Sabato, 22 Giugno 2024

La Cisl Fp diffida l’Asm sul lavoro agile e chiede l’intervento della Regione Basilicata

Martedì, 11 Giugno 2024

Per la sigla sindacale il diritto al lavoro agile è previsto dal contratto collettivo e non può essere a discrezione dell'azienda sanitaria

Matera  – La Cisl Fp sollecita l’attivazione del lavoro agile, ai sensi dell’art. 76 del Ccnl del comparto sanità 2019-2021, denunciando che «per i dipendenti dell’Azienda sanitaria di Matera le norme contrattuali si applicano con discrezionalità e secondo criteri non ben definiti». In una diffida indirizzata, tra gli altri, al commissario dell’Asm Maurizio Friolo e al direttore generale del dipartimento salute della Regione Basilicata Massimo Mancini, i segretari della federazione cislina del pubblico impiego Pino Bollettino e Antonia Colangelo evidenziano che «l’art. 76 del Ccnl disciplina chiaramente, come mai in precedenza, la possibilità di effettuare la prestazione lavorativa in modalità di lavoro agile. Ciò nonostante – ricordano Bollettino e Colangelo – lo scorso gennaio l’Asm ha comunicato ai propri dipendenti che il lavoro agile cessava il 30 giugno 2024». Scelta che per la Cisl Fp «è palesemente contraria a quanto previsto dal Ccnl vigente in quanto da contratto la prestazione lavorativa in modalità di lavoro agile è a beneficio di tutti i dipendenti e non solo dei cosiddetti dipendenti fragili».

Non sono bastate le rimostranze e le interlocuzioni avvenute per le vie brevi a indurre l’Asm a fare marcia indietro sul congelamento del lavoro agile. Nel corso di un incontro lo scorso 16 maggio la Cisl Fp ha sollecitato l’azienda sanitaria «a definire i criteri del lavoro agile prima del 30 giugno, ovvero entro il termine massimo previsto, al fine di poter dare la possibilità ai dipendenti di poter continuare a fruire di un proprio legittimo diritto. A tutt’oggi, dopo quasi un mese dall’incontro, tutto continua a tacere e nessuna informativa è stata inviata alla nostra attenzione», lamentano Bollettino e Colangelo evidenziando che «i dipendenti dell’Asm sono degni di vedere riconosciuti i propri diritti al pari dei dipendenti delle altre amministrazioni pubbliche».

Di qui la decisione di diffidare l’Asm affinché applichi «immediatamente quanto previsto dall’art. 76 del Ccnl» e al contempo di chiedere al dipartimento Salute e Politiche della persona della Regione Basilicata di «intervenire esplicitamente su questa tematica affinché gli operatori del servizio sanitario regionale abbiano gli stessi diritti, a prescindere dalla sede di lavoro o dalla discrezionalità utilizzata da chi stabilisce regole a volte anche in netto contrasto con le norme. In caso contrario – preannunciano Bollettino e Colangelo – saremo costretti nostro malgrado ad avviare azioni di tutela legale nelle sedi opportune».   

Ultima modifica Martedì, 11 Giugno 2024 09:12

Post Gallery

Dal 1° luglio stop delle prestazioni sanitarie per i lucani, all’ospedale Miulli

Una domenica in compagnia con l’Avis Pisticci Mariano Pugliese

“Miulli”: nei prossimi giorni tavolo tecnico tra Regione e Direzione Sanitaria

L'Associazione "Le Matine" chiude la "Festa della Musica"

Femca Cisl prima sigla sindacale alla Coopbox di Ferrandina. La soddisfazione di Carella

19enne evade dai domiciliari, condotto in carcere dalla Polizia

La replica dell’assessore Troiano all’ASD Elettra Marconia

Aperte le iscrizioni per la Nona Edizione della “Pisticci Cup”

Affidati in gestione 3 impianti sportivi comunali