Print this page

Elezioni Comunali Pisticci 2021: il programma elettorale della candidata sindaca Verri

Mercoledì, 15 Settembre 2021

La candidata sindaca Viviana Verri presenta il suo programma elettorale collegato alla lista Movimento 5 Stelle.

PREMESSA 

Questo programma elettorale nasce dall’esperienza amministrativa del Movimento Cinque Stelle nel Comune di Pisticci, cominciata con la vittoria delle elezioni amministrative del giugno 2016. Non vuole, però, essere, una semplice riproposizione di idee e programmi basati unicamente sul concetto di continuità, piuttosto vuole essere una evoluzione di quelle idee e programmi, arricchiti dall’esperienza maturata in questi anni di amministrazione e dalla consapevolezza acquisita circa la struttura dell’ente comunale e la molteplicità dei problemi ma, soprattutto, delle risorse che il territorio offre, nell’ottica della loro messa a sistema per il futuro. 

Il programma si articola in sette punti che rappresentano, ognuno, un elemento fondamentale per la crescita socioeconomica di Pisticci, rispetto ai quali in questi anni l’amministrazione ha compiuto scelte importanti che meritano di essere portate a termine attraverso una prosecuzione del lavoro iniziato nel 2016. 

 

1.     POLITICHE DI SVILUPPO DEL TERRITORIO 

La complessità territoriale e la mancanza di una attenta programmazione dello sviluppo urbanistico  hanno  penalizzato  il  territorio  pisticcese,  che  sconta  da  anni  una  decrescita demografica e il mancato sviluppo di un’economia alternativa a quella generata dal boom industriale degli anni ’60 e ’70, seguito a partire dagli anni ’90, da una crisi economica profonda a causa della chiusura dello stabilimento ANIC e dalla carenza di un piano di riconversione industriale della Valbasento, gravata ulteriormente dalla classificazione quale zona SIN, nel 2003.

 

LA ZES JONICA

Un primo importante strumento per innescare un nuovo processo di sviluppo sostenibile della Valbasento è il suo inserimento all’interno della ZES Jonica, avvenuto con Decreto del Ministro per il Sud il 5 giugno 2019. La Zona Economia Speciale, in cui il territorio di Pisticci ricade per circa 200 ettari, permette di rendere più appetibile l’area industriale per aziende e investitori impegnanti nei settori dell’agroalimentare, della chimica verde, della meccanica, oltre che costituire un importante incentivo per le piccole e medie imprese che già sono attive.

Tra  gli  incentivi  previsti  nelle  aree  industriali  interessate  dalla  ZES  appulo-lucana,  oltre  a detassazioni e semplificazioni amministrative, è prevista anche l’istituzione di un fondo di 300 milioni di euro per le imprese, la sospensione dell’IVA e importanti facilitazioni delle procedure burocratiche per tutte le aziende che vorranno insediarsi nella Zona Economica Speciale pisticcese. 

Su questo percorso, intrapreso dall’amministrazione nel 2018, quando riuscì ad ottenere dalla Regione Basilicata l’inserimento di Pisticci nella ZES che, originariamente prevedeva soltanto le aree industriali di Ferrandina e Galdo di Lauria, si dovrà continuare con forza affinché questa diventi l’arma vincente del rilancio industriale della Valbasento, attuando strumenti di promozione delle opportunità per le aziende.

 

PIANIFICAZIONE URBANISTICA E SVILUPPO

Nella seduta del 23 novembre 2018 il Consiglio comunale ha approvato il Piano di Protezione civile, fondamentale per la gestione ordinaria e straordinaria del territorio comunale, soprattutto nelle   situazioni   di   emergenza   legate   ad   alluvioni,   incendi   boschivi,   allagamenti,   frane   e contaminazioni ambientali e propedeutico all’approvazione del nuovo Regolamento Urbanistico. Un altro importantissimo passo avanti verso la dotazione di uno strumento urbanistico aggiornato e  conforme  alle  peculiarità  del  territorio  è  stata,  nel  2019,  l’approvazione  della  variante urbanistica del Rione Dirupo da parte del Consiglio comunale. Si è portato, così, a compimento un processo di recupero di questa parte storica dell’abitato, iniziato con la rimozione del vincolo di trasferimento nel 2014, che consentirà di realizzare interventi di riqualificazione delle storiche “casedde”,  propedeutici  alla  realizzazione  di  un  piano  di  recupero  dettagliato  e  puntuale dell'intero  centro  storico,  su  cui  l’amministrazione  in  carica  ha  investito  con  due  importanti progetti di riqualificazione urbana: la realizzazione della piazzetta su via Ciro Menotti, con un investimento di circa 160.000 euro, e il progetto di rifacimento degli assi viari del rione, mediante pavimentazione realizzata con i materiali tipici della zona, mattoni e ciottoli. E’ stato acquisito, inoltre, un finanziamento pari ad 1 milione di euro per la messa in sicurezza del quartiere, con la previsione di un sistema di monitoraggio del rischio idrogeologico dell’area, la cui progettazione è già in corso di redazione. Tale intervento si inserisce in un progetto complessivo di riqualificazione del  rione,  di  importo  totale  pari  a  2.763.000 euro,  per  realizzare  il  quale  occorrerà  reperire adeguate fonti di finanziamento.

Un altro importante risultato raggiunto è stata la chiusura della Conferenza di pianificazione per l’adozione del Regolamento Urbanistico, strumento di cui gli Enti pubblici devono dotarsi in virtù della legge  regionale n. 23  del  1999  e  che,  da allora, non era  mai  stato  portato  a termine, nonostante i diversi incarichi conferiti e il susseguirsi di diverse amministrazioni. 

Obiettivo prioritario dei prossimi cinque anni è la conclusione dell’iter di approvazione del Regolamento Urbanistico da parte del consiglio comunale, per procedere successivamente alla redazione del Piano Strutturale. Questo ulteriore strumento fornisce tutte le indicazioni strategiche per il governo del territorio comunale, ovvero la definizione dell’armatura urbana e dei regimi d’uso previsionali (nuovo assetto del territorio comunale), nonché la definizione delle dimensioni massime degli insediamenti, delle infrastrutture e dei servizi necessari.

 

MISURE DI PREVENZIONE DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO

La fragilità del territorio riguarda, anche se in maniera differente, tanto il centro storico quanto l’abitato di Marconia: se Pisticci soffre il problema degli smottamenti dovuti alla sua conformazione e alla mancanza di un efficiente sistema di regimentazione delle acque (nere e bianche), Marconia vive ad ogni pioggia abbondante la paura degli allagamenti.

Nel corso dell’ultimo quinquennio, in tema di prevenzione del dissesto idrogeologico, si è intervenuti attraverso alcuni fondamentali progetti: 

  • interventi di consolidamento dei rioni Marco Scerra e Tredici, finanziati per un valore complessivo di € 800.000,00 (quattro milioni e ottocentomila euro), per cui sono state concluse le procedure di affidamento degli incarichi di progettazione, con la previsione di inizio lavori per i primi mesi del 2022;
  • un altro  intervento  di  consolidamento,  finanziato  con  fondi  regionali  e  gestito  dalla Regione Basilicata, riguarda il rione Cammarelle per un importo di circa 700.000 euro;
  • per quanto riguarda la rete di smaltimento delle acque bianche di Marconia sono state avviate le procedure per l’affidamento degli incarichi di progettazione definitiva/esecutiva per un valore complessivo di € 200.000,00, a valere su fondi ministerial Per la realizzazione di tali opere, dell’importo complessivo di oltre 10 milioni di euro, occorrerà attingere ad ulteriori fonti di finanziamento nell’ambito delle proposte per il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza). La conclusione della progettazione consentirà, comunque, di valutare la realizzazione per lotti funzionali, attingendo anche da fondi di bilancio, a seconda delle disponibilità;
  • da fondi  regionali,  invece,  proviene  un  ulteriore  finanziamento  pari  a  25000  euro, destinato a realizzare opere di consolidamento del versante prospiciente fosso La Salsa.

