26Maggio2017

 

Sei qui: Home Politica Valbasento. Castelluccio: ‘Torni in agenda priorità 2017’
  • image
  • image
  • image

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

Valbasento. Castelluccio: ‘Torni in agenda priorità 2017’

Ha fatto bene l’Ugl chimici del Materano a rimettere al centro dell’agenda istituzionale del nuovo anno la questione Valbasento anche per colmare la disattenzione, o se vogliamo sottovalutazione, degli altri sindacati che nel corso della conferenza stampa di fine anno non mi pare abbiano fatto riferimento al futuro di quello che da troppo tempo è diventato un “cimitero industriale”. A sostenerlo è il vice presidente del Consiglio Regionale Paolo Castelluccio (Fi) per il quale “la Giunta Regionale nel 2017 deve accelerare progetti, programmi ed azioni di reindustrializzazione e bonifica di quest’area.
Voglio ricordare – ha aggiunto Castelluccio - che in Terza Commissione abbiamo tenuto numerose audizioni e sedute dedicate alla ValBasento sollecitando il Governo Regionale ad incalzare l’Eni a tenere fede agli impegni per recuperare le aree dismesse ex Enichem-Anic di Pisticci e il Governo Nazionale ad accelerare l’opera di bonifica in Valbasento che continua ad accumulare ritardi enormi ed ingiustificabili. E sempre per l’Eni l’impegno in Basilicata ha un significato particolare per le note vicende legate alle inchieste giudiziarie che riguardano l’attività del Centro Oli di Viggiano e lo smaltimento dei rifiuti speciali proprio in Valbasento. Anche dal programma di Terna con quattro miliardi di investimenti in quattro anni, ci aspettiamo risposte alle esigenze dell’utenza lucana sia privata che imprenditoriale. Non vorremmo che la “strategia verde” di Eni e Governo nazionale bypassi i nostri territori che invece – penso ai comparti agricolo-zootecnico e della piccola impresa – per raggiungere la competitività necessitano di piccoli-medi impianti di energia alternativa a costi più bassi. Vale tra i tanti gli esempi del costo energetico per il sollevamento dell’acqua degli impianti irrigui e per riscaldare impianti-serra nel Metapontino.
Quanto al Patto per la Basilicata siglato dall’ex Premier Renzi e Pittella, fatti due conti, Matera e la provincia di Matera porterebbero (il condizionale è d’obbligo) a casa 800-900 milioni di euro (compresi interventi Anas e Ferrovie che interessano Potentino e Materano e pertanto di difficile suddivisione) su circa 4 miliardi di euro di dotazione. A parte gli 85 milioni a sostegno dell’attuazione degli interventi previsti per Matera 2019, per ora i progetti che riguardano direttamente il Materano a cui sono destinati esplicitamente finanziamenti si contano sulle dita di una mano. Il Materano e nello specifico Metapontino e Valbasento non possono certamente aspettare nuovi programmi di finanziamenti. E per chi avesse dimenticato le cifre degli sprechi, è il caso di ricordare che le spese relative alla gestione dei programmi da maggio 2000 a dicembre 2014 come certificato dal Comitato di gestione per la reindustrializzazione della ValBasento relative allo stato di attuazione delle azioni finanziate da una delibera Cipe con un bando emanato nel 2000 - rileva Castelluccio - ammontano a 2.661.110,84 euro con risultati sotto gli occhi di tutti. Per il triennio 2015-2017 è prevista una spesa necessaria pari a 1.239.159,91 euro comprensiva della somma di 750.000 euro pari al 3 per cento di 25 meuro (per gli investimenti da realizzare) che è la quota di compensi da destinare ad Invitalia per la gestione del Bando regionale a valere sull'Accordo Murgiano. Non si sprechi più nemmeno un euro e – conclude – si individuino i canali finanziari necessari”.

   

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione ed inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su "Policy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.