Giovedì, 13 Giugno 2024

NoScorie: “poche le risposte su Itrec e su reflui petroliferi radioattivi”

Sabato, 06 Aprile 2024

Di seguito il comunicato di NoScorie Trisaia sull'incontro con Regione, Arpab e Sogin del 5 aprile.

“Il tavolo della trasparenza sul nucleare in Basilicata è stato istituto con Ordinanza P.C.M. 3355/2004 e delibera GR1806/2004. Il tavolo dovrebbe riguardare, oltre il sito della Trisaia di Rotondella, tutta la gestione di ogni attività di rilievo “in materia di tutela della salute e dell’ambiente dal nucleare” nella nostra regione anche per altre materie civili e industriali (campo medico e petrolifero) il tavolo della trasparenza – lo ricordiamo – viene convocato poco e su richiesta. In data 5 aprile scorso, su pressante richiesta del sindaco di Rotondella, è stato convocato il tavolo della trasparenza sul nucleare in Basilicata. Le nostre domande al tavolo erano inerenti la produzione di materiale potenzialmente radioattivo in regione e sul decommissioning dell’itrec. In particolare abbiamo richiesto di conoscere: da Regione e Arpab cosa è stato autorizzato in merito allo scarico di tali sostanze radioattive in aria e acqua presso un impianto autorizzato dalla regione Basilicata che tratta reflui petroliferi tossici e radioattivi a monte del Lago del Pertusillo? Come e dove sono smaltiti i rifiuti petroliferi radioattivi nella nostra regione? Su entrambi questi quesiti dagli enti pubblici titolati alle autorizzazioni non sono state fornite risposte; da Sogin, quali sono i volumi di stoccaggio presso i capannoni in via di realizzazione e in progetto (ICFP E NSD1)? In merito non ci è stato fornito al tavolo il dato della stima di previsione dei rifiuti che si prevede di produrre nel sito, riservandosi Sogin di fornirlo. Per No Scorie, in una regione che ha subito vari tentativi di essere riempita di scorie nucleari dal 1978 ad oggi, l’approccio produttivo-logistico sui volumi dei capannoni da realizzare previsti da Sogin va integrato da un approccio valutativo/storico prima che le istituzioni locali diano le loro autorizzazioni.

Da Sogin, ci hanno confermato che i cask dovrebbero essere allocati nel capannone ICFP in costruzione. Le info sulle procedure ministeriali, però non erano chiare su quali altri capannoni erano interessati allo stoccaggio dei cask . Sulla contaminazione chimica (cromo e trielina) la Sogin questa volta ha ricondotto la fonte all’impianto Magnox , a differenza dell’ultimo tavolo. Oltre al ribadire “è tutto sotto controllo” non ci è stato dato modo per via del tempo di valutare però attentamente lo stato sulla contaminazione e la bonifica in atto.

Sul sequestro di una condotta operata dai Noe quest’estate, gli enti pubblici presenti al tavolo ci hanno informato che la condotta è stata dissequestrata, ma non c’è stato modo di approfondire per via del tempo ulteriormente la questione anche sull’utilità di questa condotta e sui controlli che vengono fatti sullo scarico nel fiume.

Abbiamo Ringraziato la Prefettura per aver redatto da tempo il piano di protezione civile nucleare esterno e consigliato ai comuni di divulgarlo. Abbiamo consigliato inoltre all’amministrazione comunale di Rotondella di riunire anche in municipio gli attori interessati al tavolo anche per aver le risposte non fornite al tavolo.

Eppure dai questi tavoli (anche molto animati e partecipati) sono stati in passato un momento di confronto e crescita per amministrazioni, associazioni e la stessa Sogin. Giusto per ricordarlo negli anni (dal 2004 in poi) in questo tavolo siamo riusciti a far valere il concetto di controllore e controllato in regione Basilicata; la stessa Arpab si è formata sui monitoraggi radioattivi e ha avuto accesso al centro Itrec. Lungo la fascia jonica abbiamo avuto le prime centraline pubbliche sul controllo della radioattività. Si è inoltre aperto un dibattito internazionale sulla restituzione delle barre di Elk River con interessamento dei governi e soprattutto si è iniziato a discutere sui principi dei criteri Ispra sulla sicurezza delle dighe e degli impianti nucleare a valle (criterio passato nei criteri Ispra per la scelta del deposito nazionale di scorie). Ma è servito anche per capire cosa accadeva nel sito (incidenti a parte), e vigilato sul fatto che potesse diventare un sito provvisorio definitivo.

nella foto il tevolo della trasparenza

Post Gallery

Forum Democratico: strade comunali sempre più dissestate, chiediamo un programma speciale urgente

Siglato un accordo tra la Pol CS Pisticci e la ASD Pisticci Seven

A Pisticci si celebra la festa di Sant’Antonio da Padova

L’Ente Pro Loco Basilicata sceglie Gretacar, la soluzione per il monitoraggio ambientale made in Pisticci vincitrice del premio ASVIS

Un evento e una mostra dedicata al Ginkgo Biloba a Marconia, sabato 15 giugno

Nuovo allarme nel tarantino: «i canali sono a secco, la Basilicata smetta di giocare con la dignità degli agricoltori pugliesi!»

Provincia di Matera, presentata la seconda edizione di “Vivi Montalbano”

In piazza La Salsa un “goloso appuntamento”

Fugge e non presta soccorso dopo l’incidente