Martedì, 21 Maggio 2024

La Polizia di Stato di Matera ha arrestato in flagranza un 41enne per il reato di atti persecutori ai danni della coniuge separata.

Nella sua abitazione sono state rinvenute dosi di cocaina e un’ingente somma di danaro in banconote di piccolo taglio.

Anche quest’anno la Polizia di Stato, avvalendosi della consolidata collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, ha avviato la 5^ edizione del progetto PretenDiamo Legalità, rivolto alle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado.

La Polizia di Stato di Matera ha notificato l’avviso di conclusione indagini preliminari emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Matera nei confronti di un 44enne pugliese; nei suoi confronti sono stati ipotizzati diversi furti pluriaggravati, ai danni di pazienti ricoverati presso l’Ospedale di Matera tra il mese di agosto 2019 e gennaio 2020.

La Sezione di Polizia Giudiziaria della Polizia di Stato, diretta dal Procuratore della Repubblica di Matera, ha svolto una complessa attività info-investigativa che ha portato alla luce finanziamenti ai privati che, con l’apporto di un funzionario della Provincia di Matera, attingendo ai fondi messi a disposizione da parte della Regione Basilicata a favore del medesimo Ente, hanno potuto beneficiare nel tempo di diverse somme di denaro per presunti danni subiti in agricoltura, e derivati dalla fauna selvatica, in particolare dai cinghiali.

Post Gallery

21 milioni di euro per le PMI. Pubblicato sul BUR l’avviso pubblico

Al Crob di Rionero la biopsia liquida, un nuovo metodo di ricerca dei tumori

Riconferme alla guida dell’Unpli Basilicata

Tavolo Verde: l'incoerenza e l'incompetenza in Politica Agraria

A Matera e Metaponto “Play the games 2024” con atleti provenienti da 11 regioni

Di Trani: “Ringrazio chi mi ha votato, la maggioranza prenda atto del suo fallimento”

Ampiamente insufficienti i servizi educativi per la prima infanzia in Basilicata

Disponibile da oggi il videoclip di Krikka Reaggae "Haters telematici"

Presunto autore di una truffa individuato grazie alle impronte digitali