 

Una priorità per il consolidamento dell’abitato di Pisticci è costituita sicuramente dalla realizzazione del sistema di depurazione delle acque, comprensivo delle opere di collettamento. Attualmente il progetto, redatto da Acquedotto Lucano, titolare del finanziamento, risulta essere in fase di validazione e occorrerà tenere costanti interlocuzioni con la società, affinché venga realizzato.

 

INCENTIVO ALLO SVILUPPO ECONOMICO

L’economia del territorio deve essere sostenuta ed incentivata attraverso forme di sostegno alle nuove attività che vogliono insediarsi. Nel 2019 il Consiglio comunale ha approvato il Regolamento per la concessione di benefici alle nuove attività economiche che si insediano nel Rione Terravecchia che prevede, per i primi cinque anni di esercizio, l’esenzione totale del canone di occupazione di suolo pubblico (COSAP) e del tributo TARI per il servizio di rifiuti per alcuni tipi di attività (es. somministrazione di alimenti e bevande, artigianato, servizi destinati alla fruizione di beni culturali). Successivamente i benefici fiscali sono stati estesi a tutte le attività che si insediano nell’abitato di Pisticci. La misura ha permesso in questi anni a nuove attività di popolare il nostro centro storico e, per questo, va potenziata nell’ottica di un’estensione a tutto il territorio comunale.

L’amministrazione si deve, inoltre, fare promotrice di iniziative di formazione volte a potenziare il know-how delle imprese locali, soprattutto  quelle impegnate in  attività a servizio dei turisti, attraverso corsi di marketing, lingue e gestione d’impresa.

 

SICUREZZA E BENESSERE DEI CITTADINI

La sicurezza personale è un elemento fondante del benessere degli individui e obiettivo importante da perseguire mediante l'incremento delle risorse umane e dei mezzi a disposizione della Polizia Locale.

Occorre, pertanto, potenziare le attività di presidio del territorio e prevenzione dei fenomeni di degrado e criminalità mediante le seguenti azioni:

 

  • attività di controllo del fenomeno dell’abbandono dei rifiuti, anche mediante installazione di foto trappole; 
  • incremento della dotazione organica del Comando di Polizia Locale, avviato negli scorsi anni con l’assunzione del Comandante, figura mancante da ormai un decennio, un Tenente e 11 nuovi agenti; 
  • potenziamento delle dotazioni strumentali della Polizia Locale e implementazione di sistemi automatizzati di controllo delle infrazioni al CdS come lo “street control”, l’autovelox e la realizzazione di una ZTL con accessi videosorvegliati

 

Nel periodo estivo, inoltre, caratterizzato da un notevole afflusso di persone presso le strutture ricettive della costa, l’attività di presidio del territorio va implementata attraverso l’assunzione a tempo determinato di agenti di Polizia Locale e attraverso la partecipazione a progetti finanziati dal Ministero dell’Interno quali il progetto “Spiagge sicure”, mediante il quale si è proceduto lo scorso anno all’implementazione di un sistema di videosorveglianza dei lidi, all’installazione di cartellonistica informativa contro l’abusivismo commerciale, fenomeno particolarmente diffuso sulle spiagge, all’acquisto di arredi per l’allestimento dell’ufficio anti abusivismo commerciale presso gli uffici del Comando di Marconia, e all’incremento dell’orario di servizio degli agenti stagionali.

Per la realizzazione di un sistema di videosorveglianza dei punti nevralgici del territorio comunale è stato redatto, invece, dall’amministrazione in collaborazione con le Forze dell’Ordine, un progetto del valore di circa 400.000 euro che è in attesa del reperimento delle risorse economiche per realizzarlo, obiettivo che la prossima amministrazione dovrà perseguire con particolare attenzione.

 

RAZIONALE GESTIONE DEGLI SPAZI PUBBLICI

Tra le criticità principali del centro storico, sicuramente c’è la carenza di una idonea regolamentazione degli spazi di sosta: l’intervento di disciplina delle aree pedonali del centro di Pisticci e Marconia si è accompagnato, perciò, alla ridefinizione degli spazi di sosta, incrementando le soste a tempo, anche in un’ottica di ausilio alle attività commerciali del centro, penalizzate dalle difficoltà legate al parcheggio degli utenti e alla ridefinizione delle aree di carico e scarico. Ciò in occasione anche di interventi di ripristino del decoro urbano delle principali piazze, mediante l’acquisto di arredi, dissuasori di parcheggio e implementazione della nuova illuminazione pubblica a LED.

Mediante risorse rinvenienti, principalmente, dai proventi delle sanzioni elevate ai sensi del Codice della Strada, sono stati finanziati importanti interventi sugli assi viari urbani principali: percorso centrale dell’abitato di Pisticci, con interventi di ripristino del manto stradale e della segnaletica verticale ed orizzontale e, per quanto riguarda l’abitato di Marconia, raddoppio della carreggiata di via Nazionale e collegamento di via Nazionale con via Puglia, che permetterà di regolamentare in maniera più agevole il traffico urbano. Entrambi i progetti sono in corso di realizzazione e devono costituire la base per la programmazione e la realizzazione di ulteriori interventi, volti a dotare il territorio di un sistema viario più efficiente e sicuro.

 

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

Il potenziamento del sistema di trasporto pubblico locale è un obiettivo primario da raggiungere razionalizzando, di concerto con il gestore, le corse urbane ed extraurbane, mediante la soppressione di tratte ormai prive di utenza e l’incremento delle corse estive che collegano il centro storico e le zone balneari.

Anche sul fronte del trasporto scolastico si deve completare il procedimento di rinnovo del parco mezzi comunale, composto da 5 automezzi vetusti e non più corrispondente alle normative in tema di emissioni ambientali, due dei quali sono stati sostituiti da due nuovi scuolabus euro 6, del valore complessivo di 158.400 euro.

 

TOPONOMASTICA

Per conseguire un miglioramento delle condizioni di sicurezza delle utenze, con particolare riferimento alle varie zone del territorio nelle quali vengono costantemente segnalate criticità nell’individuazione del luogo, si ritiene utile provvedere alla ricognizione digitale delle strade e delle abitazioni del territorio e successiva posa in opera di paline e cartellonistica per l’individuazione delle strade. A tal fine è stata già avviata la procedura per l’affidamento dell’incarico professionale idoneo a procedere alla ricognizione digitale.

 

AGRICOLTURA

Il territorio pisticcese ha una forte vocazione agricola, caratterizzata da eccellenze quali la produzione di fragole, drupacee e cerealicole. Negli ultimi anni i numerosi eventi climatici avversi hanno determinato innumerevoli danni alle produzioni agricole, solo in parte ristorate mediante indennizzi. L’amministrazione ha cercato sempre di sostenere le difficoltà del settore, promuovendo richieste  di riconoscimento dello stato di calamità per tali eventi climatici, ed occorre proseguire in una costante azione di confronto con la Regione e le associazioni di categoria.

Per  migliorare  le  condizioni  di  operatività  dei  produttori  agricoli  è  necessario  proseguire  gli interventi di manutenzione del sistema viario extraurbano a servizio delle aziende agricole, in linea con quanto fatto negli ultimi anni attraverso misure del PO-FESR, quali la misura 4.3.1 che ha permesso di ripristinare la viabilità di c.da Feroleto, del tutto compromessa da carente manutenzione e da fenomeni alluvionali.

Altra questione da portare a risoluzione è quella della manutenzione ed estensione dei tronchi idrici nelle zone rurali, completando il passaggio degli stessi, avviato nel 2018, dal Comune ad Acquedotto Lucano, al fine di consentire alla società, in possesso delle risorse economiche, strumentali ed umane necessarie, di programmare idonei investimenti.

