Martedì, 28 Giugno 2022

Molte le reazioni in seguito all’ennesimo incidente avvenuto ieri sulla SS7. Tutte ovviamente rivolte alle istituzioni preposte affinché intervengano al più presto per mettere in sicurezza una arteria che negli anni ha visto aumentare esponenzialmente il traffico che la percorre.

Queste le parole del sindaco di Matera Domenico Bennardi:

“Occorrono che i lavori di messa in sicurezza e raddoppio corsie della SS7 vengano realizzati nei tempi più celeri, l'incidente mortale di ieri conferma quanto sostenuto da molto tempo e da più parti, il raddoppio delle corsie almeno nel tratto di collegamento da Matera alla Basentana è operazione fondamentale non più rinviabile per una strada più sicura e più agevole. Stiamo parlando di una statale ad alta percorrenza, tra le più trafficate in Basilicata, ancor più congestionata nei mesi di maggiore flusso turistico.

Il 7 maggio scorso presso la Provincia di Matera si è tenuto un incontro con il Responsabile nazionale delle nuove opere dell’ANAS, l’ingegnere Scalamandrè, per fare il punto sul raddoppio delle corsie. Bisogna accelerare sul cronoprogramma di questi interventi che la Regione ha programmato, non possiamo permetterci questa frequenza di incidenti. Tre incidenti gravi e due morti sulle strade lucane in poche ore nella sola giornata di ieri.

La SS7 deve essere immediatamente adeguata anche per la presenza massiccia di mezzi pesanti, quindi camion e autocarri, ovvero quelli che rischiano maggiormente e quotidianamente di invadere la corsia opposta. E' impensabile che in sole due corsie opposte senza spartitraffico possano transitare autocarri silos. Ma non basta investire solo in infrastrutture e strade, occorre anche un’adeguata formazione sulle norme di sicurezza stradale auspicando più collaborazione con l’albo nazionale degli autotrasportatori per percorsi formativi in ambito di salute e sicurezza sul lavoro, favorendo un’azione di prevenzione degli infortuni sul lavoro per il trasporto merci.” 

Questo il commento di Paolo Emilio Stasi presidente del circolo “La Scaletta”:

“L’adeguamento della Strada Statale 7 nel tratto Matera-Basentana non è più rinviabile ed è possibile in tempi ragionevolmente brevi a patto che si rompano gli indugi e che si lavori senza altri ritardi e inutili discussioni alla sua realizzazione”. Il progetto esiste, una parte delle risorse anche, e il resto dei finanziamenti può rivenire dai fondi a disposizione del Ministero per il Sud (oltre 63 miliardi di euro) a cui si può accedere, come ha ribadito la Ministra Carfagna, avendo a disposizione il progetto di fattibilità tecnico-economica. Si tratta di un intervento necessario per l’enorme mole di traffico, anche pesante, che si muove lungo la direttrice Adriatico-Tirreno, che necessita di un collegamento sicuro ed adeguato. Sono passati oltre 20 anni da quando il collegamento mediano Murgia-Pollino, di cui la Matera-Basentana fa parte, è stato inserito nella Legge Obiettivo che contiene tutte le infrastrutture ritenute strategiche per il Paese e nessun passo concreto in avanti è stato fatto per la sua realizzazione, se non la progettazione preliminare del primo tratto (Gioia del Colle-bypass Matera-Bivio Metaponto)”. 

Nel ribadire che il Circolo La Scaletta, da sempre, considera l’opera indispensabile per mettere in relazione i territori e le aree industriali lucane del Lagonegrese, della Valbasento e del Materano e soprattutto alleviare l’isolamento ed il conseguente spopolamento delle aree interne sia della provincia di Matera che di Potenza, Stasi sollecita: “Un impegno comune di Governo, Regione ed Anas per avviare immediatamente le procedure per la realizzazione della strada e nel contempo per dare corso alla progettazione del tratto della Statale 7 che va dal bivio di Metaponto fino alla Basentana. Non è più soltanto un problema legato allo sviluppo del nostro territorio. Sta diventando drammaticamente un’emergenza vista la pericolosità della strada che continua a costare vite umane”.

