Giovedì, 13 Giugno 2024

Coronavirus in Basilicata. In aumento ricoveri e terapie intensive

Lunedì, 26 Ottobre 2020

La task force regionale ha emanato il bollettino relativo al fine settimana del 24 e del 25 ottobre 2020. Ai 77 nuovi positivi di cui abbiamo dato notizia ieri, si aggiungono ulteriori 8 tamponi positivi che riguardano solo residenti nel potentino:

4 di Maratea
1 di Episcopia
1 di Genzano
1 di Melfi
1 di Rionero

Fra i 77 positivi di ieri, da segnalare anche 1 residente in Veneto ed in isolamento a Palazzo San Gervasio che era stato erroneamente indicato fra i guariti.

Risultano guarite altre 12 persone:

7 di Pescopagano
4 di Potenza
1 di Brienza

Aumentano di 14 unità i ricoverati (e di 3 unità i posti occupati in Terapia Intensiva) che passano da 58 a 72: all’ospedale San Carlo di Potenza 22 persone sono ricoverate nel reparto di Malattie infettive, 20 nel reparto di Pneumologia, 2 nel reparto di Medicina d’Urgenza, 3 nel reparto di Terapia Intensiva; all’ospedale ‘Madonna delle Grazie’ di Matera 18 persone si trovano nel reparto di Malattie infettive, 3 nel reparto di Pneumologia e 4 in quello di Terapia intensiva.

Il totale delle persone positive al Covid-19 attualmente presenti in Basilicata sale a 955 unità di cui 883 sono in isolamento domiciliare.

Ultima modifica Lunedì, 26 Ottobre 2020 14:46

Post Gallery

Forum Democratico: strade comunali sempre più dissestate, chiediamo un programma speciale urgente

Siglato un accordo tra la Pol CS Pisticci e la ASD Pisticci Seven

A Pisticci si celebra la festa di Sant’Antonio da Padova

L’Ente Pro Loco Basilicata sceglie Gretacar, la soluzione per il monitoraggio ambientale made in Pisticci vincitrice del premio ASVIS

Un evento e una mostra dedicata al Ginkgo Biloba a Marconia, sabato 15 giugno

Nuovo allarme nel tarantino: «i canali sono a secco, la Basilicata smetta di giocare con la dignità degli agricoltori pugliesi!»

Provincia di Matera, presentata la seconda edizione di “Vivi Montalbano”

In piazza La Salsa un “goloso appuntamento”

Fugge e non presta soccorso dopo l’incidente