Al fine di promuovere un’agricoltura a chilometro zero e nel pieno rispetto della stagionalità dei prodotti, si deve pensare all’organizzazione di un mercato ortofrutticolo comunale (Farmer Market), aperto ai produttori locali e dei comuni limitrofi.

  

2.     AMBIENTE, IGIENE URBANA E TUTELA DEGLI ANIMALI

 

Tra le priorità dell'Amministrazione, in sede di obiettivi strategici, quello della salvaguardia dell'ambiente, da tutelare attraverso:

 

  • la prevenzione dell'inquinamento; 
  • la bonifica dei siti inquinati; 
  • l’individuazione dei soggetti, pubblici e/o privati, responsabili dell'inquinamento

 

Con riferimento a questo tema si ritiene opportuno evidenziale che il territorio di Pisticci è caratterizzato dalla presenza di vecchi siti di discarica, dismessi da anni ma ancora suscettibili, se non correttamente gestiti, di produrre danni ambientali. Uno di questi è l’ex discarica comunale di C.da Feroleto, per la quale si è beneficiato di un finanziamento di circa 200.000 euro, al fine della sistemazione e reinserimento ambientale definitivo.

 

Si deve dare, inoltre, nuovo impulso alle attività amministrative relative al riottenimento dell’AIA della discarica di c.da Recisa, revocata nel 2016 a causa di alcune inadempienze nella gestione, contestate dalla Regione Basilicata. Sulla struttura sono stati effettuati interventi di consolidamento strutturale e una serie di indagini di natura sia geologica che ambientale, volte ad ottemperare alle prescrizioni della Regione. L’obiettivo da perseguire deve essere quello di reperire le risorse necessarie a programmare una chiusura e bonifica definitiva dell’impianto. 

L’Amministrazione ha anche agito sul tema della tutela dell’ecosistema marino attraverso il progetto “Tecnoreef” volto al recupero dei fondali marini, lungo la costa jonica, e alla lotta alla devastante pratica della pesca a strascico. L’intervento è stato ammesso a finanziamento a valere su fondi FEAMP 2014/2020 per un importo complessivo di euro 196.000 e sono attualmente in corso le attività volte all’ottenimento di tutti i pareri per la realizzazione dell’intervento. Tale progetto deve costituire il primo passo per favorire lo sviluppo del pescaturismo nel territorio costiero di Pisticci. 

Deve essere sempre costante l’interazione tra l’amministrazione comunale e il Ministero dell’Ambiente, al fine di monitorare il procedimento di bonifica del sito SIN della Valbasento. In occasione della visita istituzionale del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa a Pisticci, il 7 luglio 2018, è stato consegnato al Ministro un dossier sulla Valbasento e i suoi rischi ambientali.

 

SERVIZIO IGIENE URBANA

La scadenza dell’appalto attualmente in essere impone di adottare scelte nuove e sostenibili, facendo tesoro dell’esperienza acquisita durante i primi anni di attuazione del sistema di raccolta differenziata porta a porta.

Gli obiettivi da perseguire sono: 

  1. Gestione del servizio secondo il sistema a tariffazione puntuale, con transizione verso tale modalità di gestione a far data dal 31 dicembre 2023;
  2. mantenimento delle deleghe per la vendita dei materiali da raccolta differenziata da riciclo ai Consorzi di Filiera con la previsione di rispettare l'accordo quadro Anci- Conai;
  3. definizione di un progetto da modulare a seconda delle esigenze riscontrate sul territorio, ovvero con la previsione di servizio "porta a porta spinto", isole di prossimità, sistema "caretta-caretta", raccolta "su chiamata" etc.;
  4. previsione di un programma di spazzamento meccanizzato, mediante la definizione di un calendario, con avvio al recupero dei rifiuti provenienti dalle operazioni di pulizia, con sistema di tracciamento digitale, mediante gps, degli interventi eseguiti;
  5. previsione di un programma calendarizzato del servizio di svuotamento dei cestini gettacarte con sistema di tracciamento tipo RFID o alt In particolare dovrà essere assicurato il doppio svuotamento nei seguenti periodi:
    • nei giorni prefestivi e festivi durante l'intero anno solare;
    • tutti i giorni nel periodo compreso dal 1° maggio al 30 settembre;
    • tutti i giorni nel periodo compreso dall'8 dicembre al 7 gennaio;
  6. previsione di un programma calendarizzato del servizio di lavaggio delle aree pedonali e mercatali di tutto il territorio comunale mediante l'utilizzo di attrezzature (lavapavimenti professionali) dotate di sistema di tracciamento tipo GPS o al Tale servizio dovrà essere garantito:
    • Una volta al mese
    • Dopo le manifestazioni/eventi pubblici
    • Su richiesta specifica dell'amministrazione comunale
  7. previsione di un contratto a misura con la definizione puntuale del costo del singolo servizio;
  8. definizione di un quadro sanzionatorio puntuale ed oggettivo per il mancato rispetto di ogni singolo servizio del contratto;
  9. definizione delle misure utili al superamento delle carenze riscontrate durante l'applicazione del contratto in essere;
  10. fornitura, da parte della ditta appaltatrice per conto dell'amministrazione comunale, di nuovi kit per la raccolta differenziata con caratteristiche tecniche compatibili con il servizio di tariffazione puntuale (sistema RFID) garantita durante tutto il periodo contrattuale a tutte le utenze che ne facciano richiest Tali kit dovranno intendersi di proprietà dell'amministrazione comunale, anche nel caso di cessazione o subentro di altre ditte nella gestione del servizio di igiene urbana.

 

SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE

Deve essere perseguita con forza e determinazione una politica volta a respingere fermamente ogni tentativo di ulteriore sfruttamento del territorio, attraverso iniziative economiche non più sostenibili dal punto di vista della tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini.

Con delibera di giunta n. 84/2018, l’amministrazione ha manifestato la sua ferma contrarietà all’istanza presentata dalla società Canoel Italia di riattivare il pozzo di gas in contrada San Teodoro. 

Con deliberato unanime, il Consiglio comunale di Pisticci ha espresso la sua contrarietà al rinnovo dell’AIA di Tecnoparco, l’impianto industriale di trattamento rifiuti pericolosi sito in Valbasento e al centro di un’inchiesta per presunte attività illecite nello smaltimento dei rifiuti, oggetto di un procedimento penale che vede il comune di Pisticci costituito quale parte civile. 

Negativo è stato anche il parere espresso a tutte le istanze di realizzazione di nuovi impianti di trattamento rifiuti pericolosi sul territorio, all’implementazione attraverso la FORSU (ovvero la frazione organica dei rifiuti solidi urbani) dell’impianto di produzione di biometano da scarti agricoli, situato in c.da Incoronata, all’installazione di un impianto di recupero e messa in riserva di rifiuti speciali mediante conversione catalitica a Pisticci Scalo e alla realizzazione di un impianto integrato di trattamento e recupero della frazione organica dei rifiuti solidi con produzione di Biometano e Compost, sempre a Pisticci Scalo. 

In relazione a potenziali trivellazioni marine nelle aree di pertinenza del Comune di Pisticci, si è agito per far dichiarare la costa jonica area marina protetta e, nel 2019, la Regione Basilicata ha approvato una Delibera di Giunta con cui propone alla Commissione Europea l'istituzione di un'Area Marina Protetta "Magna Grecia" in continuità con Rete Natura 2000. 

Su questo percorso tracciato nel corso del mandato amministrativo, intendiamo proseguire perché si evolva finalmente verso uno sviluppo ecosostenibile delle risorse del territorio.

