Sabato, 25 Settembre 2021

A Matera apprezzamento per l’iniziativa di Affi e Coldiretti “ricominciamo con un fiore”

Martedì, 06 Luglio 2021

Piante e fiori di lavanda, surfinia, vinche, rose, ibiscus, cuphea, viburnus lucido, gauria, eunibus, a Matera, in piazza Vittorio Veneto, accanto alla fontana ferdinandea, "per ricominciare insieme a vivaisti, fiorai a colorare di verde e a respirare i profumi di essenze che possono aiutare a superare, con un po' di ottimismo, la crisi procurata dalla pandemia".

E' l'iniziativa ''Ripartiamo con un fiore'' promossa da Coldiretti su scala nazionale insieme all'Associazione floricoltori e fioristi italiani (Affi), un settore "colpito duramente dalle limitazioni imposte dalla pandemia da coronavirus nella filiera delle cerimonie religiose, ricorrenze e matrimoni". L'iniziativa è stata apprezzata da cittadini e turisti con l'immancabile foto davanti alla fontana infiorata e a ridosso della sede della Fondazione ''Matera-Basilicata 2019'', contrassegnata da bandiere multicolori di vari Paesi.

Nel corso dell’iniziativa presentata anche l’analisi della Coldiretti da cui emerge che dopo la pandemia a pesare sulla ripresa del settore florovivaistico è ora l’impennata dei costi di produzione con aumenti fino al 25% delle materie prime per imballaggi, energia, concimi e trasporti anche per le carenze su logistica ed infrastrutture del sistema Italia.

Il prezzo del petrolio - sottolinea la Coldiretti di Basilicata- sta condizionando i costi energetici ma ad aumentare sono anche quelli della plastica, dell’acciaio e della carta determinanti nella filiera di produzione di fiori e piante. Un settore fortemente orientato all’esportazione sul quale incide in misura rilevante il costo dei trasporti.  Serve anche una adeguata attività diplomatica per la rimozione dei blocchi fitosanitari che – sottolinea la Coldiretti lucana – ancora sussistono per le produzioni vivaistiche italiane in alcuni paesi. La Brexit ad esempio – spiega la confederazione agricola – è causa di preoccupazioni nel settore florovivaistico, legate soprattutto a nuove regole fitosanitarie non in linea con la normativa Ue e perché le autorità britanniche saranno chiamate a controlli alle frontiere sempre più complessi, con ritardi e burocrazia che ne consegue. Inoltre – continua Coldiretti – vanno potenziate nelle risorse e allargate ad una platea più vasta le misure previste per il Bonus Verde e finanziata la promozione del settore e dei consumi nazionali ed esteri per un vero rilancio di piante e fiori Made in Italy.

Ultimi Tweets

From IFTTT
Coronavirus in Basilicata: scende il tasso di positività, 28 i nuovi casi https://t.co/IlUUCvZ6ZA https://t.co/BN2tZccS2u
From IFTTT
La comunità di Pisticci Scalo piange la immatura scomparsa di don Mimi Spinazzola. Oggi i funerali a Ferrandina… https://t.co/lupvcfsLaw
From IFTTT
Sabato 25 settembre inaugurazione dello Spazio di Comunità per la Cultura https://t.co/kgBVJ5Dgsw https://t.co/n3SnXsCDWM
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

Tinchi in festa per due sentiti eventi religiosi

Coronavirus in Basilicata: scende il tasso di positività, 28 i nuovi casi

La comunità di Pisticci Scalo piange la immatura scomparsa di don Mimi Spinazzola. Oggi i funerali a Ferrandina

Sabato 25 settembre si inaugura a Pisticci lo Spazio di Comunità per la Cultura

Coronavirus in Basilicata: stabili i contagi, 10 le guarigioni in territorio di Pisticci

007 - NO TIME TO DIE, a Matera proiezione speciale in anteprima nazionale

Cambio della guardia al comando delle compagnie carabinieri di Matera e Policoro

Legambiente: dal 24 al 26 settembre torna Puliamo il Mondo

Coronavirus in Basilicata: 38 nuovi positivi, 43 guarigioni, 2937 nuove dosi di vaccino somministrate