“Neanche le tragiche notizie degli incidenti e le morti che si susseguono hanno persuaso la maggioranza di centro destra a votare il semplice impegno di parlarne, provare soluzioni che impegnano Presidente e Giunta a mettere in priorità assoluta il raddoppio della statale 7. Con mio grande rammarico vista l’emergenza e la contingenza del tema, è stata respinta l’immediata discussione dal Consiglio Regionale. Ho presentato, infatti, una mozione urgente, firmata anche dai colleghi consiglieri Cifarelli e Perrino, perché il Governo Regionale, il Presidente Bardi e l’Assessore Merra pongano in essere ogni azione utile affinché la Strada Statale 7, Appia Matera-Ferrandina, sia raddoppiata in tutto il suo tratto in lotti funzionali ed indipendenti, inserendola tra le priorità urgenti da cantierare. Si proceda allo sblocco di tutto ciò che osta, a livello decisionale e politico, alla realizzazione dell’opera di allargamento la Strada Statale 7, Appia Matera-Ferrandina in tempi immediati e si solleciti ANAS alla redazione del progetto.” “Negli ultimi giorni, tristissimo il bilancio si stanno verificando incidenti purtroppo anche mortali sulla tratta che collega la città di Matera con la Basentana. Troppe sono le giovani vite oramai strappate alle famiglie per l’inadeguatezza di questa strada e di molte altre su cui la Regione Basilicata continua a procrastinare interventi di sicurezza. Per citare solo gli ultimi: sabato scorso un incidente con feriti sulla Ferrandina – Matera, a pochi chilometri dalla città. Questa settimana è iniziata purtroppo con ben due incidenti mortali. Un lunedì nero con un morto anche sulla statale 96 in località Taccone di Irsina (Matera), a seguito di un incidente in prima mattinata- un uomo deceduto durante lo scontro con un minibus, che trasportava cinque operai di una azienda edile pugliese. Sempre oggi, incidente sulla Ferrandina-Matera dove ha perso la vita un uomo di 79 anni.

Il 7 maggio scorso presso la Provincia di Matera si è tenuto un incontro con il l’ingegnere Scalamandrè, Responsabile nazionale delle nuove opere dell’ANAS per fare chiarezza sugli sviluppi della strada statale 7 Matera-Ferrandina dal quale è emerso – come dichiarato da ANAS – che la Regione Basilicata è totalmente responsabile della mancata realizzazione della strada statale 7 Matera-Ferrandina. Se così è, è gravissimo perché si parla di sicurezza e vite umane, quelle di qualunque cittadina o cittadino o turista che si trova a percorrere le strade lucane.

Matera e la sua Provincia non possono e non debbono essere totalmente esclusi da ogni opera di possibile miglioramento della viabilità stradale, la SS7 deve essere una priorità per questo governo. Occorre sbloccare con urgenza e in maniera immediata tutti i lotti e tratti, per evitare che nell’intero asse della Strada Statale 7, Appia Matera-Ferrandina, avvengano altri infausti incidenti, oramai causa di decessi di troppe giovani vite.”

Questa la dichiarazione del Consigliere Regionale Luca Braia, capogruppo Italia Viva.

“Percorrere la Basilicata è diventato sempre più difficile. Le vie di comunicazione sono oramai un sogno con strade e ponti abbandonati dall’incuria e dell’incapacità gestionale. Non passa giorno senza registrare incidenti. L’elenco degli episodi è infinito: una persona è morta e altre cinque sono rimaste ferite in un incidente stradale avvenuto stamani sulla strada statale 96 bis ‘Barese’ nei pressi di Irsina (Matera) e, un terzo morto sulle strade lucane in poche ore. Per cause in corso di accertamento, uno scontro frontale, che ha coinvolto un’autovettura ed un mezzo pesante, sulla strada statale 7 ‘Appia’ a Matera, ha provocato il decesso di una persona ed il ferimento di un’altra. E’ veramente un bollettino da guerra”.

E’ quanto denuncia Pino Giordano dell’Ugl Matera per il quale, “non esiste un paese lucano che non abbia un disagio stradale. Non è più possibile e tollerabile che si debbano sostenere queste incresciose situazioni, ci batteremo a viso aperto, come da sempre facciamo, perché il perdurare stato di irregolarità stradale penalizza i lavoratori e tutti i cittadini che giornalmente percorrono le nostre strade. L’Ugl ricorda che dal 1958 in ogni occasione elettorale si parla sempre di strade che dovrebbero trasformare la nostra regione in una California, grazie alla rapidità e alla modernità dei traffici. Ma le parole restano solo parole, e fatti non se ne vedono. Noi non possiamo accettare il criterio che proprio a questa regione abbandonata, viene sempre messa in seconda linea quando si tratta di fare programmi stradali e interventi industriali. Siamo stufi di proclami propagandistici. Le strade sono divenute ormai un ‘colabrodo’ – conclude Giordano: insicurezza, pericolosità, morti sulle strade e l’elenco continua a crescere”.