 

OBIETTIVO "RIFIUTI ZERO"

Tra gli obiettivi strategici dell’amministrazione sicuramente rientra quello della riduzione della produzione dei rifiuti ed incremento della raccolta differenziata, in funzione dell'ambizioso obiettivo del 65% previsto dalla normativa europea, da mantenere e migliorare.

A consuntivo, con riferimento agli dal 2016 al 2020 si è potuto registrare un andamento progressivamente crescente, passando dal 39% di raccolta differenziata del 2016 al 69% del 2020. 

Il potenziamento del sistema di raccolta differenziata è perseguibile attraverso la creazione di nuove "stazioni ecologiche" attrezzate, complementari all'infrastruttura esistente localizzata in zona Feroleto, che possano essere subito fruibili da parte dei cittadini, in modo da costituire una vera e propria 'rete urbana'. A tal proposito è stato approvata dalla Regione Basilicata il Progetto di Realizzazione dell’Ecocentro in Zona Pozzitello, per un importo complessivo di 400.000 euro e in merito al quale sono in corso di espletamento le procedure per l’acquisizione dei pareri e l’affidamento dei lavori. 

In collaborazione con il gestore del servizio R.S.U. sono stati installati degli Ecopoint, per il conferimento di materiali riciclabili (ad es. bottiglie in PET, lattine in alluminio, flaconi in HDPE e PP) a fronte del rilascio di uno scontrino, con punti per l’acquisizione di buoni sconto presso le attività commerciali convenzionate. La predetta misura è stata attivata per tre anni in via sperimentale e oggetto di valutazioni circa una possibile riattivazione.

 

DECORO URBANO

Il miglioramento della qualità dell'ambiente urbano, è stata una priorità perseguita dall’amministrazione, che richiede l’impiego di energie e risorse maggiori per proseguire alcuni interventi realizzati quali:

  • Rifacimento pubblica illuminazione nei punti particolarmente ammalorati e pericolosi;
  • Installazione di arredi urbani;
  • Interventi di riqualificazione;
  • Creazione di aree pedonali;

Si deve continuare a prestare particolare attenzione ai centri urbani, implementando le isole pedonali al centro di Marconia e di Pisticci attraverso interventi di riqualificazione della pavimentazione e continuando gli interventi di riqualificazione di alcuni luoghi di aggregazione quali la centrale piazza dei Caduti a Pisticci, pedonalizzata e dotata di nuovi arredi urbani.

Anche in collaborazione con associazioni del territorio, è necessario continuare a promuovere

campagne di sensibilizzazione al rispetto e alla cura dei luoghi pubblici, attraverso giornate dedicate alla pulizia dei parchi e delle spiagge, implementazione della cartellonistica e del sistema di videosorveglianza delle ville comunali, sistemazione degli arredi del parco giochi. 

Si deve mettere a frutto l’esperienza acquisita con il bando “Sedili d’autore”, promuovendo nuovi concorsi di idee che consentano agli artisti locali di dare un contributo importante alla riqualificazione di luoghi pubblici. 

Dopo il completamento dell’itinerario ciclopedonale nell’abitato di Marconia, progetto dal valore complessivo di euro 568.102,59, che collega i principali luoghi di fruizione pubblica della città (scuole, edifici pubblici, parchi pubblici), occorre promuovere nuovi progetti che incrementino la mobilità sostenibile, come la realizzazione di ulteriori tratti di percorso ciclabile e sensibilizzare all’utilizzo dei mezzi pubblici, incrementandone ove possibile la frequenza e percorrenza.

 

VIABILITA’ DEL TERRITORIO COMUNALE

L’estensione del territorio di Pisticci, che è pari a circa 230 km quadrati, (superiore a quella di centri urbani quali la città di Napoli), ha reso sempre difficile attuare una programmazione capillare di interventi sulla viabilità urbana ed extraurbana, principalmente per l’assenza di adeguate risorse economiche.

In questi anni sono stati effettuati numerosi interventi sulla viabilità cittadina, come il rifacimento del percorso urbano di Pisticci centro, il ripristino della viabilità di via Togliatti e del secondo tratto di via San Giovanni Bosco a Marconia, la realizzazione di un dosso artificiale in betonella davanti alla scuola media Q.O.Flacco di Marconia, gli interventi sulla viabilità di via Nazionale, nonché gli interventi di manutenzione effettuati su tutto il territorio comunale con la tecnica innovativa dell’asfalto rigenerato. 

Si è intervenuti anche sulla viabilità extraurbana, dapprima con l’utilizzo delle economie rinvenienti dai fondi ottenuti per l’alluvione 2013 (si è intervenuti in zone quali Madonna delle Grazie, c.da Coppo, fosso Pagnotta e in varie altre zone rurali) poi con la misura del PO-FESR 4.3.1., relativa al rifacimento della viabilità che conduce ad attività produttive, che ci ha consentito di intervenire sulla zona di Feroleto, particolarmente danneggiata. 

In continuità a tali interventi, sono disponibili per l’Ente ulteriori risorse pari a 380.000 euro, da investire nel ripristino della viabilità di ulteriori zone rurali danneggiate dall’alluvione 2019. Occorrerà, poi, redigere un programma generale di manutenzione ordinaria, (asfalto rigenerato e ripristino segnaletica orizzontale e verticale) da affiancare ad interventi strutturali di manutenzione straordinaria, per i quali sarà possibile utilizzare i proventi delle sanzioni elevate mediante l’utilizzo dell’autovelox. 

E’ inoltre indispensabile procedere ad una capillare riqualificazione della viabilità pedonale soprattutto dell’abitato di Marconia, soprattutto nei tratti danneggiati dalla presenza di piante dagli apparati radicali invasivi.

 

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI E DELLA PUBBLICA ILLUMINAZIONE

Il decoro, la vivibilità e la sicurezza dei centri abitati dipendono anche dalla qualità della pubblica illuminazione: nel corso  del mandato dell’amministrazione uscente, grazie a fondi ministeriali finalizzati ad interventi di efficientamento energetico, si è proceduto alla sostituzione di circa 500 punti luce sul territorio comunale sia in zona mare (linea di collegamento Lido Quarantotto - San Basilio), sia nei centri abitati di Marconia (in particolare gli assi viari di viale Ontario, via Quattro Caselli e  via Cagliari) e di Pisticci (asse viario centrale), sostituendo  le  vecchie  e dispendiose lampade ad incandescenza con nuove lampade a led, ecocompatibili e ad alta efficienza energetica. Occorre definire un programma di investimento su base pluriennale che consenta di completare il processo di efficientamento energetico della pubblica illuminazione, al fine di conseguire notevoli risparmi sulla spesa energetica dell’Ente, che ammonta annualmente ad oltre 500.000 euro.

Non meno rilevanti sono gli interventi volti alla riqualificazione degli edifici comunali. In merito si ricordano quattro importanti progetti realizzati dall’amministrazione uscente:

  • la realizzazione di un impianto di cogenerazione della piscina comunale con fondi di cui alla legge “Fraccaro”, del valore di 90.000 euro; 
  • l’efficientamento energetico, con sostituzione di tutti i punti luce del parcheggio multipiano di Pisticci (da neon a led); 
  • i lavori di riqualificazione energetica della scuola Primaria Monreale in Marconia con installazione di impianti fotovoltaici, pompe di calore e relamping energetico, mediante il Fondo Kyoto istituito dal Ministero dell’Ambiente nel 2018 (valore intervento euro 33200,00); 
  • i lavori di riqualificazione energetica della scuola Quinto Orazio Flacco di Marconia con installazione di impianti fotovoltaici, pompe di calore e relamping energetico mediante il Fondo Kyoto istituito dal Ministero dell’Ambiente nel 2018 (valore intervento euro 46400); 
  • i lavori di messa in sicurezza, adeguamento sismico e relamping energetico alla scuola Giovanni Bosco di Marconia, importo complessivo euro 1.448.000,00 ammesso a finanziamento nell’ambito del “Piano triennale edilizia scolastica 2018-2020” varato dalla Regione Basilicata. Intervento, quest’ultimo, in fase di avvio.

