Giovedì, 22 Ottobre 2020

TARI: una storia infinita

Sabato, 17 Ottobre 2020 1422

Con sentenza n.788/2018 il TAR Basilicata ha annullato la delibera del Consiglio Comunale di Pisticci n.31 del 27/07/2017 relativa all'approvazione del piano finanziario delle tariffe TARI 2017.

Successivamente, a seguito del ricorso in appello presentato dall'Amministrazione, anche il Consiglio di Stato si è pronunciato nella stessa direzione con sentenza n.02189/2020, mettendo di fatto la parola "FINE" ad una vicenda giudiziaria che ha sancito il diritto dei cittadini pisticcesi alla restituzione delle somme versate, ma non dovute nel 2017.
Di conseguenza, accertato il fondamento giuridico della pretesa risarcitoria, i soggetti promotori del ricorso hanno dato il via ad una campagna di distribuzione dei moduli di rimborso, seguiti dall'Amministrazione che ne ha redatti di propri, dichiarati poi compatibili con quelli dei ricorrenti.
Ad un certo punto quindi pareva davvero che l'Amministrazione comunale, accettando il responso dell'Autorità Giudiziaria, avesse deciso di ripagare i propri cittadini in un'ottica di leale collaborazione con quelle forze politiche che si erano già spese in prima persona.
Oggi, invece, dobbiamo constatare che quella di cui sopra era solo una vana illusione.
Il governo cittadino infatti, nonostante i buoni auspici di rito, nulla ha fatto per tutelare i diritti risarcitori del popolo.
Gli avvisi di pagamento della TARI 2020 sono infatti giunti nelle nostre case pesanti come pietre.
Tutti ci aspettavamo, dato l'esito del ricorso, una compensazione economica sull'imposta in questione.
E invece niente. Neanche un euro è stato scomputato dal totale.
Increduli, e anche un pò arrabbiati, noi cittadini ci sentiamo vittima di un sistema che a parole tutela i nostri diritti, ma nei fatti ci impone indebitamente obblighi inappropriati.
Quando un uomo viene condannato dalle Autorità a ripagare i propri debiti è costretto a tenere fede a questa prescrizione finanche vendendosi la casa. Perché quindi l'Amministrazione comunale si comporta come se fosse esente da questo meccanismo?
E' chiaro a tutti che lo scopo di questa Giunta comunale è quello di "tirare a campare" qualche altro mese per fare in modo che la prossima Amministrazione, da eleggersi nella Primavera del 2021, possa farsi carico dei loro debiti.
Subdoli stratagemmi di questo tipo sono il frutto di una classe politica marcia e retrograda.
L'irresponsabilità contabile e politica dei nostri rappresentati, tutti uniti nel motto "sono problemi di chi arriverà dopo", ha portato il nostro Comune ad avere debiti per diversi milioni di euro che adesso pendono sulle nostre teste.
Personalmente pensavo che quest'Amministrazione, dopo tutte le accuse rivolte ai propri predecessori, non si sarebbe macchiata della stessa colpa: scaricare sui posteri i propri errori. Evidentemente però mi sbagliavo.

Carmine Calandriello

Ultima modifica Domenica, 18 Ottobre 2020 15:08

Ultimi Tweets

Coronavirus in Basilicata. Confermato il nuovo trend negativo https://t.co/cEjrfy7utD #coronavirus #COVID19
Per esigenze organizzative la sfilata dei Bersaglieri avrà inizio alle ore 16.30 partendo da piazza Giulio Cesare.… https://t.co/sEu8n5U1mZ
Grandinata record, Pisticci chiede lo stato di calamità https://t.co/9KyNoUqNJQ
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

Braia (IV): rafforzare gli operatori sanitari per tamponi e tracciamento prima che la sanità collassi

Coronavirus in Basilicata. Ci sono 85 nuovi contagiati e 3 nuovi ricoverati in Terapia Intensiva a Matera

Insegnante positiva al Covid-19, chiuse scuole elementari a Bernalda. Il sindaco Tataranno dispone anche chiusura serale di piazza Plebiscito

Carabinieri intensificano i controlli. Sei persone denunciate nello scorso fine settimana

Stupro di Marconia: arrestati altri 4 ragazzi

Nominato il nuovo assessore ai lavori pubblici del Comune di Pisticci

Coronavirus in Basilicata: risultati ancora tamponi positivi

Ruba in chiesa per acquistare eroina da spacciare. I carabinieri denunciano 33enne

La Polizia arresta donna per maltrattamenti in famiglia