Sabato, 13 Luglio 2024

Da domani 5 giugno, sarà attivo l’autovelox fisso di Terzo Cavone, sulla strada Statale 106 Jonica nel territorio di Scanzano Jonico. Lo conferma il comando della Polizia Municipale di Scanzano. L’autovelox è posto qualche centinaio di metri dopo il ponte che fa da confine con il comune di Pisticci, procedendo verso Reggio Calabria. Al contrario, la postazione fissa situata in direzione Taranto, resta ancora disattivata per via dei lavori che l’Anas sta effettuando sullo spartitraffico centrale.

In questo periodo in cui si parla molto spesso di incidenti stradali, fa piacere apprendere che per garantire una maggiore sicurezza, saranno attivi entro i primi giorni di dicembre, probabilmente dal 10 dicembre, due nuovi autovelox sulla strada statale 106 Jonica.

La Cassazione ha stabilito, con una sentenza dello scorso 31 agosto, che una multa per eccesso di velocità può essere annullata se manca la giusta distanza e visibilità del cartello che segnala la presenza dell'autovelox.

Il Comune di Ferrandina informa che da lunedì 24 aprile 2023 l’autovelox, installato sul tratto della SS 407 Basentana compreso tra il km 68+870 e il km71+310, tornerà a essere attivo. Il limite di velocità è di 80 km/h.

I proventi di multe e contravvenzioni?

Secondo quando riportato nell’articolo di Giovanna Laguardia e pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno, "per molte città un vero e proprio tesoretto. Iscritto in bilancio sotto la dicitura «Proventi derivanti dall’attività di controllo e repressione delle irregolarità e degli illeciti». Si tratta, in massima parte, delle multe. “Ma quali sono in Basilicata i comuni “paperoni”?. Per scoprirlo ci viene in soccorso uno studio di Openpolis, fondazione indipendente e senza scopo di lucro che promuove progetti per l'accesso alle informazioni pubbliche. Gli ultimi dati confrontabili (pubblicati sulla piattaforma Openbilanci) risalgono al 2021 e, per la Basilicata, fotografano la seguente situazione: Pisticci sul primo gradino del podio, Potenza a ruota e Matera un po’ più distanziata. Il dato, ovviamente, non tiene conto dell’autovelox installato dal Comune di Potenza nell’estate del 2022 nei pressi dell’ingresso di est della città, in contrada Varco d’Izzo, che ha provocato un fiume di polemiche in città, a fronte di un introito di oltre 7 milioni di euro. Una novità che presumibilmente il prossimo anno catapulterà proprio il capoluogo di regione sul primo gradino del podio.

Ma torniamo ai dati validati, relativi al 2021. Sempre secondo quanto riportato dalla Gazzetta del Mezzogiorno, in base alla ricerca diffusa da Openpolis, il comune di Pisticci è stato quello che ha guadagnato di più dalle multe: in totale 2.056.077,81 euro. Subito dopo c’è Potenza, con 2.041.313,32 euro. Questi sono gli unici due comuni lucani sopra i 2 milioni. Alle loro spalle Matera (1.572.277,19 euro) e Ferrandina (1.249.614,97 euro). Se parliamo però di entrate pro capite, a guidare la classifica è Pomarico, con i suoi 940.000 che, divisi per una popolazione di 4.084 abitanti, fa 245,30 euro pro capite, contro i 154 di Ferrandina, 122 di Pisticci e gli appena 31 euro pro capite di Potenza, seguita da Tito (29, 52 euro pro capite per una entrata totale di 210.959,89 euro) e Matera (26,32 euro pro capite).

E gli altri? Pochi spiccioli. Del resto, secondo l’analisi di Openpolis, la Basilicata è fra le regioni dove le entrate in bilancio risultano fra le più basse. «Mediamente - si legge nel rapporto - i comuni italiani incassano 14,65 euro pro capite da multe e ammende. Le amministrazioni liguri sono quelle che registrano la media più alta (35,69) seguite da quelle venete (30,29) e umbre (28,88). I comuni che invece riportano le entrate minori sono quelli della Valle d’Aosta (6,56 euro pro capite), Basilicata (6,26) e Sardegna (5,81)». Le amministrazioni liguri registrano le entrate medie più alte con 35,69 euro pro capite. Di contro, in Basilicata, c’è un nutrito gruppo di paesi che nel 2021 dalle multe non ha guadagnato neppure un euro. Si tratta di Oppido Lucano, Salandra, Barile, Acerenza, Chiaromonte, Balvano, Maschito, San Severino Lucano, Valsinni, Abriola, Roccanova, San Mauro Forte, Sarconi, Albano di Lucania, Episcopia, Castelsaraceno, San Chirico Nuovo, Cancellara, Colobraro, San Giorgio Lucano, Savoia di Lucania, Aliano, Gorgoglione, Rapone, Gallicchio, Noepoli, San Martino d’Agri, Ginestra, Calciano, San Costantino Albanese, Fardella, Armento, Teana, Missanello, Guardia Perticara, Oliveto Lucano, Calvera, San Paolo Albanese.

Va specificato che i proventi delle multe, decurtati di una quota destinata al fondo per i crediti di difficile esigibilità, deve essere per legge destinato dai Comuni ad interventi sulla viabilità e per la Polizia Locale"-

Post Gallery

Inizio dei lavori per la rete delle acque bianche a Marconia. Negro: “Raggiunto obiettivo”

Sabato appuntamento con la FIDAPA: 24 donne sporranno le loro opere a Pisticci

I Nomadi in concerto a Pomarico il 14 luglio

Da Essenza Lucano la presentazione di “Inludo Festival”

Al Ce.C.A.M. la XIII Edizione del premio Piero Piepoli

Appello di Tavolo verde Puglia e Basilicata al nuovo governo regionale

Emergenza idrica, Carella (Femca Cisl): «Evitare polemiche tra imprese e agricoltori, serve confronto per affrontare la difficile situazione in Valbasento»

La Provincia di Matera consegna degli impianti sportivi annessi all’Iis Pitagora di Policoro

Verifica delle condizioni ambientali del Basento allo scarico di Tecnoparco: M5S e PD presentano interrogazione