Giovedì, 30 Maggio 2024

Con 5,79 GW di nuove installazioni di rinnovabili nel 2023, in Italia dopo 12 anni le fonti rinnovabili tornano finalmente a crescere facendo registrare un +4,2 GW rispetto al 2012 e un + 2,6 GW rispetto al 2022. A fare da traino è il solare fotovoltaico con 5,23 GW di nuova potenza installata, seguito dall’eolico che registra, anche se con un ritmo più lento, un incremento di potenza di 487 MW. Dati nel complesso importanti che indicano come l’Italia stia andando finalmente nella giusta direzione, anche se deve fare ancora di più. Se da una parte i 5,79 GW di nuove installazioni rappresentano una crescita e un passo importante - testimoniata anche dai primi dati del 2024 con +52% di capacità rinnovabile in esercizio rispetto al dato rilevato nello stesso periodo del 2023 – dall’altro lato non sono ancora sufficienti per centrare gli obiettivi 2030. Stando alla media delle installazioni degli ultimi tre anni, l’Italia con questo ritmo solo nel 2046 – con ben 16 anni di ritardo rispetto al 2030 -raggiungerà il 100% degli obiettivi e riuscirà a soddisfare la quota di 90 GW di potenza rinnovabile installata.

E' un trend in crescita, nel triennio 2021-2023, quello che emerge in Basilicata dai numeri che sono stati resi noti dal rapporto su "Gli utenti dei Ser.D. in Basilicata", il Servizio per le Dipendenze che si occupa di prevenzione, cura e riabilitazione di persone a rischio o che hanno sviluppato una dipendenza, redatto dalla Direzione generale per la salute e le politiche della persona della Regione Basilicata.

La Campania fa meglio di qualsiasi altra regione d’Italia: novantadue imprese campane su cento fanno utili, precisamente il 92,3% ed è la migliore percentuale italiana. I dati sono stati estrapolati sui bilanci di 17.562 società di capitali con sede legale in Campania che complessivamente fatturano 141 miliardi di euro. I numeri del Sud Italia in valori assoluti sono distanti da quelli del Nord, ma a livello percentuale le altre regioni meridionali fanno meglio rispetto agli utili: in Calabria il 90,6%, in Sicilia l’89,9%, in Molise l’89,8% e in Basilicata l’89,7%.

L’assemblea delle Pro Loco Unpli Basilicata APS, tenutasi domenica scorsa a Matera, ha riconfermato per acclamazione Vito Sabia alla guida dell’Unpli Basilicata e il Consigliere Nazionale Unpli Pierfranco De Marco. Sono state ben 64 le Pro Loco votanti a fronte delle circa 80 affiliate Unpli: convenute all’assemblea 37 in presenza e 27 con delega. Undici i candidati al consiglio regionale per 10 componenti previsti dal nuovo regolamento. Ecco i nomi degli eletti membri di giunta e i probiviri: Cappiello Angelica (Rapone), Zuardi Michele (Bella), Stati Rocco Antonello (Tricarico), Fortunato Rosa (Paterno), Catena Saveria (Oliveto Lucano), D’Elicio Rocco (Montescaglioso), Gallo Anthony (Corleto Perticara), Gallo Giuseppe (Metaponto), Spina Vincenzo (Gallicchio), Cotugno Giuseppe (Matera).

Sono stati definiti "ampiamente insufficienti rispetto al quadro nazionale" i servizi educativi per la prima infanzia in Basilicata: è il quadro che è emerso dai dati del Rapporto Ires Cgil che è stato presentato stamani, a Potenza, dalle segretarie regionali, Anna Russelli e Giuliana Scarano, e dal direttore Ires Basilicata, Riccardo Achilli.

Pagina 1 di 92

Post Gallery

Mister Lavecchia lascia il Pisticci. “Ho bisogno di nuovi stimoli, grazie a tutti di cuore”

Il presidente Marrese ha incontrato una delegazione dell’ANA UGL

Il 4 giugno consegna borse di studio del Concorso sulla Sicurezza stradale organizzato dal Comune

Decreto Caivano: avviso del Questore nei confronti di un giovane

Tenuta Visconti insignita del premio Industria Felix

La cantautrice gama finalista del concorso “Permette Signorina”

Un successo la presentazione del romanzo “Memorie di una famiglia di guantai”

La mostra Basilicata Eccellenze culturali ed enogastronomiche all’IIS “G. Fortunato” – IPSEOA ITAA di Marconia

Un valido aiuto per tutte le mamme e i papà