Martedì, 16 Aprile 2024

Pisticci festeggia la Madonna di Viggiano

Giovedì, 31 Agosto 2023

Domenica 3 settembre con la tradizionale lunga fiaccolata notturna, si concluderanno nella nostra città, i festeggiamenti in onore della Madonna di Viggiano, Regina e patrona della Basilicata, qui particolarmente venerata dove, da oltre 40 anni, viene ricordata in modo solenne, nella prima domenica di settembre.

Una bellissima, grande e maestosa statua della “Madonna nera” - come viene anche chiamata per il volto scuro che la contraddistingue – troneggia dal 1975 nel piazzale di via Cantisano dove ogni anno si celebrano i festeggiamenti.

Anche quest’anno il comitato presieduto dal parroco don Mattia Albano, unitamente ai suoi attivissimi ragazzi, ha voluto fare le cose in grande, predisponendo un fitto calendario di preparazione alla festa.

Si è iniziato il 25 agosto con la processione della Madonna verso la chiesa parrocchiale di Sant’Antonio per l’inizio della novena, accompagnata dal Complesso Bandististo Città di Pisticci del maestro Mariano Pastore. A seguire altre cerimonie religiose come quella del 1 settembre con l’adorazione eucaristica alle ore 19,30 animata dai R.n.S. e quella di sabato 2 settembre con la celebrazione di 2 sante messe (8,00 -19) e alle ore 20,00 intrattenimento musicale per le principali vie dell’abitato con spettacolo conclusivo in P.zza Umberto I° con la Street Band “Quattroperquattro”.

Domenica 3 settembre, giornata clou, con la celebrazione di due Sante Messe, alle ore 6,00 (Messa dell’Aurora) davanti al Monumento della Vergine in via Cantisano e alle 10,00 in Sant’Antonio, mentre nel pomeriggio (ore 18,30) la statua sarà portata in processione attraverso le principali via cittadine accompagnata dal Complesso Bandistico Città di Pisticci e da moltissimi fedeli con la presenza del Sindaco di Pisticci Domenico Albano, Giunta e consiglieri comunali e altre autorità civili e militari. Al rientro della processione, la celebrazione di una santa messa di ringraziamento in via Cantisano, con intrattenimento musicale della Banda pisticcese. Intorno alle ore 22,00 una lunga fiaccolata dopo un lungo giro dell’abitato, accompagnerà la statua nella sua abituale dimora nella cappella del Piro. La serata si concluderà con lo spettacolo di fuochi pirotecnici nel Piazzale Calcetto della ditta La Pirotecnica di Danilo Madio di Bernalda, già parecchio apprezzata durante le feste di San Rocco.

Per l’occasione vogliamo ricordare un triste episodio di tanti anni fa quando una fedele vecchietta pisticcese, Vincenzina Rosano, dopo aver partecipato alla processione serale, si era incamminata per far ritorno a casa nel rione Dirupo, dove purtroppo, non giunse mai. Sparita nel nulla, della nonnina non si ebbero più notizie. Un mistero. Sarebbe opportuno, come già ha sempre fatto don Michele Leone, da parte di don Mattia, ricordarla durante la omelia.

Anche quest’anno, tanti i fedeli pisticcesi che, rispettando una tradizione ultrasecolare di grande fede, si recano al santuario di Viggiano salendo a piedi il monte tra strade impervie e boschi, fino a raggiungere la cappella per poi ridiscendere con la processione che porta la statua a valle. In passato, si ricorda, i fedeli da Pisticci, unitamente a quelli di altri centri del materano, raggiungevano il Santuario a piedi o su traini, viaggiando addirittura per diversi giorni.

Michele Selvaggi

Post Gallery

Latronico: “Continueremo a lavorare per dare centralità e forza alla comunità di Pisticci”

Voto Assistito: cosa fare e come richiederlo

Lazazzera su furti carburante e attrezzi agricoli: intervenire con urgenza

Carabinieri di Pisticci denunciano a Bernalda 8 persone per rissa

Legambiente Basilicata presenta la sua agenda programmatica per le elezioni regionali 2024

Pisticci presente alla premiazione regionale del Concorso nazionale Eplibriamoci

Domani un seminario a Matera sulla progettazione e realizzazione dei giardini pensili

Elezioni Regionali: incontro a Pisticci con il Presidente Giuseppe Conte e Viviana Verri

Plume – Pensieri, Letture, Visioni in viaggio tra i paesetti lucani