Associazione infrastrutture, servizi e mobilità nel Materano

Dopo l’ennesimo incidente e l’ennesima vittima, uccisa dal menefreghismo totale dell’unica responsabile di tale situazione, qual’è la regione Basilicata, ci tocca denunciare pesantemente tale istituzione.
Come dichiarato dal responsabile nazionale delle nuove opere Anas, l’Ingegnere Scalamandrè, l’unico motivo che frena la realizzazione della ss7 Matera Ferrandina a 4 corsie è la volontà politica regionale che come al solito ostacola questa ed altre opere materane per i soliti campanilismi a cui ci ha abituati la Basilicata tutta a trazione potentina. Ci dispiace che nel 2022 ci siano ancora questi scellerati comportamenti e scelte di campanile e ci rammarica vedere una istituzione regionale essere contro una parte di suoi stessi corregionali.
Oggi si discuterà e certamente sì approverà in consiglio regionale, un ennesimo “salva comune di Potenza” e si regaleranno altri ben 40 milioni di euro a questo pozzo di San Patrizio, mentre a Matera arrivano, se arrivano, briciole.
Questa disparità di trattamento deve finire.
Sanità, infrastrutture, università, sport, etc. devono essere ugualmente finanziate e attenzionate anche nel Materano.
Mi rivolgo al presidente Vito Bardi che neanche ha avuto il coraggio di rivolgere un pensiero a queste ennesime povere vittime della strada, troppo impegnato a contare i milioni di euro regionali (cioè di tutti noi) da rilasciare a Guarente e la sua giunta.
Poi però ha il coraggio di lamentarsi se quando è costretto a venire a Matera riceve assordanti fischi.
Vogliamo essere questa volta molto duri, perché siamo stanchi di questi silenzi assordanti, delle promesse non mantenute da tutte le fazioni politiche, di questi rallentamenti, di questi morti!
Chiediamo con urgenza un incontro con tutti gli attori di questa farsa, per poter rilasciare date e cronoprogrammi certi per poter finalmente vedere partite cantieri che la città e la provincia aspettano ormai da decenni.
Siamo stufi, indignati e mortificati da tutto ciò.
La misura è colma e le responsabilità sono chiare.

Si è svolto questa mattina nella sede della Provincia di Matera un summit sulla sanità territoriale, coordinato dal presidente Piero Marrese, al quale hanno preso parte il direttore generale dell’Asm, Sabrina Pulvirenti, e i sindaci di Matera, Domenico Bennardi, Pisticci, Domenico Albano, Policoro, Enrico Mascia, Stigliano, Francesco Micucci e Tricarico, Matteo Martelli.Nell’ottica di un’azione condivisa, volta ad assicurare ai cittadini un pieno e concreto esercizio del diritto alla salute garantito dall’articolo 32 della Costituzione, è stato convenuto quanto segue:

  • Partire dall’atto aziendale che sarà elaborato dall’Asm e sottoposto alla conferenza dei sindaci. Sul punto, è stato chiesto e ottenuto all’Asm la disponibilità a recepire le richieste dei comuni e ad un’azione con loro condivisa;
  • dare atto dell’importante programmazione del fabbisogno della forza lavoro che è stato fatto dall’Azienda Sanitaria;
  • liste d’attesa: fatta un’analisi dettagliata delle criticità, con l’intesa che, a stretto giro, ci sarà un nuovo incontro per affrontare più compiutamente la problematica;
  • ospedali di Matera e Policoro: l’Asm ha reso noto che entrambi sono oggetto di riorganizzazione post-pandemica. I sindaci hanno chiesto di velocizzare la procedura di riorganizzazione.
  • laboratori di analisi e punto prelievi di Pisticci, Stigliano e Tricarico: registrata la disponibilità del DG Pulvirenti a valutare la possibilità di non trasformare i laboratori di analisi di Tinchi e Tricarico in punti prelievo. Inoltre, i sindaci di Pisticci, Stigliano e Tricarico hanno anche sollecitato la necessità di garantire e/o di mantenere l’apertura al sabato dei punti prelievo delle rispettive strutture;
  • si è concordato di ri-convocare il tavolo congiunto Asm-Provincia-Comuni, per elaborare una proposta complessiva condivisa;

Al termine del summit, Pulvirenti ha assicurato la volontà dell’Asm di potenziare la sanità territoriale con tutte le sue componenti. Infine, nell’ottica di costruire certezze sui temi affrontati i partecipanti al tavolo hanno deciso di elaborare un cronoprogramma cadenzato nel quale è già stato fissato per la prossima settimana un nuovo incontro sulle tematiche della sanità.

Venerdì 11 marzo, presso la sala congressi della struttura ricettiva Mulino Alvino di Matera, il Sindaco di Pisticci ha partecipato all'incontro tra i sindaci della provincia di Matera per sottoscrivere il "Patto per la Sanità ".

Plauso e soddisfazione per la nomina di Raffaele Pittella a soprintendente archivistico e bibliografico di Puglia e Basilicata.

