Giovedì, 21 Gennaio 2021

L'Ospedale Madonna delle Grazie di Matera aderisce al progetto 'Tsunami': plasma iperimmune per sconfiggere il Covid

Venerdì, 20 Novembre 2020

Gli studi sulla sperimentazione nazionale della terapia del plasma iperimmune di pazienti guariti hanno iniziato a dare ottimi risultati per la lotta contro il COVID.
Il progetto, definito “TSUNAMI”, ha come capofila l’azienda ospedaliera Cisanello di Pisa, scelta dal Ministero della Salute, ISS e AIFA.

L’Ospedale Madonna delle Grazie, in linea con gli studi scientifici, tramite l' U.O.C. (Unione Operativa Complessa) del “Servizio Immunotrasfusionale” si occupa della raccolta, trattamento e conservazione del plasma iperimmune. La terapia consiste nel prelevare il plasma da soggetti guariti che hanno sviluppato un elevato numero di anticorpi. Viene infuso al paziente nella fase acuta della malattia per ottenere risultati efficaci.
"In base alla letteratura scientifica fino ad oggi disponibile, - dichiara il dottor Giannella, Direttore del “Servizio Immunotrasfusionale” - è possibile affermare che questo tipo di terapia risponde rapidamente. Questo lascia ben sperare anche perché in passato, durante altre pandemie, è stata adoperata con successo".
La difficoltà sta nel trovare donatori idonei.

Il Dottor De Stefano, responsabile del progetto “TSUNAMI” in Basilicata, spiega che per effettuare la donazione del plasma bisogna avere determinati requisiti:
- età compresa tra i 18-60;
- peso di almeno 50 kg;
- donne che non abbiano avuto gravidanze;
- soggetti ricoverati con diagnosi COVID-19 dopo 14 giorni dal tampone negativo;
- soggetti che abbiano già donato plasma iperimmune

"Sono orgoglioso e soddisfatto di essere a capo di una struttura ospedaliera – dice il Direttore Generale ASM Annese – dotata di tutte le professionalità necessarie all’adozione della raccolta del plasma iperimmune. La nostra Azienda è allineata con gli ultimi studi scientifici nazionali in ordine all’efficienza del metodo e per questo ha iniziato, da qualche mese, la somministrazione randomizzata di questa terapia".

Chiunque abbia superato questa infezione da COVID-19, può contattare uno dei numeri del centro trasfusionale di Potenza e di Matera per sottoporsi ad un prelievo di sangue per verificare la eleggibilità all’essere donatori.
Successivamente, i donatori verranno sottoposti ad una procedura di plasmaferesi, sottrazione di plasma, che potrà, dopo ulteriori procedure di inattivazione, eseguite per eliminare eventuali infezioni date da agenti trasmissibili, essere somministrato a pazienti affetti da COVID – 19.
Nonostante la carenza di personale sanitario, si sta lavorando con grande impegno per far fronte alle difficoltà e all’intensità del lavoro che questo delicato periodo di emergenza sanitaria richiede.

Ultima modifica Sabato, 21 Novembre 2020 17:35

Ultimi Tweets

Coronavirus in Basilicata. Confermato il nuovo trend negativo https://t.co/cEjrfy7utD #coronavirus #COVID19
Per esigenze organizzative la sfilata dei Bersaglieri avrà inizio alle ore 16.30 partendo da piazza Giulio Cesare.… https://t.co/sEu8n5U1mZ
Grandinata record, Pisticci chiede lo stato di calamità https://t.co/9KyNoUqNJQ
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

La pubblica illuminazione diventa a led. Domani circolazione stradale inibita in alcune vie dell'abitato di Pisticci

FP Cgil: risolvere le criticità per l’assunzione di 30 unità all’Arpab

Coronavirus in Basilicata: 884 test processati; 57 casi positivi di cui 2 in territorio di Pisticci

Il Movimento 5 Stelle Pisticci attacca la Regione sul tema Ospedale di Tinchi

FIOM CGIL su aumento casi positivi al Covid tra lavoratori FCA: “Incrementare le misure di sicurezza”

Il rapper Zinga trionfa e vince il contest di Traplist Italia

Coronavirus in Basilicata: 751 tamponi effettuati, 61 positivi, 8 decessi

Minaccia la convivente con una katana: 70enne arrestato dalla Polizia

Coronavirus in Basilicata: brusco calo dei tamponi, effettuati 187 test e accertati 7 nuovi casi