Sabato, 10 Dicembre 2022

Giordano: “A tre anni dalla morte di mia sorella Tina mi aspetto che le indagini diano evidenza”

Mercoledì, 05 Ottobre 2022

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Pino Giordano:

Il 29 settembre di tre anni fa, dopo una lunga agonia, decedeva, presso l’Ospedale San Carlo di Potenza, Annunziata Giordano, sorella del noto sindacalista Pino Giordano.La morte della povera Annunziata avveniva per cause ancora in corso di accertamento da parte dell’Autorità Giudiziaria che lavora sulle ipotesi di reato di maltrattamenti in famiglia, aggravati dall’evento morte, e di circonvenzione di incapace, per cui è indagata una persona con la quale la stessa Annunziata Giordano aveva instaurato una relazione affettiva.

Pino Giordano, assistito dall’Avv. Giuseppe Labriola in qualità di difensore di parte civile nel processo in questione, ha seguito con la massima attenzione possibile la vicenda giudiziaria che interessa la morte della sua congiunta, evitando di dare risonanza mediatica alla storia affinché gli inquirenti, nel cui operato ha sempre riposto la massima fiducia, lavorassero con la massima serenità e tranquillità.

Tuttavia, il lungo tempo trascorso dalla morte della propria congiunta, segnato proprio dal compimento del terzo anno dalla sua scomparsa e precisamente dalla data dei funerali, fa sì che adesso Pino, sempre e soprattutto per il rispetto della memoria della sua amata sorella, si aspetti che le indagini espletate diano evidenza degli esiti ai quali sono giunte al fine di delineare un punto di approdo sull’individuazione delle cause della morte della povera signora Tina e su eventuali, nonché gravissime responsabilità per i fatti verificatisi.

Ad oggi l’imputato a tre anni esatti dal giorno dei suoi funerali, un tale Luigi Costa, nonostante ne sia stato disposto l’accompagnamento coattivo in giudizio, non si presenta dinnanzi alla Corte di Assise di Potenza risultando, inoltre, irreperibile agli inquirenti.

Non risulta, invece, irreperibile alla trasmissione televisiva di Rai3 che si è interessata alla vicenda: infatti l’individuazione dell’uomo è stata resa possibile solo grazie alla redazione di “Chi l’ha Visto”, il cui intervento ha colmato le lacune probabilmente non arginabili dalla Procura di competenza.

Il diritto al silenzio è un diritto inviolabile, ma, chi è innocente si presenta innanzi ad un giudice e grida la propria innocenza. Ed è solo per la mediazione e competenza dell’Avv. Giuseppe Labriola che a tutt’ora il fratello della povera donna, Pino Giordano non ha messo in atto azioni eclatanti affinché si sappia la pura verità dei fatti: lo stesso Pino Giordano strilla sulla Procura ‘Si Svegli’ e si riserva di intraprendere qualsiasi iniziativa atta a fare piena luce su tale surreale e vergognosa vicenda che solo in Italia si può assistere come se si girasse una paradossale fiction cinematografica”.

Ultimi Tweets

From IFTTT
Domenica al “Michetti” big match tra Elettra Marconia e Matera Città dei Sassi https://t.co/mkdLr6wTA9 https://t.co/2nvensWlqH
From IFTTT
In Basilicata aumentano i rifiuti nucleari https://t.co/HMnVDQEkU4 https://t.co/ztMHWiJd6Z
From IFTTT
Scarcerato il figlio del boss Schettino https://t.co/a6HlnQgVEq https://t.co/utE2rij3Ka
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

Domenica al “Michetti” big match tra Elettra Marconia e Matera Città dei Sassi

In Basilicata aumentano i rifiuti nucleari

Scarcerato il figlio del boss Schettino

L’analisi di mister Masiello prima della gara contro la Diaz

Miolla, Di Trani, Calandriello e Grieco: “La Giunta Albano calpesta il diritto alla partecipazione”

Il “talentino” Paolo D’Onofrio “Disposti a tutto pur di cambiar andamento”

Inaugurazione Largo Notte Santa Apollonia: il commento della consigliera provinciale Viviana Verri

Gli Stati Generali di Internet ed i Diritti nel Metaverso. Evento con il prof. Cassano nella Luiss di Roma

A Marconia grandissima partecipazione alla “Marcia per la Pace”