Martedì, 07 Febbraio 2023

Si terrà il 22 e 23 dicembre la terza edizione del Metaponto Film Network, momento industry concepito come occasione di formazione e confronto per nuove generazioni di autori e produttori, grazie allo stretto contatto con operatori di maggiore esperienza e struttura.

“La mafia uccide, il silenzio pure”. È con questa citazione di Peppino Impastato che inizierà la riflessione dei “piccolissimi” del Lucania Film Festival. Una riflessione sul fenomeno mafia che darà vita, il 7 dicembre alle ore 18:00, a “Serata d’onore-È Stato la Mafia”, un evento completamente prodotto e animato dai giovani del territorio, che tra monologhi, interviste e omaggi, renderanno onore a tutte le vittime di mafia e lanceranno il messaggio che già trent’anni addietro lanciarono i giovani palermitani all’indomani della strage di Capaci: “le loro idee camminano sulle nostre gambe”.

L’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti -  Sede Territoriale di Matera -  e il Consorzio Concreto - CineParco TILT, cercano “voci” per CiAV (Cinema ad Alta Voce), progetto inclusivo per il racconto e la fruizione di opere cinematografiche ai non vedenti, ipovedenti e ai normodotati bendati!

Dopo i tanti successi degli scorsi anni, la Sala Piccolissima, guadagna un’altra serata.

Il 12 e il 13 agosto, ultime due giornata della 23° edizione del Lucania Film Festival ospiteranno un ospite d’eccezione particolarmente legato alla terra lucana: Rocco Papaleo.

Dopo anni di grandi successi l’attore lucano torna a casa per raccontarsi al pubblico della manifestazione e per festeggiare insieme i grandi traguardi che è riuscito a conquistare tra cinema e teatro.

Ma naturalmente il programma non si esaurisce qui:

  • si parte il 12 presso Cine Parco Tilt Marconia di Pisticci (MT), alle ore 18.30 con un focus project condotto da Mand Ori Goldsteni e Asher Salahe organizzato dal Festival in collaborazione con l’ambasciata Israeliana d’Italia e con il MIC;
  • alle ore 19:15 si terrà invece la Talk dal titolo Documentaristica scientifica a cura di Nicola Masini (CNR- Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale).
  • Alle 19:45, sempre presso lo stesso spazio, si prosegue poi con la Talk dal titolo Musica come narrazione visiva a cura di Lauren Light e Federico Ferrandina; si continua alle ore 20:15 con la presentazione del libro Pop corn & Patatine.

Dalla sceneggiata napoletana al nuovo cinema meridionale di Giuseppe Marco Albano e Renato Scatà.

A seguire si potrà assistere alla proiezione dei film in concorso.

Per incontrare Rocco Papaleo ci si dovrà invece recare presso lo Spazio Kiarostami, dove alle ore 23.00 si potrà assistere al Cinetalk tenuto dall’attore; a seguire live music performance di Lauren Light e Federico Ferrandina.

Ma la presenza di Rocco Papaleo non si esaurisce il 12 agosto: sarà infatti presente anche il giorno successivo e conclusivo del Festival, questa volta in una location differente a Pisticci Centro, una delle sedi storiche della kermesse, in Piazza Umberto I.

L’attore lucano si racconterà al pubblico insieme con il conduttore di Radio 2 Filippo Solibello.

L’evento è preceduto dalla presentazione del libro Il meridionalista dell’immagine di Ludovico Cantisani e naturalmente dalla premiazione dei film in concorso.

Rocco Papaleo, nato nel 1958 a Lauria, in Basilicata, si trasferisce da giovanissimo a Roma.

  • Dal 1989 al 1991 è nel cast di “Classe di ferro”, serie TV, ma nel frattempo comincia anche a comparire sul grande schermo, la prima volta è con Mario Monicelli ne “Il male oscuro” (1990).
  • La maggiore interpretazione di questi anni è nel film di Leonardo Pieraccioni al suo esordio con “I laureati” (1995).
  • Lavora con Paolo Virzì, Umberto Marino e con Giovanni Veronesi che nel corso degli anni ’90 lo dirigerà ben due volte in “Il barbiere di Rio” (1996) e “Viola bacia tutti” (1998).
  • Con il suo humor e il suo accento del Sud, Papaleo si specializza nella commedia.
  • Torna a essere diretto ben cinque volte dal regista che più di tutti lo ha messo sotto i riflettori, Pieraccioni.
  • Ormai icona di comicità, puntano su di lui anche Vincenzo Salemme e Carlo Vanzina con “Il pranzo della domenica” (2003) con il quale riceve la sua prima candidatura ai Nastri d’Argento come miglior attore non protagonista.
  • Nel 2010 il suo esordio alla regia con “Basilicata coast to coast”, una commedia avventurosa tra le terre della sua patria insieme a Alessandro Gassmann, Paolo Briguglia, Max Gazzè e Giovanna Mezzogiorno con una colonna sonora a cui il director, appassionato di musica, non può che partecipare.
  • Riscossi pareri positivi, il film permette a Papaleo di aggiudicarsi un Nastro d’Argento e un David di Donatello come regista esordiente nel 2011.
  • A questi riconoscimenti seguiranno negli anni un Premio TV come personaggio rivelazione e un Premio nazionale Vincenzo Padula per il Sud nel cinema. Nel 2013 dirige “Una piccola impresa meridionale” e nel 2016 “Onda su Onda”.
  • Nel 2014 è nel cast di “Un boss in salotto” e “La scuola più bella del mondo” di Luca Miniero. È stato diretto anche da Edoardo Leo, Paolo Genovese e molti altri.
Pagina 1 di 2

Ultimi Tweets

From IFTTT
Al Pala Olimpia in scena la partita “Un Calcio contro il Cancro” https://t.co/PCyWueIlmx https://t.co/J0DxZ633yr
From IFTTT
Domani prima seduta della rappresentativa lucana Under 17/19 https://t.co/AckZt47IPM https://t.co/1DrzhiLYCX
From IFTTT
Proseguono fino ad aprile le audizioni per il "Premio Mia Martini 2023" https://t.co/L6EU3viqHi https://t.co/2L9LmZlSGl
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

Domani prima seduta della rappresentativa lucana Under 17/19

Proseguono fino ad aprile le audizioni per il "Premio Mia Martini 2023"

Eccellenza lucana: l’Elettra Marconia impatta con il Ferrandina

Al Teatro Festival Ferrandina Carlo Buccirosso con “L’erba del vicino è sempre più verde!”

Allerta maremoto: la situazione è sotto controllo

Nuova interruzione idrica a Pisticci centro

Durante il festival della canzone a casa Sanremo Arte ospiti artista pisticcese Angela Lapadula e Donata Imperio di Scanzano

Il Pisticci vuole restare in serie B. L’acquisto dello spagnolo Javier Burgos lo conferma

Sconfiggere il bullismo: quando il problema sono i chili di troppo e una fede diversa