 

TUTELA DEGLI ANIMALI

Prevenire il fenomeno del randagismo è un obiettivo da perseguire al fine di migliorare la sicurezza dei cittadini e tutelare il benessere degli animali. In questi anni è stata avviata da parte della Polizia Locale un’attività di controllo delle microchippature dei cani di proprietà ed occorre lavorare ad un regolamento che incentivi le adozioni di cani ricoverati presso il canile comunale e disciplini il c.d. “cane di quartiere”, al fine di controllare il fenomeno del randagismo, prevenendo l’accalappiamento di animali mansueti ed evitando, così, di incidere ulteriormente sui costi già elevati del servizio di accalappiamento e custodia degli animali, soprattutto alla luce dell’imminente avvio della nuova gara per l’affidamento del servizio.

Occorrerà, inoltre, pensare ad un regolamento per la tutela degli animali che preveda incentivi per le adozioni, preveda la creazione di aree verdi in aggiunta a quella in corso di realizzazione a via Quattro Caselli a Marconia.

 

3.     EFFICIENZA AMMINISTRATIVA E TRASPARENZA

 

POTENZIAMENTO DEGLI UFFICI COMUNALI

L’efficienza e la qualità dei servizi offerti dalla Pubblica Amministrazione richiedono innanzitutto un potenziamento degli uffici comunali e delle dotazioni strumentali in possesso dell’Ente.

Il rapporto dipendenti/abitanti per il nostro comune richiederebbe una pianta organica di 112 unità, di cui sono attualmente in servizio solo 89. Nell’ultimo quinquennio il comune di Pisticci ha subito ben 28 pensionamenti intervenuti in diversi settori, cui si è fatto fronte con un corposo programma di assunzioni mediante concorsi pubblici trasparenti e meritocratici, per reclutare personale sia a tempo determinato che a tempo indeterminato. 

Sono stati potenziati, così, settori nevralgici quali la Polizia Locale, il settore Amministrativo, quello Finanziario e Tecnico-Ambientale. Complessivamente, nel corso del mandato amministrativo, sono state effettuate 27 assunzioni a tempo indeterminato (22 da concorso pubblico, 4 stabilizzazioni e uno scorrimento graduatoria), 17 a tempo determinato (13 da concorso pubblico, 3 selezioni ex art. 110, 1 ex art. 90 TUEL) a cui si aggiungono 11 unità a tempo determinato, assunte in virtù della legge regionale n. 20/2008 volta all’inserimento lavorativo dei diversamente abili. 

Ugualmente intensa è stata l’attività di riassetto della pianta organica del Comune, finalizzata a razionalizzare e snellirne l’organizzazione: sono stati dapprima ridotti i settori, da 6 a 4, ridefinendone l’assetto interno attraverso la creazione di Unità operative complesse che raggruppano servizi omogenei. 

Nel prossimo quinquennio si dovrà portare a compimento il programma di reclutamento di personale nell’Ente, espletando nuovi concorsi pubblici per potenziare i settori ancora carenti e potenziando le dotazioni tecnologiche dell’ente, al fine di consentire lo svolgimento del lavoro anche a distanza, attraverso lo smart working, già utilizzato per consentire la prosecuzione dell’attività amministrativa durante l’emergenza COVID.

 

TRASPARENZA ORGANI AMMINISTRATIVI ED EFFICIENZA DELLA PA

Efficienza significa anche trasparenza dell’attività amministrativa, in ottemperanza ai numerosi obblighi imposti dalla legislazione nazionale.

In questi anni è stato avviato un processo di progressiva digitalizzazione degli atti amministrativi, che deve essere portato a compimento potenziando una serie di servizi: 

  • Il servizio di erogazione della carta d’identità elettronica, avviato nel 2019
  • l’implementazione dell’infrastruttura Wi-Fi pubblica e gratuita a bassa emissione nei principali luoghi pubblici di aggregazione e negli uffici comunali, realizzata attraverso i 4 punti di accesso installati nelle piazze tramite il progetto “Wi-Fi Italia”. Si prevede di aggiungere ulteriori 10 punti di accesso mediante partecipazione ad un bando promosso dalla Regione Basilicata. 

L’efficienza della macchina amministrativa è un tema caro a questa compagine politica, da perseguire attraverso una serie di attività: 

  • una maggiore attenzione alla formazione del personale attraverso la partecipazione a corsi e seminari per garantire un costante aggiornamento professionale; 
  • tagli alle consulenze esterne e tagli alle sprechi; 
  • miglioramento della qualità, della trasparenza e accelerazione delle procedure di gara per l’affidamento di lavori e servizi, mediante l’utilizzo delle piattaforme telematiche previste per legge. Attraverso una formazione specifica del personale, si vuole raggiungere l’obiettivo di creare una Centrale di Committenza che fa capo al Comune di Pisticci, attualmente tra i comuni aderenti alla Centrale Unica di Committenza Bradano-Basento-Camastra; 
  • un nuovo sistema di valutazione delle performances dei dirigenti e dei dipendenti; 
  • la digitalizzazione degli atti amministrativi a decorrere dal 2021;
  • l’utilizzazione di un sistema di protocollazione capillare e digitale della corrispondenza amministrativa (dal 2020);

 

DIGITALIZZAZIONE DELLA PA

La fruizione dei servizi pubblici da parte dei cittadini è stata migliorata attraverso alcune azioni importanti quali il rifacimento del sito istituzionale dell'Ente per rendere più funzionale e leggibile oltre che interattivo il portate comunale, in ottemperanza alle linee guida dell’AgiD.

Nei  prossimi  anni  occorrerà  sviluppare  il  Piano  di  transizione  al  digitale,  implementando ulteriormente una serie di strumenti, che permettono un accesso rapido e a distanza ai servizi offerti dalla PA, quali: 

  • FORMULA-SPID che, utilizzando SPID, il sistema pubblico di identità digitale, permette a cittadini, professionisti ed imprese di presentare da casa o ufficio le proprie pratiche, evitando, così, file e vincoli di orari oppure di accedere allo Sportello Unico per le Attività Produttive o allo stesso sistema online di pagamento pagoPA; 
  • PagoPA, la piattaforma dei pagamenti della Pubblica amministrazione, cui il Comune ha aderito nel 2019, che consente ai cittadini e alle imprese di effettuare pagamenti verso la pubblica amministrazione in modo semplice, certo e trasparente, sia online che sul territorio attraverso i punti associati; 
  • App IO, un’applicazione per smartphone che permette ai cittadini di ricevere messaggi, avvisi e comunicazioni da qualunque ente pubblico, di effettuare pagamenti con pagoPA e di aderire al cashback di Stato. Il Comune di Pisticci è al momento attivo su IO con il servizio demografico di ricezione di un promemoria con la scadenza della carta d’identità e l’appuntamento fissato per il rinnovo del documento. L’obiettivo è rendere disponibili su IO altri servizi.

 

TAGLI ALLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

Altro tema importante, in materia di trasparenza è stato quello delle spese degli Amministratori comunali che ha visto, praticamente, il totale azzeramento delle spese per missioni e per quelle di rappresentanza, sostenute direttamente dagli amministratori con fondi propri, conseguendo notevoli risparmi di spesa. Nei prossimi anni si dovrà continuare a perseguire una politica di taglio degli sprechi a favore di investimenti in progetti utili al benessere collettivo.

 

4.     PROMOZIONE DELLE PRATICHE SPORTIVE

 

RIQUALIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SPORTIVE

La promozione dello sport, soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione, costituisce un obiettivo primario per ogni amministrazione, ma sconta problematiche relative alla disponibilità e all’efficienza degli impianti sportivi del territorio.

