Mercoledì, 28 Febbraio 2024

Da Ferrandina a Capo Nord in moto: il ferrandinese Loizzo sogna di ripetere le imprese di Guzzi

Venerdì, 15 Luglio 2022

Attraverserà l’Italia e l’Europa portando con sé uno striscione con il nome della città

Con la sua moto Guzzi modello "Lodola 235 Gt del 1960, come mostra la foto di Rocco Scattino, questa mattina, Luciano Loizzo si è messo in viaggio da Ferrandina per raggiungere Capo Nord.

“Ho deciso di affrontare questo mitico raid – ha spiegato Luciano, alla partenza- per ripetere, nella veste di appassionato ed estimatore di moto d'epoca, le grandi imprese del grande costruttore e collaudatore Giuseppe Guzzi della famosa fabbrica di Moto Guzzi di Mandello del Lario”.

Il sogno di Luciano è essere il primo cittadino ferrandinese a portare le insegne della città nel punto più alto d'Europa.  Lo striscione col nome di Ferrandina gli è stato consegnato prima della partenza dal sindaco Carmine Lisanti, insieme all’Amministrazione comunale.

Ricevuta la benedizione di don Pierdomenico Di Candia, salutato dalle sorelle, il fratello e dagli amici del moto club Salandra, è partito in sella al suo “gioiellino”, equipaggiato di tutto punto e personalizzato con la mappa del percorso.

Attraverserà tutta l'Italia, Austria, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia, percorrendo circa 5.000 km. La meta è ancora lontana, ma Luciano è certo di riuscire a vincere questa sfida, prima di tutto con sé stesso e poi con la strada.

Post Gallery

Conclusa la prima tappa del Cinefrutta 2024 a Pisticci, domani si replica a Marconia

Le iniziative dell’ASM all’ospedale di Policoro per la giornata mondiale dell’udito

Per la festa della donna, a Marconia concerto delle “Insolito Pop”

Si finge prete, arrestato dalla Polizia per truffa

L’alberghiero di Marconia al 2° Memorial Francesco Testa

Processo Materit: condannati i 5 imputati, pena prescritta

Questione S.S.407 Basentana: convocato il consiglio comunale aperto

Maltratta la madre e picchia il fratello: la Polizia interviene

Mariangela Zito verrà intervistata da Chin International Radio di Toronto