Mercoledì, 02 Dicembre 2020

Braia (IV): rafforzare gli operatori sanitari per tamponi e tracciamento prima che la sanità collassi

Mercoledì, 21 Ottobre 2020

“Far attendere per giorni e giorni intere famiglie prima di essere chiamati a fare un tampone è semplicemente assurdo, se poi si aggiungono altri giorni per conoscere l'esito, per una sanità che sul tema avrebbe dovuto avere un sistema rodato e efficiente dopo sei mesi di esperienza.

Chiediamo un intervento immediato dell'Assessore Leone per il rafforzamento degli operatori sanitari destinati al tamponamento, alla processazione degli stessi e al tracciamento dei casi su tutto il territorio regionale per ridurre i tempi e agire rapidamente. E’ assurdo apprendere che nell'intera ASM operano solo 4 unità sanitarie che fanno tamponi, due di Matera e due di Policoro e la popolazione da tamponare, purtroppo, oggi è almeno raddoppiata. I dati del contagio sono sotto gli occhi di tutti, comunicati ogni giorno. Si accreditino altri laboratori regionali che hanno strumentazione adeguata a processare tamponi. 

Diverse le situazioni che stanno avvenendo, solo per fare degli esempi, nelle scuole della città di Matera. Alta è la guardia e i protocolli messi in atto dai Dirigenti Scolastici, perennemente in contatto con Il Dipartimento di Prevenzione della ASM, si attivano immediatamente al ricevimento delle notizie, per la tutela e la sicurezza di alunni e personale scolastico. Non basteranno, fra pochi giorni, dato l’aumento quotidiano delle situazioni da verificare in via precauzionale o perché necessarie. Per ogni adulto positivo al covid19 c'è almeno un figlio in una scuola da tamponare, una classe da sospendere. Se poi risulta "positivo" il cerchio concentrico dei tamponi da fare aumenta in maniera esponenziale e non più gestibile.”

Lo dichiara il Consigliere Regionale Luca Braia, capogruppo Italia Viva.

“Se il collo di bottiglia diventa il sistema sanitario - prosegue Braia - caro Bardi, non ci siamo proprio. Tutto va dimostrato con dati e non con annunci. Ci risulta non vera, ad oggi, l’affermazione che al personale scolastico vengano fatti i tamponi, insieme al personale infermieristico e delle RSA. Mentre è vero, purtroppo, che si bloccano oramai scolaresche nei comprensivi della città di Matera, per fare un esempio estendibile a tutta la regione, senza la possibilità, dopo diversi giorni, di aver effettuato il tampone per i compagni di classe o sezione individuati come contatti diretti di casi positivi riscontrati e comunicati ai Dirigenti scolastici che, come da protocollo interrompono le attività educative e didattiche per attivarle a distanza o in maniera integrata. A loro va un ringraziamento e un plauso per la capacità di gestire le crisi nel rispetto della privacy di alunni e famiglie e per tutti gli interventi messi in campo a tutela della salute pubblica. Alcune scolaresche, fortunatamente, rientrano dopo pochi giorni a scuola, se gli alunni risultano essere negativi, in altri casi si provvede a effettuare il tampone anche alle classi. Chiaramente se si continua con l'aumento dei casi accertati tra genitori e rispettivi figli, presto le strutture e i Dipartimenti di Prevenzione di Asm e Asp dovranno alzare bandiera bianca per impossibilità di gestirne il numero e i tempi.

Come può il Presidente Bardi dichiarare di fare sino a 3000 tamponi al giorno e poi far aspettare in isolamento precauzionale le famiglie dei contatti diretti di alunni risultati positivi, con genitori che non possono andare a lavorare in maniera indeterminata rispetto a tempistiche che non sono certe.

Occorre raddoppiare se non triplicare medici e infermieri, e personale dedicato, da rendere disponibili alla scopo: è oggi il minimo da garantire. Soprattutto dopo una conferenza stampa come quella di ieri. Se non avremo risposte immediate dal Governo Regionale saremo pronti a manifestare con ogni mezzo il dissenso verso la gestione di una sanità che dalla crisi sta rischiando andare in lockdown.

Caro presidente Bardi, caro Assessore Leone - conclude il consigliere Braia - è inutile rassicurare se, come appare dalle informazioni che quotidianamente ci giungono, la situazione è già ora fuori controllo. Non siamo più a marzo e maggio scorso ma siamo ad oltre 600 casi registrati e la catena del contagio sta diventando, a detta degli operatori, difficile se non impossibile da ricostruire. Sta saltando l'organizzazione, si intervenga prima che sia veramente troppo tardi. 

Abbiamo o no maturato esperienza come Basilicata nella gestione di focolai e casi in tutta la Regione? Oppure è tristemente vero, oggi, che non abbiamo imparato e capito ancora nulla?”

Ultima modifica Mercoledì, 21 Ottobre 2020 16:19

Ultimi Tweets

Coronavirus in Basilicata. Confermato il nuovo trend negativo https://t.co/cEjrfy7utD #coronavirus #COVID19
Per esigenze organizzative la sfilata dei Bersaglieri avrà inizio alle ore 16.30 partendo da piazza Giulio Cesare.… https://t.co/sEu8n5U1mZ
Grandinata record, Pisticci chiede lo stato di calamità https://t.co/9KyNoUqNJQ
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

A giugno Matera ospiterà il G20, il summit dei grandi della terra

Coronavirus in Basilicata. Dati simili a quelli di ieri (157 nuovi positivi). Guarite 80 persone

Frana ex mattatoio: dopo due mesi ancora nessun intervento, cittadini preoccupati

Rapporto 'Territori Civili'. Fragilità e Risorse della Basilicata secondo Caritas e Legambiente

Ordinanza su chiusura scuole elementari e medie efficace fino al 3 dicembre, si torna fra i banchi venerdì 4. TAR 'bacchetta' Bardi

All'ospedale di Matera si inaugura una nuova area Covid

Il Consiglio Comunale di Pisticci chiede all'unanimità di riaprire l'ospedale di Tinchi

We use cookies
Sul nostro sito Web vengono usati solo cookie di terze parti. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.