Martedì, 09 Agosto 2022

Braia: Infrastrutture, Merra e Fanelli rivendicano meriti non loro

Sabato, 06 Novembre 2021

Vengano, piuttosto, in Commissione e Consiglio per spiegare i criteri di riparto adottati e per definire priorità sulle infrastrutture da candidare al finanziamento del Governo, entro il 30 novembre.

“Non è cosa loro. La cattiva comunicazione non rende giustizia a chi ha messo in campo queste risorse che non sono regionali ma nazionali -Governo Draghi - per circa 21,6 milioni di euro. Chiameremo l'assessore Merra - oppure l'Assessore Fanelli che però non ci sembra aver acquisito delega nel frattempo - a relazionare in seconda commissione, da dove l’atto che è di programmazione non è passato, sul numero delle istanze pervenute e sui criteri di scelta delle opere, del riparto per questo triennio e per il prossimo. Ben venga l’annuncio dell’arrivo delle risorse per la realizzazione di tutta una serie di opere pubbliche ma, invece di prendersi meriti non loro e, al contempo, accusarsi reciprocamente, fra Assessori, per sconfinamento delle deleghe, il Presidente Bardi convochi, urgentemente, il Consiglio Regionale straordinario per la definizione della ricognizione delle opere infrastrutturali prioritarie per la Basilicata da mandare al Governo entro il 30 novembre, come indicato nella mozione presentata dal Italia Viva e già approvata all'unanimità dal Consiglio stesso.”

Lo dichiara il Consigliere Regionale IV Luca Braia, Presidente seconda commissione Programmazione e Bilancio.

“Il cambio di passo non esiste nel merito e men che meno nel metodo. Nonostante gli appelli alla collaborazione - prosegue Luca Braia - e i richiami morali, Bardi e il suo governo non aprono tavoli di confronto neanche laddove sono obbligati. La programmazione resta un affare per pochi, senza quella trasparenza evocata ma poi tradita, a danno, in questo caso, delle decine di sindaci e comuni che hanno chiesto sostegno e aiuto e che non comprendono le motivazioni della loro, al momento, esclusione.

La modalità con cui la Giunta Regionale continua ad agire rispetto all'utilizzo delle risorse nazionali - che arrivano e continueranno ad arrivare - ci vede molto critici perché, in merito alla scelta di Comuni e opere, non si comprendono i criteri che, chiaramente, con tutti i lucani e le lucane vorremmo conoscere dal momento che appaiono anche poco equi tra territori della provincia di Matera, nuovamente più penalizzata rispetto a quella di Potenza. Così come vorremmo conoscere tutte le istanze pervenute in questi anni alla Regione, ai sensi della L. 145/2018, finalizzate a investimenti per la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico; la messa in sicurezza di strade, ponti e viadotti; la messa in sicurezza degli edifici scolastici e di proprietà dei comuni; l’acquisto di impianti, macchinari, attrezzature tecnico-scientifiche, mezzi di trasporto e altri beni mobili a utilizzo pluriennale.

Tornando al 30 novembre che è praticamente arrivato, a chiare lettere nella mozione approvata quasi un mese fa, con voto unanime, la Giunta si è impegnata ad avviare la ricognizione delle infrastrutture da inviare al Governo entro questa scadenza. Come sempre ribadito, per noi sono in assoluto il raddoppio della S.P. ex S.S. 175 Matera-Metaponto che della S.S. 7 Matera-Ferrandina e l'adeguamento funzionale della Lauria-Candela.

Le infrastrutture sono l'unica "strada" possibile per uscire dall'isolamento e rilanciare territori ed economia. Ho avuto modo di confrontarmi su questi temi, nei giorni scorsi, con il Vice Ministro Teresa Bellanova e con l’On. Raffaella Paita Presidente della Commissione Trasporti, per fare il punto sullo stato di avanzamento delle opere in corso e sulla  programmazione attuale e futura per la Basilicata, a partire dal collegamento verso la dorsale adriatica della linea ferroviaria Ferrandina-Matera valorizzando le aree industriali e dalla viabilità regionale per la quale fondamentale saranno le istanze che arriveranno dalle Regioni.

Sarebbe ora smetterla con i litigi, con gli annunci di attestazioni inesistenti e con le perdite di tempo - conclude Luca Braia. Si sospenda la delibera di riparto in attesa che vengano chiariti in commissione i criteri oggettivi adottati e da adottare. Tenendo conto della gravità delle emergenze, della cronologia delle istanze e si convochi finalmente, in relazione al Decreto Infrastrutture ieri diventato legge, un Consiglio Regionale straordinario prima di inviare qualsiasi atto al Governo. Le emergenze infrastrutturali e le relative risorse per la Basilicata non appartengono ai partiti ma alle comunità: la politica deve farsi solamente lungimirante e virtuosa. Da Bardi attendiamo fatti.”

Ultimi Tweets

From IFTTT
Aperta con successo la stagione concertistica prodotta dall'Amministrazione Comunale di Pisticci… https://t.co/ro2COT1s1b
From IFTTT
L’ex sindaco di Pisticci Viviana Verri candidata alle primarie del M55 in vista delle elezioni del 25 settembre… https://t.co/zhfHbirNja
From IFTTT
Al cimitero comunale un omaggio alla nonna di Massimo Previtero premiato a Roma per il film “Caro nipote”… https://t.co/KTdpNyBMJI
Follow Pisticci.com on Twitter

Post Gallery

Aperta con successo la stagione concertistica prodotta dall'Amministrazione Comunale di Pisticci

L’ex sindaco di Pisticci Viviana Verri candidata alle primarie del M55 in vista delle elezioni del 25 settembre

Al cimitero comunale un omaggio alla nonna di Massimo Previtero premiato a Roma per il film “Caro nipote”

A Policoro torna “Il premio Heraclea”

Ferrandina-Matera: Rfi lancia gara da 311 milioni

Oggi al Ce.C.A.M inaugurazione della collettiva di pittura “Insieme”

Ex Materit, Carella (Femca Cisl): “Si faccia uno screening per tutti i lavoratori delle fabbriche vicine”

Domenica 7 agosto - bambini e ragazzi in festa per San Rocco, iniziativa della parrocchia e comitato feste

Cifarelli a Bardi: “Sollevare Cupparo da incarico”