Giovedì, 04 Marzo 2021

Dal primo febbraio le scuole superiori tornano in aula

Martedì, 26 Gennaio 2021

Dai dati dell’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), si evince che in Basilicata, fortunatamente, è occupato solo il 5% dei posti disponibili per la terapia intensiva, mentre la soglia di allerta fissata è al 30%.

Inoltre per quel che concerne i posti occupati in area non critica, l’occupazione dei posti disponibili è al 19%, mentre la soglia di allerta è fissata al 40%.

Con questi numeri in Basilicata, zona gialla dall’11 gennaio, sarà possibile riprendere le attività delle scuole superiori in aula al 50% dal prossimo 1 febbraio.

Nella speranza che non ci siano peggioramenti improvvisi dunque, i ragazzi potranno tornare tra i banchi di scuola in presenza, anche se al 50%, in quanto non sono previsti ulteriori rinvii da parte del presidente della regione Vito Bardi

Ultimi Tweets

Coronavirus in Basilicata. Confermato il nuovo trend negativo https://t.co/cEjrfy7utD #coronavirus #COVID19
Per esigenze organizzative la sfilata dei Bersaglieri avrà inizio alle ore 16.30 partendo da piazza Giulio Cesare.… https://t.co/sEu8n5U1mZ
Grandinata record, Pisticci chiede lo stato di calamità https://t.co/9KyNoUqNJQ
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

Gino de Canio, ex allenatore del Pisticci, racconta Antonio Conte suo secondo a Siena e Roberto D'Aversa suo atleta e mister a Parma

La sindaca Verri su ampliamento pista Matteri: “il CSI passi dalle parole ai fatti”

Lotta all’abbandono indiscriminato dei rifiuti. Continuano i controlli dei Carabinieri

Asm: da domani 4 marzo prosegue vaccinazione over 80 di Matera

No alla zona rossa. La Lega Giovani Basilicata si rivolge al ministro Speranza

Coronavirus in Basilicata. Tasso di positività al 9,6%, 7 nuovi casi in territorio di Pisticci

Verri su vaccinazione over 80: Se impegno non verrà rispettato, non esiterò a denunciare le mancanze della Regione

Iniziata a Ferrandina la campagna vaccinale per gli over 80

Gambardella (Cisl) e Carella (Femca): "Senza la bonifica dei siti inquinati impensabile il rilancio produttivo e occupazionale della regione"