Domenica, 14 Agosto 2022

Legambiente: "Chiediamo alla Regione Basilicata uno scatto di reni nell'avvio delle filiere per il recupero e il riciclo dei materiali e degli scarti e un'inversione di tendenza su fonti rinnovabili ed efficienza energetica. Programmando subito una reale transizione ecologica sostenibile e giusta nelle aree di estrazione di gas e petrolio"

Illegittimo il tentativo di imporre ostacoli burocratici e normativi alla diffusione delle fonti energetiche rinnovabili

Legambiente: "Non esiste alternativa: la Regione Basilicata programmi con serietà e responsabilità la propria transizione energetica fondata sulle fonti pulite e l'efficienza energetica definendo subito una strategia regionale d’uscita dalle fonti fossili. Ottima la proposta del neo-assessore regionale all'Ambiente Latronico di convocare una conferenza regionale sulla transizione energetica"

Legambiente presenta la road map con le tre priorità per una loro gestione condivisa e sostenibile e quattro vertenze storiche dell’associazione che raccontano la necessità di agire

In Basilicata il 100% dei corpi idrici sotterranei è sconosciuto dal punto di vista quantitativo e del 50% di essi non si conosce lo stato chimico.

Acque sotterranee: un tesoro nascosto da tutelare. Gravi carenze nel monitoraggio dei corpi idrici

L’esplosione della drammatica guerra in Ucraina e la preoccupazione di molte persone per l’aumento delle bollette impone di accelerare la transizione energetica del nostro Paese, come unica soluzione per uscire dalla dipendenza dal gas, a partire da quello della Russia. Per questo Greenpeace Italia, Legambiente e WWF Italia avanzano 10 proposte al governo Draghi per affrontare in modo strutturale la dipendenza dall’estero per l’approvvigionamento del gas. Si tratta di interventi normativi e autorizzativi da mettere in campo da qui ai prossimi mesi e che permetterebbero di ridurre i consumi di gas di 36 miliardi di metri cubi all’anno entro fine 2026, sviluppando l’eolico offshore e a terra, il fotovoltaico sui tetti, anche nei centri storici, e sulle aree compromesse (discariche, cave, etc), il moderno agrovoltaico che garantisce l’integrazione delle produzioni agricole con quella energetica, la produzione del biometano (sviluppata in un chiaro contesto di riduzione del numero complessivo di capi allevati e senza sottrazione di terreno alla produzione di cibo), gli accumuli, i pompaggi e l’ammodernamento delle reti.

Anche la Basilicata deve programmare la sua transizione energetica fondata sulle fonti pulite e l'efficienza energetica e definire subito una strategia regionale d’uscita dalle fonti fossili che generano conflitti, insicurezza energetica, costi insostenibili e disastri ambientali.

Ma c'è anche una buona notizia: il Consiglio dei Ministri sblocca 6 Parchi eolici tra cui quello di Tricarico

Ultimi Tweets

From IFTTT
Dal 14 al 21 agosto “progetto porte aperte”: di cosa si tratta https://t.co/9MmDdRipR6 https://t.co/b6RQahQy3K
From IFTTT
Gas gratis: via libera dal Consiglio Regionale https://t.co/fV2DoQ1Ui7 https://t.co/M6tZmnN7VI
From IFTTT
L’Elettra Marconia ufficializza il rinnovo di Lucas De Olivera https://t.co/EG2zfUJq9y https://t.co/nLnx15Vhke
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

Dal 14 al 21 agosto “progetto porte aperte”: di cosa si tratta

Gas gratis: via libera dal Consiglio Regionale

L’Elettra Marconia ufficializza il rinnovo di Lucas De Olivera

I Velvet Stone sempre più rock: vincono le selezioni e approdano alle finali di Sanremo

Premio Heraclea Europa quest’anno andrà a Antonio Preziosi

Per Goletta Verde ottime le acque di Basilicata

Tecnoparco: scoperte alcune criticità dopo ispezione

Pulvirenti (ASM): Tante opportunità per personale interno

Sindacati: Azienda Sanitaria Locale di Matera nella più totale paralisi