico dell’Asinello e successivamente a Italia dei Valori di Antonio Di Pietro di cui era amico personale. Personale amicizia - ricordiamo -  anche quella con il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Impegnato anche nel mondo finanziario, fu Vice Presidente della importante Fondazione Carical di Calabria e Lucania e successivamente anche Consigliere della Banca di Fondazione e Consigliere ETR, la più grande Esattoria del Sud Italia.

Ma il Prof. Nicola ci preme ricordarlo anche in qualità di atleta di questa città, a cui aveva dato il suo valido contributo di appassionato e valente calciatore negli anni 60 e primi anni 70, quando il campo sportivo di Pisticci era quello di Ponte Pisciacchio e dove aveva indossato la maglia dell’AUDAX nel 1962/63 vincendo il Campionato di II° categoria e successivamente nell’A.S. Pisticci del Presidente Avv. Nino Sinisi e dell’U.S. Pisticci guidato da Michele Avignone. Tante le soddisfazioni calcistiche e tanti i gol legati al suo nome e al suo particolare modo di trattare la palla e sempre osannato dal pubblico di allora.

Da poche ore purtroppo, Nicola ci ha lasciati, quasi improvvisamente e in punta di piedi, ma in noi, che lo abbiamo conosciuto e voluto bene, resta il ricordo sempre vivo, di una persona intelligente, tenace, ma anche gioviale, cortese e oltremodo simpatico e generoso.

All’avv. Filippo e alla sua Famiglia le nostre più vive condoglianze.

Michele Selvaggi

Ultima modifica Giovedì, 07 Aprile 2022 10:49

Ultimi Tweets

From IFTTT
Incendio distrugge stabilimento balneare a Scanzano https://t.co/LdPC78z506 https://t.co/aJgJe3aqoc
From IFTTT
Grande festa in piazza per celebrare la vittoria del Pisticci https://t.co/D2RbGy5uFo https://t.co/TQGbLwI6ty
From IFTTT
Tenuta dal prof. Cassano e dal pres. Travaglino una lezione sull’attuale assetto della responsabilità medica e sui… https://t.co/LHVwe9m6bl
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

Incendio distrugge stabilimento balneare a Scanzano

Grande festa in piazza per celebrare la vittoria del Pisticci

Tenuta dal prof. Cassano e dal pres. Travaglino una lezione sull’attuale assetto della responsabilità medica e sui nuovi danni biologici, morali, esistenziali

E’ scomparso lo storico vigile urbano Pietro Di Tursi detto lo “sceriffo”

“Seminiamo civiltà, puliamo la nostra pineta”. Ripulita la pineta di San Basilio

Apt, grande riscontro della presenza lucana a Eurovision

Sulla Zes la Cisl rilancia la proposta del patto sociale per il lavoro e la crescita sostenibile

L’Amministrazione Comunale di Pisticci candida progetti per circa 30 milioni di euro

Under 19 fasi nazionali: il Pisticci viene sconfitto in terra calabra, ma non tutto è perduto