Sabato, 22 Giugno 2024

Cia-Agricoltori: evitare divieti alla caccia al cinghiale

Sabato, 23 Ottobre 2021

"Temiamo un’ulteriore diffusione della fauna selvatica, in particolare di alcune specie come i cinghiali"

Cia-Agricoltori si oppone all’allargamento del divieto dell’esercizio venatorio a Comuni e Regioni in zone molto più ampie interessate da incendi rispetto a quelle percorse dal fuoco, che fa temere un’ulteriore diffusione della fauna selvatica, in particolare di alcune specie come i cinghiali. Cia-Agricoltori chiede pertanto un forte impegno delle forze politiche a opporsi all’approvazione di tali proposte.

I danni causati dagli ungulati -sottolinea l’organizzazione- sono sempre maggiori per le aziende agricole, arrivate all’esasperazione, e sono in costante aumento anche i rischi per l’incolumità dei cittadini, non solo nelle aree rurali. Secondo la Cia sul territorio lucano possono essere ospitati senza squilibri ed effetti negativi un massimo di 20.000-25.000 (oggi siamo a 5/6 volte superiori) capi di ungulati.

“Abbiamo quantizzato negli ultimi anni – sottolinea Giambattista Lorusso presidente Cia Potenza – risarcimenti fra i 3 e i 3,5 milioni di euro annui. C’è poi il problema del risarcimento dei danni che non va oltre il 20-30% del valore effettivo di quello rilevato, ancorato a stime e quotazioni in alcuni casi risibili oppure tante mancate denunce in quanto i proprietari o non sono titolari di fascicoli o perché si tratta di aziende marginali, i danni ogni anno sono almeno 10 volte le quote risarcite.

Sono circa 2 milioni di euro i risarcimenti per danni alle colture agricole (in gran parte ortofrutticole, vigneti e uliveti pregiate), circa 500 mila euro per aggressione a mandrie e greggi da lupi e altri animali selvatici e mediamente intorno a 800/1 milione per risarcimento per incidenti e danni auto a mezzi e strutture varie. Con queste risorse finanziarie è possibile mettere in campo un grande progetto della filiera agro-faunistica-venatoria integrata e sostenibile che potrebbe nella nostra regione capovolgere un problema “in opportunità”, in coerenza con i processi di riqualificazione ambientale, paesaggistica dello spazio rurale, quale punto di forza e leva di sviluppo sostenibile e diffuso in Basilicata. Seguiamo pertanto con grande attenzione e sostegno il primo progetto pilota per la realizzazione di una filiera delle carni di cinghiale lucano, che a Picerno vede agricoltori già in una fase avanzata di attuazione attraverso la trasformazione, lavorazione e commercializzazione delle carni”.

Post Gallery

Dal 1° luglio stop delle prestazioni sanitarie per i lucani, all’ospedale Miulli

Una domenica in compagnia con l’Avis Pisticci Mariano Pugliese

“Miulli”: nei prossimi giorni tavolo tecnico tra Regione e Direzione Sanitaria

L'Associazione "Le Matine" chiude la "Festa della Musica"

Femca Cisl prima sigla sindacale alla Coopbox di Ferrandina. La soddisfazione di Carella

19enne evade dai domiciliari, condotto in carcere dalla Polizia

La replica dell’assessore Troiano all’ASD Elettra Marconia

Aperte le iscrizioni per la Nona Edizione della “Pisticci Cup”

Affidati in gestione 3 impianti sportivi comunali