Nel corso del mandato amministrativo è stato dato forte impulso alla riapertura della piscina comunale di Marconia, mediante l’affidamento ad un nuovo gestore e un importante intervento di efficientamento energetico con l’installazione dell’impianto di cogenerazione, che permetterà di dimezzare i costi delle utenze energetiche, fattore che ha da sempre determinato l’antieconomicità della gestione.

Sempre a Marconia, altri due interventi significativi in termine di riqualificazione delle strutture sportive hanno riguardato il campo sportivo, il cui terreno di gioco è stato completamente rifatto in erba naturale e su cui sono stati effettuati interventi di manutenzione delle tribune e degli spogliatoi, per una spesa complessiva di 80.000 euro finanziati da bilancio comunale. 

Il comune si è, inoltre, aggiudicato un finanziamento del valore di 600.000 euro per la riqualificazione dell’area adiacente la tensostruttura di Marconia, mediante i fondi messi a disposizione dal CONI nell’ambito del programma “Sport e periferie”. Gli interventi consistono nella realizzazione di un campo di calcio a otto, un campo polivalente, una palestra, che andranno ad arricchire l’offerta di strutture sportive del territorio. 

Previsti lavori di riqualificazione anche per il campo di calcio a 11 “Gaetano Michetti” di Pisticci, con risorse rinvenienti dal “Fondo infrastrutture sociali” messo a disposizione dei comuni del Sud Italia dal Governo centrale.

Il COVID, però, ci ha insegnato l’importanza della disponibilità di spazi aperti per  le pratiche sportive, perciò si è pensato anche alla valorizzazione delle aree all’aperto, al fine di renderle fruibili per attività sportive. Oltre alla realizzazione del percorso ciclopedonale di Marconia, quotidianamente utilizzato dai cittadini per attività motorie, nel quadrante di via Quattro Caselli a Marconia si è pensato di candidare all’avviso pubblico “Sport nei parchi” promosso da Sport e salute S.p.a. un progetto, del valore complessivo di euro 45.000 che prevede l'installazione di un circuito a corpo  libero (per  almeno  5 utilizzatori  in contemporanea) e  n. 6 macchine, anche polivalenti, per l'allenamento isotonico, cardio, anche per diversamente abili e bambini e la creazione di "isole di sport" gestite da ASD/SSD del territorio che dovranno garantire, grazie al finanziamento di Sport e Salute e al cofinanziamento da parte del Comune, un programma di attività sportiva gratuita all'aria aperta per bambini/ragazzi, donne, over 65 ed in generale per la comunità. 

Per rendere pienamente fruibili queste strutture occorrerà, però, metterle a sistema attraverso procedure di affidamento trasparenti e meritocratiche, che permettano di valorizzare gli investimenti effettuati e rendere tali strutture accessibili ai cittadini a condizioni eque e che non penalizzino le fasce più deboli della popolazione. 

Si deve, inoltre, continuare ad incentivare la nascita di manifestazioni sportive di respiro nazionale ed internazionale, come la gara di Triathlon medio di Porto degli Argonauti, giunta quest’anno alla seconda edizione, che ha fatto conoscere ed apprezzare il nostro territorio a centinaia di atleti. 

Promozione dello sport amatoriale ed agonistico per disabili. A tal proposito occorre una spinta propulsiva ad un dialogo con le federazioni olimpiche (CONI), per avviare dei corsi formativi di istruttori qualificati all'allenamento anche agonistico di chi è affetto da disabilità.

 

5.     PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI

 

CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI E COINVOLGIMENTO DEI CITTADINI

La riqualificazione del ruolo dell'associazionismo e del volontariato come espressione di impegno sociale e di autogoverno della società civile è un tema caro a questa compagine politica.

Su questo tema si sono registrati già importanti provvedimenti assunti dall’amministrazione uscente. 

In particolare si fa riferimento alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.05.2017 con la quale è stato approvato il Regolamento che disciplina l’iscrizione all’Albo comunale delle associazioni di promozione sociale, culturale, sportiva, no profit e di volontariato, riconosciute come espressione di partecipazione, solidarietà e  pluralismo di cui l’Amministrazione  intende promuovere lo sviluppo e la partecipazione nei processi di crescita socio-culturale del territorio. Questo strumento ha consentito di instaurare un proficuo dialogo con le realtà associative del territorio, promuovendo e finanziando eventi dall’alta valenza culturale e sociale, da implementare nel futuro corso amministrativo dell’Ente. 

Attraverso la stipula di un’apposita convenzione, inoltre, si è potuto rendere strutturale la collaborazione con l’associazione di Protezione civile, impegnata quotidianamente in attività di supporto alla popolazione in occasione delle numerose emergenze che si sono dovute affrontare nel corso del quinquennio, dalle eccezionali nevicate, all’emergenza incendi boschivi, alluvioni e, da ultimo, l’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia da COVID-19. 

Sempre in merito a questo tema partecipativo, sono stati adottati i seguenti provvedimenti:

 

  • la C.C. N. 17 del 23.05.2019 con la quale è stato approvato il Regolamento Comunale per il funzionamento degli istituti di partecipazione e di iniziativa popolare, che disciplina gli istituti di consultazione popolare come le petizioni, i referendum consultivi, i consigli comunali aperti; 
  • la C.C. n. 3 del 22.02.2019, inoltre, con la quale è stato approvato il Regolamento dei consigli di quartiere, che stabilisce le norme fondamentali disciplinanti l'individuazione e le funzioni del Rappresentante di quartiere, in armonia con i principi della democrazia partecipata, al fine di favorire la più ampia partecipazione dei cittadini alla vita amministrativa e alla cura dei beni comuni, in attuazione dell' art. 3 comma 5 e dell'art. 8 del D.Lvo n. 267/00.

Non si è addivenuti, nel corso del mandato amministrativo, ad una concreta attivazione di questi strumenti, principalmente a causa dell’emergenza COVID-19, che ha di fatto inibito, da oltre un anno, lo svolgimento di attività in presenza. Sarà compito della nuova amministrazione renderli pienamente operativi, migliorandone ove necessario la struttura.

 

6.     PROMOZIONE CULTURALE E TURISMO

 

Il rilancio del territorio di Pisticci passa sicuramente per la sua valorizzazione come meta turistica, sia attraverso la promozione delle sue risorse naturalistiche, culturali, enogastronomiche, sia attraverso interventi volti a potenziare l’offerta di servizi ai turisti.

In tale ottica si collocano iniziative di promozione quali la partecipazione del comune alle più importanti fiere del settore, come la B.I.T. di Milano o il TTIG di Londra, la produzione e l’esposizione di brochure del territorio presso l’aeroporto di Bari, la realizzazione e la divulgazione di video turistici promozionali in collaborazione con attori e registi locali, il sostegno dato alle associazioni locali promotrici di eventi-attrattori quali il Lucania Film Festival, il Teatro dei calanchi, il corteo storico Enotria Felix. 

Sempre dalla collaborazione con le associazioni culturali locali e dal partenariato con il GAL Start 2020, di cui il comune di Pisticci è socio, nasce la partecipazione del comune alla misura 19 SLT Leader-Operazione 19.2.B.2.1.A - "Progetti Sostenibili di Comunità - Linea di Intervento 1 - "Ultimo Miglio" - II FINESTRA, a valere sul PSR Basilicata 2014/2020, che ha visto l’ente beneficiare di un finanziamento di circa 100.000 euro per la realizzazione di un progetto culturale, incentrato sulla valorizzazione della figura del Pittore di Pisticci, sulla quale sarà improntata la realizzazione di un museo interattivo, in cui ospitare le riproduzioni dei vasi del ceramografo greco del V sec. A. C., con allestimenti multimediali che raccontano la storia del territorio nel periodo della Magna Grecia. 

