Lunedì, 18 Ottobre 2021

È stata aggiornata alla fine di novembre l’udienza preliminare in cui il GUP dovrà esprimersi sulla richiesta di giudizio con rito abbreviato presentata da tutti gli otto imputati per violenza sessuale di gruppo e lesioni aggravate.

A un anno dai drammatici fatti, avvenuti in una villetta di Marconia di Pisticci, dove secondo l’accusa un branco di otto ragazzi tra i 19 ed i 23 anni, hanno violentato due ragazzine inglesi di 15 e 16 anni, sette degli indagati, in manette da qualche giorno dopo, sono ancora in regime di carcerazione preventiva.

"Negli ultimi mesi, e ancor più negli ultimi giorni, il nostro territorio ha registrato un notevole aumento di spiacevoli episodi di violenza e la crescita di una sorta di cultura criminale fra giovani e adolescenti. Troppo spesso ci si imbatte in fatti di questo genere e troppo spesso ne sono protagonisti i nostri ragazzi".

E' stata fissata per il prossimo 28 settembre, davanti al gup presso il Tribunale di Matera, Angela Rosa Nettis, l'udienza per decidere sulla richiesta di processo con rito abbreviato avanzata dai difensori di 8 giovani, di età compresa tra i 19 e i 23 anni, accusati a vario titolo di aver commesso violenza sessuale di gruppo e lesioni personali aggravate e continuate nei confronti di due ragazze quindicenni di nazionalità britannica, in vacanza in Basilicata, il 7 settembre 2020 durante una festa in una villa privata di Marconia.

Gli agenti della Polizia di Stato hanno eseguito nella mattinata del 31 marzo l’ordinanza di misura cautelare in carcere, disposta dal Gip del Tribunale di Matera, nei confronti di un fisioterapista di Matera, 57enne incensurato, accusato di aver commesso violenza sessuale aggravata e continuata nei confronti di una 14enne, approfittando delle condizioni di minorata difesa della vittima.

Pagina 1 di 3