Sabato, 22 Giugno 2024

Elezioni europee: nessun lucano in Parlamento, i dati

Lunedì, 10 Giugno 2024

Per le elezioni europee ha votato complessivamente in Italia il 49,69% degli aventi diritto, in Basilicata il 42,82% rispetto al al 47,3% del 2019 (39,10% nel Materano, 44,47 nel Potentino): i dati sono definitivi.

In Basilicata Fratelli d’Italia cresce ancora e si conferma il primo partito, ottenendo il suo miglior risultato nella storia politica lucana. Seguono PD con il 23,1% e il M5S con il 12,7%, in crescita rispetto al 13,8% e al 7,6% delle Regionali del 21 e 22 aprile scorso, vinte nettamente dal riconfermato governatore Vito Bardi.
I pentastellati, però, perdono quasi dieci punti rispetto alle Politiche 2022, quando, in Basilicata, raggiunsero il 22,5%.
Significativo anche il risultato lucano di Azione, che spinto dal candidato Marcello Pittella, ha raggiunto il 9,2%, ma l’ex presidente della Regione e attuale consigliere regionale non sarà eletto in Europarlamento per il mancato superamento della soglia del 4% a livello nazionale. Nessun lucano andrà quindi all’Europarlamento.

Rispetto alle Regionali di aprile, perdono voti Forza Italia (dal 13 all’8,9%) e la Lega (dal 7,8 al 5,4%),

Con 24.699 voti, in Basilicata, Giorgia Meloni è la più votata alle elezioni Europee che hanno confermato Fratelli d’Italia (25,5%) primo partito in regione.
Al secondo posto, a quota 22.807 presenze, Antonio Decaro del Partito democratico (23,1%), al terzo il lucano Marcello Pittella (Azione, in Basilicata al 9,2%) che nella sua regione ottiene 16.204 voti, poco meno della metà dei circa 33 mila dell’intera circoscrizione meridionale.
Tra i leder nazionali in lista per le Europee, in Basilicata, 7.304 preferenze per Antonio Tajani con Forza Italia a quota 8,9%. La Lega ha chiuso invece al 5,4% con 4.083 voti per Roberto Vannacci.

Pasquale Tridico (4.038) è stato il più votato per il Movimento Cinque Stelle (12,7%). Tra i lucani, nessuno dei quali eletto all’Europarlamento, in Basilicata 5.640 voti per Antonio Rubino (Stati Uniti d’Europa al 5,5%) e 10.265 per Nicola Benedetto (Fratelli d’Italia).

Per quanto riguarda il dato nazionale dell’affluenza alle elezioni europee meno di un italiano su 2 è andato a votare. Ad eccezione del 2004, quando il dato definitivo fu del 71,7% e del 1999 con il 69,8%, l’affluenza per le europee ha visto un costante e progressivo vistoso calo. Nel 2014 votò, alla chiusura dei seggi, il 57,22% degli aventi diritto mentre nel 2019, quando si votò solo di domenica, alle urne andò il 54,5%.

Evocato da tutti gli schieramenti politici nel corso della campagna elettorale, lo spettro di un vistoso calo di votanti alle urne si è palesato fin dal primissimo dato delle 23 di sabato. Un trend confermato anche nella seconda giornata di voto e alla chiusura dei seggi, con dati arrivati con grande lentezza. Un nuovo record negativo di affluenza, dopo il 54,5% del 2019.

Sono dunque sempre meno gli italiani che vanno a votare per il rinnovo del Parlamento Europeo, mentre sembra “reggere” ancora l’elettorato chiamato ad esprimere la preferenza per le amministrative, sia per l’elezione di sindaci – si è votato in quasi 3.700 comuni di cui 7 capoluoghi di regione – sia per l’elezione del presidente e del consiglio regionale, in questo caso del Piemonte, come già nel 2019. Proprio in Piemonte si è avuta un’affluenza del 56,37% (era stata 63,22) mentre alle comunali ha votato il 62,72% (67,90%).

Ad eccezione del 2004, quando il dato definitivo fu del 73% e superò il 70,8% del 1999, l’affluenza per le europee ha visto un costante e progressivo vistoso calo. Nel 2014 votò, alla chiusura dei seggi, il 57,22% degli aventi diritto mentre nel 2019, quando si votò solo di domenica, alle urne andò il 54,5%. In quella circostanza si andò alle urne anche per le regionali in Piemonte e in 3.800 comuni. Analizzando il dato nelle circoscrizioni, le regioni più virtuose sono l’Umbria e l’Emilia Romagna, mentre il fanalino di coda è la Sardegna.

Complessivamente la circoscrizione con il maggior numero di persone che si sono recate alle urne è quella Nord Occidentale, che comprende Liguria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta che supera ampiamente il 50% dei votanti; questa soglia viene superata anche dalla circoscrizione Nord Orientale e da quella Centrale mentre la maglia nera spetta alla circoscrizione Meridionale e Insulare (Sicilia e Sardegna) che non raggiungono il 50% dei votanti.

Il voto per il nuovo parlamento di Strasburgo ha viaggiato in parallelo, per circa 17 milioni di italiani, con quello per le amministrative. L’affluenza in questo caso è stata più alta, segno che il voto per il territorio resta primario rispetto a quello europeo. Non sono poi mancati casi particolari, come quello di Cerreto di Spoleto dove già alle 12 di domenica aveva già votato oltre il 51% degli aventi diritto.

Post Gallery

Dal 1° luglio stop delle prestazioni sanitarie per i lucani, all’ospedale Miulli

Una domenica in compagnia con l’Avis Pisticci Mariano Pugliese

“Miulli”: nei prossimi giorni tavolo tecnico tra Regione e Direzione Sanitaria

L'Associazione "Le Matine" chiude la "Festa della Musica"

Femca Cisl prima sigla sindacale alla Coopbox di Ferrandina. La soddisfazione di Carella

19enne evade dai domiciliari, condotto in carcere dalla Polizia

La replica dell’assessore Troiano all’ASD Elettra Marconia

Aperte le iscrizioni per la Nona Edizione della “Pisticci Cup”

Affidati in gestione 3 impianti sportivi comunali