Il museo è ospitato in locali comunali posti al piano terra dello storico “Palazzo Giannantonio”, che deve diventare la vera casa della cultura pisticcese, ospitando spazi espositivi e aree destinate a manifestazioni ed eventi culturali. 

Cultura significa promuovere il patrimonio storico e artistico del territorio, che vanta uno dei primi insediamenti enotri nell’area archeologica dell’Incoronata, da oltre venti anni oggetto di studio da parte degli archeologi dell’Università di Rennes, della Mc Master University di Toronto e dell’Università degli Studi della Basilicata nel periodo estivo. Allo scopo di rendere l’area pienamente fruibile, esiste agli atti dell’Ente un progetto di riqualificazione e fruizione dell’area, già allo stato esecutivo, pronto per essere candidato per l’acquisizione delle risorse finanziarie necessarie alla sua realizzazione. Per supportare il lavoro degli archeologi, inoltre, si è pensato di promuovere una convenzione con il Dipartimento di Archeologia dell’UNIBAS, che permetta l’utilizzo della mediateca di Pisticci Scalo quale base per le attività di studio, ricerca e realizzazione di seminari e convegni.

La valorizzazione del sito archeologico, insieme alla nascita di luoghi di condivisione delle scoperte e della narrazione di percorsi storico-culturali, come la mediateca di Pisticci Scalo e Palazzo Giannantonio a Pisticci, consentirà di creare un sistema di fruizione della cultura, attrattivo per i visitatori e laboratorio di idee e progetti in cui coinvolgere le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado. 

La promozione del territorio, oltre al centro storico, si deve incentrare anche e soprattutto sulla zona marina che, nel 2019, ha ottenuto per la prima volta l’ambito riconoscimento quale “Bandiera blu”, per acquisire la quale è stato necessario implementare una serie di servizi: raggiungimento di una raccolta differenziata pari almeno al 65% del totale del rifiuto prodotto, servizio di  guardia medica  balneare e di  salvataggio,  riqualificazione dei servizi igienici, installazione di cartellonistica informativa, monitoraggio periodico della qualità delle acque di balneazione. Il riconoscimento è stato confermato nel 2020 e nel 2021 da parte dell’apposita commissione istituita presso l’ente promotore, FEE Italia e deve costituire uno stimolo a mantenere un elevato standard qualitativo dei servizi offerti, al quale accompagnare interventi strutturali. 

Il comune di Pisticci è beneficiario, inoltre, di un finanziamento pari 1.100.000 euro per la riqualificazione del lungomare di San Basilio. L’intervento fa parte di un accordo di programma siglato tra la Regione Basilicata e i 6 comuni della costa jonica, di cui Pisticci è il capofila, per un importo complessivo di 7 milioni di euro. L’iter autorizzativo si è rivelato particolarmente complesso a causa sia della vastità complessiva del progetto, sia della presenza di zone di pregio ambientale che richiedono l’acquisizione di pareri da parte di numerosi enti. Allo stato attuale è in corso la conferenza di servizi per il completamento dell’iter amministrativo, cui seguirà la gara per l’appalto dei lavori. Questo è solo un primo passo per rendere i nostri litorali maggiormente attrattivi per i numerosi turisti, creando le premesse per una fruizione più continuativa e più destagionalizzata dei servizi offerti dalle strutture balneari. 

Altro importante obiettivo raggiunto è stato il riconoscimento di Fosso La Noce come ZPS, ovvero come ecosistema di pregio, fondamentale per il mantenimento degli habitat di specie floreali, faunistiche o di avifauna particolarmente a rischio estinzione. Il prossimo step sarà quello di inserire Fosso La Noce in un percorso turistico naturalistico, rendendola fruibile ai visitatori realizzando il minor impatto ambientale possibile. 

Valorizzando il patrimonio naturalistico del territorio, occorre realizzare dei percorsi per escursionisti, incentivando questa forma di turismo particolarmente diffusa nel territorio lucano. 

Infine occorre promuovere la creazione di una piattaforma che metta in rete le strutture ricettive e che offrono servizi ai turisti in generale, in modo da consentire ai visitatori di organizzare la propria vacanza a Pisticci attraverso un portale aggiornato e completo di informazioni.

 

7.     POLITICHE SOCIALI, PER L’INFANZIA E PER LA FAMIGLIA

 

POLITICHE ECONOMICHE, SOCIALI E DEL LAVORO

Per colmare l’atavico divario tra le due comunità di Pisticci e Marconia, occorre puntare sulla creazione nelle nuove generazioni di un nuovo senso di appartenenza all’intero territorio, mediante la sua conoscenza. In questo un ruolo fondamentale avrà la promozione di progetti e attività formative da parte del comune, in collaborazione con associazioni e scuole, che mirino a far conoscere il territorio nelle sue peculiarità, per imparare ad apprezzarne le risorse e sentirsi cittadini di ogni contrada.

Occorre, poi, promuovere stili di vita più sani e combattere i fenomeni di degrado sociale provocati dall’abuso di alcol, sostanze stupefacenti e dal gioco d’azzardo. Anche in questo campo sono fondamentali iniziative di sensibilizzazione e contrasto di tali fenomeni.

Nel 2017 il consiglio comunale ha approvato una delibera grazie alla quale l’Amministrazione può emanare provvedimenti volti a ribadire il rispetto  della legge  regionale di contrasto al gioco d’azzardo (che prevede una distanza minima dei locali contenenti slot-machine dai luoghi sensibili quali scuole e chiese) con l’aggiunta di una limitazione degli orari di apertura degli esercizi commerciali specifici, al fine di evitare sessioni di esposizione troppo lunghe. 

LOTTA ALL'ESCLUSIONE SOCIALE ED ALLA POVERTÀ'

In relazione alla funzione di costante monitoraggio delle situazioni di disagio economico e sociale e di aiuto ai cittadini attraverso servizi di consulenza, programmi di sostegno e di istruzione per famiglie svantaggiate, si deve sottolineare che il Comune di Pisticci, nell’ambito dei fondi rinvenienti dal PO FESR 2014-2020 Asse IV "Inclusione sociale", ha ottenuto un finanziamento di euro 340.000 per la realizzazione di un Centro diurno semiresidenziale per soggetti diversamente abili ultra sedicenni, al fine di garantire il prosieguo del percorso di inserimento sociale, anche dopo la fine della scuola dell’obbligo. Sarà compito della prossima amministrazione provvedere alla messa in funzione della struttura, consentendo alle famiglie di poter fruire di un servizio fondamentale per il prosieguo del percorso formativo dei loro ragazzi.

Lotta agli sprechi alimentari: in collaborazione con gli esercizi commerciali del territorio, si deve pensare alla creazione di “zone last minute” all’interno dei supermercati, dove i prodotti prossimi alla scadenza possano essere venduti a prezzi ribassati, e la creazione di gruppi di acquisto e di scambio solidale. 

POLITICHE GIOVANILI

La fuga dei giovani in cerca di occupazione è da sempre un problema direttamente connesso al fenomeno dello spopolamento e della decrescita demografica. Incentivare i giovani a restare nel proprio paese al termine del percorso scolastico non significa fare loro promesse irrealizzabili, ma creare le condizioni per cui riescano a trovare spazio  per sviluppare nel  proprio territorio le conoscenze acquisite con lo studio. Ciò è realizzabile soltanto offrendo loro l’opportunità di partecipare a concorsi pubblici trasparenti, meritocratici e accessibili, come quelli realizzati nell’ultimo quinquennio amministrativo, incentivando l’imprenditorialità giovanile attraverso sgravi fiscali alle nuove imprese che si insediano sul territorio (le opportunità offerte dalla ZES e gli sgravi fiscali previsti dal Consiglio comunale costituiscono già un ottimo punto di partenza) e offrendo ai giovani percorsi formativi nella PA.