Si aprirà domani alle 15, nello scenario naturale della Cava del Sole, a Matera, il XIII congresso della Cisl Basilicata che chiude una lunga maratona iniziata lo scorso autunno con i congressi di base e proseguita nei mesi successivi con i congressi di federazione. Attesi nella Città dei Sassi 150 delegati in rappresentanza di 45 mila iscritti e circa un centinaio di invitati, tra i quali il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi, l’arcivescovo di Matera-Irsina Mons. Caiazzo, il sindaco della Città dei Sassi Domenico Bennardi, i presidenti delle due Province, il prefetto Sante Copponi, oltre ai rappresentanti del mondo economico, sociale e politico della regione. Dopo la ferma condanna dei giorni scorsi, il sindacato lancerà in apertura un accorato appello a far tacere le armi in Ucraina. Il programma prevede alle 16 la relazione del segretario generale Vincenzo Cavallo. Patto sociale, sicurezza, giovani, occupazione femminile, transizione ecologica e digitale, PNRR: questi i temi principali che caratterizzeranno l’agenda congressuale con - inevitabilmente - un occhio vigile sulla guerra che si sta consumando alle porte dell’Europa.

In queste ore sono in corso gli ultimi ritocchi alla complessa macchina organizzativa che ha mobilitato decine di quadri, dirigenti, operatori e volontari del sindacato. Sul palco, insieme ai dirigenti della Cisl lucana e ai segretari delle 20 federazioni di categoria di prima e seconda affiliazione, domani pomeriggio ci sarà il leader nazionale Luigi Sbarra, che in queste settimane si divide tra gli spinosi dossier economici e i congressi territoriali e regionali che si stanno svolgendo in tutta Italia.

Dopo Taormina, dove si sta celebrando il congresso della Cisl siciliana, Sbarra sarà a Matera per fare il punto della situazione con la dirigenza lucana e i delegati del congresso sulle principali questioni dell’agenda economica e sociale del paese e per rilanciare il cavallo di battaglia della Cisl: un grande patto sociale nazionale e territoriale per affrontare questa fase complessa e sfruttare le opportunità legate al PNRR. “Il Sud - spiega Sbarra - nei prossimi anni avrà da spendere più di 200 miliardi di euro con le risorse del PNRR, la riprogrammazione dei fondi comunitari 2021-2027, il fondo Sviluppo e coesione, il fondo React EU. È un’opportunità irripetibile quella che l’Europa ha messo a disposizione della Basilicata e di tutto il nostro Paese, ma serve un grande piano concertato con le parti sociali, capace di risollevare l’economia meridionale”.

Giovedì 3 marzo seconda giornata di lavori: in agenda una riflessione sul tema della sicurezza e il dibattito con gli interventi dei segretari di federazione e dei responsabili degli enti e delle associazioni aderenti alla Cisl. In tarda mattinata è prevista la replica del segretario generale Vincenzo Cavallo. Al termine, le consuete operazioni di voto per l’elezione dei nuovi organi dirigenti: consiglio generale, segretario generale e segreteria, comitato esecutivo. La conclusione dei lavori è fissata per le 17:30.

Note organizzative:

- è sempre attivo il modulo per gli accrediti a questo url: https://forms.gle/FirfmZSWf98JXpEN6;

- gli accreditati hanno ricevuto o riceveranno il pass per il parcheggio riservato (di fronte al distributore di metano);

- faremo un punto stampa per le interviste prima della relazione del segretario generale che è fissata orientativamente per le 16:00;

- il segretario nazionale Luigi Sbarra interverrà verso le 19:00.

Pagina 1 di 6

Ultimi Tweets

From IFTTT
L'ex presidente della Regione, Pittella, contrario alla decisione di puntare tutto sull'aeroporto di Pisticci… https://t.co/HikbmrsqxD
From IFTTT
Violento impatto tra due auto: perde la vita giovane 25enne https://t.co/gwUdqkKF0K https://t.co/0cDMFprgEC
From IFTTT
Salvatore Caiata saluta del tutto il Potenza Calcio https://t.co/5fETaADBTA https://t.co/Fcfz6WWLBl
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

L'ex presidente della Regione, Pittella, contrario alla decisione di puntare tutto sull'aeroporto di Pisticci

Violento impatto tra due auto: perde la vita giovane 25enne

Salvatore Caiata saluta del tutto il Potenza Calcio

L’immatura scomparsa di Gianni Giannace, geometra dell’ufficio tecnico

Dibattimento rinviato per gli sversamenti COVA

A Ferrandina inaugurato il più grande impianto fotovoltaico di Basilicata

L’ASM annuncia l’attivazione del “consultorio itinerante”

A Policoro sfila Manuela Arcuri

Enrico Bianco è il nuovo sindaco di Policoro