Giovedì, 29 Settembre 2022

Uil su cassa integrazione Covid ancora necessaria

Martedì, 25 Gennaio 2022

Il segretario della Uil Basilicata in una nota evidenzia la necessità di garantire ancora la cassa integrazione covid ai lavoratori e alle lavoratrici. Il 2021 si è chiuso con l’erogazione per i lavoratori lucani di circa 19 milioni di ore di cassa integrazione-ricorda Tortorelli- Solo a dicembre le ore di cig “emergenza sanitaria Covid” sono state quasi 500 mila. Garantire la protezione di lavoratrici e lavoratori nei settori come quelli del manifatturiero, terziario, servizi, turismo, che ancora non sono ripartiti o che hanno difficoltà a farlo è perciò una priorità.

Il Parlamento, -sottolinea il segretario della Uil lucana- che a breve sarà chiamato alla conversione del decreto Milleproroghe, deve cogliere l’occasione per rimediare alla decisione del Governo di qualche giorno fa: servono subito altre settimane di cassa integrazione con la motivazione Covid, almeno fino alla fine di marzo! Non basta certo esonerare i datori di lavoro dal pagamento della contribuzione addizionale dovuta da chi utilizza gli ammortizzatori sociali. Questo periodo di gestione eccezionale degli ammortizzatori, in una fase che, dal punto di vista pandemico, economico, produttivo, occupazionale, è eccezionale, sarebbe la scelta più giusta. Peraltro, con questo slittamento, si darebbe modo di far partire, per bene, la riforma della cassa integrazione appena decisa, programmando e gestendo modifiche di regolamenti, approntando procedure, illustrando obblighi e opportunità, soprattutto ai settori che ora entrano in questa modalità di protezione del lavoro.

Non è pensabile -aggiunge il sindacalista- che il raffronto positivo tra ore di cig autorizzate nel 2021 rispetto al 2020 – in Basilicata -5,1% – sia sufficiente perché la ripresa produttiva ed occupazionale non è dietro l’angolo. Ci sono imprese manufatturiere e artigiane che stentano a ripartire fra difficoltà di reperimento dei materiali e costo dell’energia, il turismo che registra quotidiane disdette, il commercio e il terziario senza un progetto di sviluppo e nemmeno una speranza di sopravvivenza.

Lavoratrici e lavoratori, da mesi in cassa interazione Covid, che da gennaio non possono nemmeno far conto su questa e, nel frattempo, la nuova cassa integrazione tutta da mettere a regime. In questo scenario il Governo decide di chiudere ogni possibilità di cassa Covid, affidando alla Cassa integrazione ordinaria – di recente riforma – il compito di far fronte ad una situazione che certo ordinaria non è. Con un modesto sconto alle imprese – e nemmeno a tutte – che, non potendo far altro, a questa si rivolgeranno: niente addizionale. Troppo poco, davvero troppo poco-conclude Tortorelli.

Ultimi Tweets

From IFTTT
Dopo decenni, Pisticci torna ad avere una rappresentanza in Parlamento https://t.co/26WSvBuAD0 https://t.co/N0sZhAxscr
From IFTTT
La SETAC organizza corsi gratuiti del dialetto pisticcese https://t.co/gTeQ7lhied https://t.co/DpDJ26pEqz
From IFTTT
In Piazza Maggiore a Bologna il ricordo di Lucio Dalla con Pupi Avati, Rossana Casale e Vito D’Eri… https://t.co/YQ0ejAwL0O
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

Dopo decenni, Pisticci torna ad avere una rappresentanza in Parlamento

La SETAC organizza corsi gratuiti del dialetto pisticcese

In Piazza Maggiore a Bologna il ricordo di Lucio Dalla con Pupi Avati, Rossana Casale e Vito D’Eri

L’I.I.S Pitagora partecipa alla Festa dei lettori

Futsal Senise: parola al dirigente Cosmiano Cataldo

Imminenti i lavori sulla provinciale Pisticci-San Basilio

Coldiretti: sottoscritto accordo di filiera per evitare speculazioni su prezzo grano e danni ai produttori

Tenutosi a Marconia il 3° appuntamento della stagione concertistica comunale

Riparte il programma "Scuola Attiva"