Un’esperienza importante di quest’ultimo quinquennio è stato il Servizio civile, progetto promosso dal Dipartimento per le Politiche giovanili della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in collaborazione con le amministrazioni locali, che consiste in un’esperienza formativa di un anno, per giovani da 18 a 28 anni, in settori della pubblica amministrazione quali l’assistenza, la protezione civile, l’educazione e la promozione culturale. Negli ultimi anni oltre 100 giovani pisticcesi hanno avuto modo di misurarsi con questa esperienza, acquisendo preziose competenze in seno all’amministrazione del proprio territorio e punteggi per la preparazione di concorsi pubblici. Si prevede per il futuro di implementare ulteriormente queste attività.

 

POLITICHE A FAVORE DELL’INVECCHIAMENTO ATTIVO

Il coinvolgimento degli anziani è uno strumento fondamentale per rivalutare l’esperienza e la competenza delle persone anziane, soprattutto per attività di volontariato (realizzando corsi di cucina, di cucito, di economia domestica, espletando servizi come ausiliari del traffico dinanzi alle scuole e nel controllo delle ville comunali). Con deliberazione della giunta comunale n. 218 del 7.12.2017 è stato approvato il regolamento per l’istituzione del “Nonno vigile”, uno strumento di collaborazione tra popolazione anziana e Amministrazione, volto a favorire la partecipazione degli anziani alla vita della comunità e ottenere, al contempo, un maggiore controllo delle aree cittadine maggiormente frequentate dai bambini, come le aree antistanti gli istituti scolastici e le ville comunali. Tale strumento, però, non è giunto ad una piena operatività, per cui occorrerà esaminare le criticità del provvedimento assunto e renderlo concretamente attuabile.

Altro fondamentale obiettivo da perseguire è l’individuazione di un luogo idoneo ad ospitare una Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani non autosufficienti, che necessitano di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa. Nell’ambito della prossima programmazione socio-sanitaria dell’Ambito Metapontino-Collina Materana, di cui Pisticci fa parte, occorrerà individuare le opportune risorse per realizzare tale servizio nel territorio.

 

LOTTA AL CAPORALATO E ALLO SFRUTTAMENTO

In collaborazione con la Prefettura di Matera, mediante l’utilizzo di risorse rinvenienti dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione del Ministero dell’Interno, il comune di Pisticci si è dotato di uno sportello informativo, situato presso la delegazione comunale di Marconia, cui i lavoratori stagionali extracomunitari possono rivolgersi per ottenere assistenza relativa alle pratiche in materia di contratti di lavoro e per tutti i servizi offerti dalla Pubblica Amministrazione,  con l’obiettivo di contrastare il fenomeno del caporalato e lo sfruttamento.

 

BENESSERE COLLETTIVO

E’ un tema che coinvolge diversi aspetti della vita cittadina, dalla qualità dei servizi pubblici, alle azioni a tutela della garanzia dei livelli essenziali delle prestazioni fondamentali.

Il comune di Pisticci, per la prima volta nella sua storia, si è dotato di un asilo nido comunale per bambini da 3 a 36 mesi, servizio molto apprezzato dalle famiglie e sicuramente da incrementare mediante nuove dotazioni strutturali e attraverso il reperimento di fondi per garantire una fruizione dei servizi più articolata. 

Sempre in tema di servizi scolastici, fondamentale è stata l’istituzione della Commissione Mensa Scolastica nelle scuole primarie, volta a monitorare la qualità del servizio erogato, mediante una fattiva collaborazione tra famiglie e istituzione. Per il futuro ci si propone di realizzare veri e propri corsi di educazione alimentare, con il supporto di professionisti locali, al fine di promuovere un’alimentazione sana tra bambini e adulti. 

Il benessere degli alunni è e deve essere al centro dell’attività dell’amministrazione che, negli ultimi cinque anni, ha riservato alle scuole particolari attenzioni. Ciò innanzitutto dal punto di vista dell’efficienza delle strutture esistenti, sulle quali sono stati investiti fondi per progetti di adeguamento antisismico ed efficientamento energetico per oltre 3 milioni di euro. Si è lavorato, altresì, sul coinvolgimento dei giovanissimi nella vita amministrativa del territorio, attraverso l’approvazione del regolamento che istituisce il “Consiglio comunale dei ragazzi”, volto ad educare i giovani della nostra comunità alla rappresentanza democratica e all'impegno politico, nonché ad approfondire le loro conoscenze sul territorio in cui vivono, far comprendere il funzionamento della macchina amministrativa e far convergere le loro potenzialità e le loro idee in progetti di pubblica utilità. Allo stato attuale lo strumento risulta, però, inattuato, per cui occorrerà darvi nuovo impulso nel corso del prossimo quinquennio amministrativo. 

Con fondi dedicati al potenziamento delle infrastrutture  sociali nel  mezzogiorno d’Italia, l’amministrazione in carica ha promosso la realizzazione di una biblioteca di comunità presso i locali dell’ex istituto Agrario in piazza Elettra a Marconia, struttura che già ospita la sede della Pro Loco Marconia e dell’Istituto musicale Trabaci. L’idea è quella di creare spazi di aggregazione e laboratori di idee dedicati ai giovani e alle associazioni del territorio. 

Ugualmente importante è la valorizzazione delle ville comunali, da riqualificare attraverso l’acquisto di nuove attrezzature ludiche inclusive e mediante progetti promossi in collaborazione con le associazioni del territorio, di cui un primo importante esempio si è avuto con il concorso di idee “Sedili d’autore”, che ha permesso di migliorare il decoro delle panchine, decorate da artisti locali secondo tematiche inerenti alla storia, al patrimonio naturalistico e culturale del territorio. 

Va implementata l’attività di recupero delle aree verdi attualmente non completamente fruibili, così come previsto per l’area prospiciente via Rocco Scotellaro, che verrà arredata con giochi per i bambini e con uno spazio dedicato alla piantumazione di essenze arboree per celebrare le nuove nascite nel territorio.

 

TUTELA DELLA SALUTE E DEI LIVELLI DI EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ESSENZIALI

Il comune di Pisticci ha aderito nel 2018 alla Fondazione Ambiente e Ricerca Basilicata e, nell’ambito di tale partenariato, ha chiesto ed ottenuto l’inclusione degli abitanti di Pisticci Scalo nel progetto di sorveglianza sanitaria EPIBAS. Il progetto consiste in un’indagine epidemiologica alla quale vengono sottoposti i cittadini residenti nelle aree ove si svolgono attività rientranti nella filiera dell’estrazione petrolifera, allo scopo di monitorarne gli effetti sulla salute umana. Attualmente il progetto è stato avviato nei paesi della Val d’Agri e si attende l’inizio delle attività, in collaborazione con l’Azienda sanitaria materana, nel territorio di Pisticci.

Nel 2017 sono stati ultimati i lavori del Centro Dialisi, che opera in convenzione con il SSN, mentre risale alla fine del 2019 l’ultimazione dei lavori strutturali di  demolizione del 4 e 5 livello e consolidamento antisismico dell’Ospedale di Tinchi, attività svolta con accorgimenti tali da non influire sulle prestazioni sanitarie che si sono svolte nella struttura. Ultimati i lavori, a maggio scorso sono stati trasferiti gli ambulatori al piano terra dell’edificio e occorrerà dare continuo impulso al dialogo con la Regione Basilicata per definire il ruolo che la struttura avrà nel redigendo Piano sanitario regionale: le proposte attualmente al vaglio riguardano la riabilitazione cardiopolmonare, e l’allocazione dell’hospice, attualmente ospitato presso la struttura sanitaria di Stigliano.

 

Ultima modifica Mercoledì, 15 Settembre 2021 19:04